Immobili
Veicoli
Lo Sputnik funziona, ecco i dati del vaccino russo
keystone-sda.ch / STR (MARKO DJOKOVIC)
RUSSIA
02.02.2021 - 13:490
Aggiornamento : 15:37

Lo Sputnik funziona, ecco i dati del vaccino russo

Il preparato russo, somministrato in due dosi con diversi vettori virali, ha un'efficacia del 91,6%

La sperimentazione ha coinvolto oltre 20'000 persone. Il 75% di queste ha ricevuto il vaccino.

MOSCA - Il vaccino contro il coronavirus di produzione russa, lo Sputnik V, ha un'efficacia superiore al 90% secondo i risultati di uno studio pubblicati oggi su The Lancet.

Ai test di fase tre riportati dalla rivista hanno preso parte oltre 20'000 persone, delle quali il 75% ha ricevuto il vaccino, mentre al restante gruppo è stato invece somministrato un placebo. I risultati preliminari dei trial parlano di un'efficacia del 91.6%.

Inoltre, tra i partecipanti si contano 2'144 persone al di sopra dei 60 anni. E per questa fascia d'età l'efficacia del vaccino è stata perfino superiore, attestandosi al 91,8%. A essere particolarmente incoraggiante, scrivono i ricercatori, è la ridotta insorgenza di sintomi gravi già dopo la prima inoculazione.

Nessun effetto collaterale grave
Dallo studio non è emerso alcun effetto collaterale grave correlato alla vaccinazione. Nel corso della fase di sperimentazione sono stati registrati tre decessi, ma nessuno di questi è risultato essere legato al preparato.

Il vaccino russo Sputnik V ha già ricevuto l'autorizzazione in diversi Paesi dell'America Latina e in Ungheria, oltre ovviamente alla Russia. L'interesse nei suoi confronti, con la complicità dei ritardi nelle forniture da parte dei principali vaccini finora autorizzati - Pfizer, Moderna e AstraZeneca - è in aumento anche in Europa.

Come funziona?
Il preparato russo, a differenza di quelli prodotti da Pfizer e da Moderna, non basa la propria azione sulla tecnologia dell'mRNA. Si tratta di un vaccino a vettore virale non replicante, in questo caso due versioni indebolite di un adenovirus, modificate per non replicarsi e quindi non infettare l'organismo umano. Anche lo Sputnik V prevede la somministrazione di due dosi, a 21 giorni di distanza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 11 mesi fa su tio
Piuttosto morto!!!
Moga 11 mesi fa su tio
Quelli targati USA sembra abbiano un'efficacia inferiore al 30%
Ro 11 mesi fa su tio
Un vaccino al 100% di protezione non esiste è mai esisterà. E perché non dare fiducia a questo vaccino ?
Galium 11 mesi fa su tio
Speriamo funzioni. Sarebbe sciocco avere pregiudizi circa il paese di origine del vaccino
Booble63 11 mesi fa su tio
@Galium Lo stesso anche per quello cinese. Chissà se questi andranno bene ai complottisti? Oppure Bill Gates è arrivato anche lì con i suoi nano chips?😀
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 03:53:45 | 91.208.130.89