Instagram
La tecnica di stimolazione elettrica, sviluppata al Politecnico di Losanna, ha già permesso a 6 persone paraplegiche di tornare a camminare
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 min
Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio
CINA
1 ora
A Hong Kong in migliaia in strada sfidano il divieto della polizia
STATI UNITI
3 ore
In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo
STATI UNITI
3 ore
Pompeo: «C'è Teheran dietro agli attacchi alle raffinerie saudite»
ARABIA SAUDITA
4 ore
Riad ferma la produzione nelle raffinerie colpite
STATI UNITI
6 ore
10 domande per fare bella figura al colloquio di lavoro
ITALIA / EUROPA
15 ore
Ecco dove andranno 58 migranti della Ocean Viking
REGNO UNITO
19 ore
Rubato il "water d'oro" di Maurizio Cattelan
STATI UNITI
21 ore
Il figlio di Osama bin Laden è stato ucciso dagli Stati Uniti
MALTA
21 ore
Air Malta: prosegue il braccio di ferro tra piloti e governo
ITALIA
22 ore
Due anziani escursionisti muiono in Valsesia
ZIMBABWE
22 ore
In migliaia ai funerali di Mugabe
ITALIA
23 ore
Barista gli serve la birra troppo fredda, lui tenta di strangolarla
REGNO UNITO
23 ore
Assange resterà in carcere anche dopo la scadenza della pena
STATI UNITI
23 ore
Nasce l'11 settembre alle 9.11, la piccola Christina diventa un simbolo della nuova vita
ITALIA
03.04.2019 - 20:530
Aggiornamento : 04.04.2019 - 08:07

Manuel Bortuzzo, una speranza arriva dalla Svizzera

La stimolazione elettrica wireless del midollo potrebbe aiutare il giovane nuotatore, vittima lo scorso febbraio di un agguato

ROMA / LOSANNA - Arriva dalla tecnica di stimolazione elettrica del midollo spinale 'wireless' - che ha già permesso a 6 persone paraplegiche di tornare a camminare - una speranza di ripresa per Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore vittima lo scorso febbraio di un agguato a Roma che gli ha compromesso l'utilizzo degli arti inferiori. Ad ipotizzarlo all'ANSA è Grégoire Courtine, del Politecnico federale di Losanna, il cui gruppo ha ideato la tecnica, insieme a Jocelyne Bloch dell'ospedale universitario vodese (CHUV).

«È prematuro parlarne - ha detto all'agenzia stampa - ma potenzialmente potrebbe rispondere al trattamento». Courtine domani presenterà i risultati della tecnica in un convegno alla Fondazione Santa Lucia IRCCS nella capitale italiana.

Nel 2018 il gruppo di ricerca svizzero, in un doppio studio su "Nature" e "Nature Neuroscience" pubblicato a fine ottobre, aveva annunciato i risultati della sperimentazione che, per la prima volta, aveva permesso a tre persone paraplegiche di tornare a camminare.

«Adesso - afferma Courtine - sono quindi 6 le persone paraplegiche che hanno ripreso a camminare attraverso la stimolazione wireless, che veicola impulsi di stimolazione midollare attraverso un impianto senza fili. Abbiamo dimostrato così un miglioramento della funzione neurologica in questi pazienti e ciò è sorprendente. Per 2 dei 6 pazienti, inoltre, si è registrato un miglioramento del controllo della funzionalità degli arti anche quando la stimolazione elettrica veniva spenta. Un recupero importante e impensabile - sottolinea - al quale si affianca un percorso di riabilitazione».

Il prossimo passo, spiega, sarà duplice e riguarderà sia il versante tecnologico sia quello terapeutico. Sul versante tecnologico, chiarisce, «bisognerà ulteriormente migliorare i dispositivi utilizzati, rendendo la tecnica di più facile utilizzo». Attualmente, infatti la stimolazione wireless viene effettuata posizionando un pace-maker a livello lombare nel paziente, ed un'antenna posizionata all'altezza dell'addome invia il comando per la stimolazione midollare.

Tutta l'operazione è controllata attraverso un piccolo tablet. «L'obiettivo - spiega - è arrivare ad inviare il comando di stimolazione attraverso un Iphone o un Iwatch». Sul versante terapeutico, invece, «finora la tecnica è stata utilizzata su persone con lesioni spinali 'vecchie' di alcuni anni, ma i test sui topi hanno dimostrato che un utilizzo della tecnica su lesioni recenti dà risultati notevolmente migliori.

Per questo - annuncia Courtine - dal 2020 avvieremo una nuova sperimentazione su pazienti con lesioni spinali recenti, a partire dalle 4 settimane precedenti, e per i quali ci attendiamo risultati ancora migliori. Si inizierà con 20 pazienti per poi estendere il test ad un'ottantina.

Inizialmente saranno coinvolti centri in Germania, Olanda e Svizzera ma, in una seconda fase, potrebbero entrare anche centri italiani come la Fondazione Santa Lucia.

6 mesi fa Manuel Bortuzzo è tornato a nuotare
6 mesi fa Bortuzzo a un mese dell'aggressione: un post d'amore per la fidanzata
6 mesi fa Il primo video di Manuel Bortuzzo dall'ospedale
7 mesi fa Bortuzzo, la criminalità ha spinto i due a costituirsi
7 mesi fa Colpito per errore, giovane promessa del nuoto rischia la paralisi
10 mesi fa A Losanna aiutano i paraplegici a camminare
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 12:36:11 | 91.208.130.85