keystone-sda.ch / STF (JEROME FAVRE)
ULTIME NOTIZIE Economia
MONDO
6 ore
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
7 ore
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
11 ore
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
15 ore
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
CANTONE
19 ore
Sia NFT, che rivista: l'idea che arriva da Lugano
Si tratta di un progetto della società con sede a Lugano The Cryptonomist, in collaborazione con l'italiana ArtRights
Canada
19 ore
Zara, Adidas e LVMH sono coinvolte nella deforestazione dell'Amazzonia
Gli alberi vengono abbattuti per fare spazio ai capi di bestiame grazie ai quali si producono borse, scarpe e portafogli
UNIONE EUROPEA
1 gior
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
1 gior
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
1 gior
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
1 gior
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
1 gior
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
MONDO
20.09.2021 - 20:370

Evergrande, Fed e anche Yellen: una tempesta quasi perfetta sui mercati

Tutte in rosso le borse europee, male anche Wall Street

NEW YORK - Evergrande crolla e le piazze finanziarie mondiali temono una Lehman Brothers cinese in grado di affondare il sistema finanziario globale. A innervosire i mercati, e alimentare un'ondata di vendite generalizzata, è anche l'attesa riunione della Fed, che mercoledì potrebbe annunciare la tempistica del ritiro degli stimoli all'economia messi in campo per la pandemia.

Non facilita gli scambi neanche l'appello del segretario al Tesoro americano Janet Yellen per un aumento del tetto del debito subito, senza se e senza ma: non farlo - ha messo in guardia - significherebbe scivolare in una nuova crisi e in recessione.

Lo sviluppatore immobiliare più indebitato al mondo ha chiuso in calo del 10,24% a Hong Kong, ai minimi dal maggio 2010, confermandosi sotto una crescente pressione in vista anche della scadenza di giovedì quando è in calendario il pagamento d'interessi su bond offshore. Un pagamento che, con molta probabilità, salterà scatenando - è la paura diffusa - un effetto domino. Il tonfo di Evergrande in borsa porta con forza alla ribalta i timori degli investitori per il mercato immobiliare cinese e la paura che Pechino possa estendere le sue politiche sulla casa - un «bene per vivere, e non per la speculazione» - anche a Hong Kong. Timori che fanno affondare tutte le piazze finanziarie.

Le borse europee chiudono tutte in rosso. Tonfo anche a Wall Street, dove i listini accusano perdite superiori al 2% confermando la cautela degli investitori nel mese di settembre. Dopo un'estate di record, infatti, Wall Street ha rallentato la sua corsa con gli investitori preoccupati da un possibile autunno volatile complice anche un Covid che non allenta la presa. L'indice Vix, spesso chiamato il termometro della paura, è schizzato del 34% ai massimi da oltre quattro mesi. Pesante anche il Bitcoin, che cede oltre il 10%. Non si salva neanche il petrolio, con le quotazioni in calo di quasi il 2%.

«Gli investitori si stanno riposizionando in attesa del probabile default dello sviluppatore cinese Evergrande nei prossimi giorni e delle più ampie implicazioni che questo potrebbe avere sul mercato», affermano alcuni analisti. Pur puntando il dito su Evergrande, e osservando come il timore è che sia solo la punta dell'iceberg della bolla immobiliare cinese, altri osservatori ritengono l'elevata volatilità del lunedì nero sulle borse normale dopo un lungo periodo di tranquillità e a fronte di valutazioni dei titoli molto elevate.

Il riposizionamento sui mercati precede il previsto annuncio della Fed sulla riduzione degli acquisti di asset mercoledì, con il successivo avvio del tapering da novembre. La stretta della banca centrale americana arriva in un periodo d'incertezza soprattutto politica, con il Congresso spaccato sulla manovra da 3.500 miliardi di dollari di Joe Biden, sul piano per le infrastrutture della Casa Bianca e sul futuro della Fed. Biden non ha infatti ancora sciolto le riserve su chi sarà il prossimo presidente e sulla possibilità che Powell venga riconfermato per altri quattro anni, come chiede una maggioranza bipartisan. Per il presidente infatti c'è da risolvere il nodo dei democratici progressisti che chiedono un cambio al vertice della banca centrale privilegiando una donna o una minoranza, ma soprattutto qualcuno più attento al clima rispetto all'attuale presidente.

Fra le incognite che agitano gli investitori c'è poi l'acceso scontro sull'aumento del tetto del debito. Nel mese di ottobre, ha avvertito Yellen, gli Stati Uniti non avranno più fondi a disposizione per far fronte ai loro obblighi di pagamento e senza un aumento il rischio è quello di un default, con conseguenze mondiali. «Un default potrebbe far schizzare i tassi d'interesse, causare un crollo dei mercati finanziari. La nostra ripresa economica si trasformerebbe in recessione, con milioni di posti di lavoro persi», ha messo in guardia il segretario al Tesoro americano. Un avvertimento che fa tremare e aleggia lo spettro di una crescente incertezza, la vera nemica dei mercati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 02:24:48 | 91.208.130.89