GERMANIAAccoltella due ragazzine e ne uccide una: «Nessun movente politico o religioso»

06.12.22 - 20:19
Il responsabile della violenta aggressione, un 27enne eritreo, non avrebbe precedenti penali.
Keystone
Fonte Ats
Accoltella due ragazzine e ne uccide una: «Nessun movente politico o religioso»
Il responsabile della violenta aggressione, un 27enne eritreo, non avrebbe precedenti penali.

ILLERKIRCHBERG - Un movente ancora non c'è. Tace, per il momento, il giovane eritreo che ieri ha aggredito due ragazzine con un coltello, uccidendone una, a Illerkirchberg, in Germania. È stato però il ministro dell'Interno del Baden-Württemberg, Thomas Strobl, ad affermare con risolutezza che «non c'è assolutamente alcun indizio che porti a pensare a una motivazione politica o religiosa».

L'amministratore regionale ha invitato tutti alla ragionevolezza: «Quello che è accaduto non deve diventare motivo o giustificazione per l'odio». «Le indagini chiariranno le circostanze del reato e l'assassino pagherà tutte le conseguenze del caso», ha aggiunto.

Armato di coltello, il 27enne richiedente asilo ha attaccato due ragazzine, cittadine tedesche di origine turca, mentre andavano a scuola. La più grande, di 14 anni, è morta poche ore dopo a causa delle ferite riportate, mentre la compagna di 13 è stata ricoverata in gravi condizioni. Subito dopo l'attacco, l'uomo è scappato in un alloggio per richiedenti asilo, dove è stato rintracciato dalla polizia ed arrestato. Con lui erano stati fermati anche due connazionali eritrei, poi rilasciati.

Stando alla procura, il 27enne non avrebbe precedenti penali, e non sarebbero stati accertati, per ora, neppure problemi psichiatrici. Resta da appurare, nel corso delle indagini, se conoscesse la vittima e la sua compagna. Oggi è arrivato sul posto anche l'ambasciatore turco in Germania, Ahmet Basar Sen, che ha chiesto chiarezza su quanto accaduto.

COMMENTI
 
Isone 1 mese fa su tio
Intanto una ragazzina è morta e la sua amica è gravemente ferita, mentre questo "essere" si è guadagnato il diritto di fare i suoi porci comodi in una prigione per i prossimi anni, a spese del contribunete, evitando di essere rispedito in patria. Ieri scrivevo "pena di morte", e oggi lo ripeto. Ma non perchè lui è un asilante fanc@zzista. Semplicemente per l'odiosità e l'inutilità del suo crimine ...
Chris_El_Suizo 1 mese fa su tio
Secondo me i richiedenti d`asilo fintanto che lo stesso non gli viene concesso dovrebbero rimanere in strutture chiuse, sotto controllo, troppi casi di violenza inaudita con protagonisti richiedenti d`asilo son successi in Europa per continuare a fare finta di niente, non sono casi isolati ma è una vera e propria tendenza, a quando la fine del buonismo?
gufo 1 mese fa su tio
L'amministratore regionale ha invitato tutti alla ragionevolezza: «Quello che è accaduto non deve diventare motivo o giustificazione per l'odio». ... fosse stata sua figlia ad essere accoltellata??? avrebbe scritto la stessa frase??
NOTIZIE PIÙ LETTE