Keystone
+9
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
7 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SVIZZERA
7 ore
Premi cassa malati, i Cantoni siano coinvolti
Il Consiglio degli Stati ha accettato la mozione Lombardi e altre quattro iniziative
ZURIGO
8 ore
«Il Böögg brucerà lo stesso», nonostante il Covid-19
La tradizione popolare sarà mantenuta, ma senza la presenza di pubblico e senza la festa delle corporazioni di Zurigo.
VALLESE
8 ore
Sospetta frode nell'elezione del Parlamento
Ieri i cittadini di Briga hanno eletto 11 rappresentanti in Gran Consiglio: un socialista, un verde, tre UDC e sei PPD
SAN GALLO
9 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
TURGOVIA
9 ore
Una manovra errata e l'automobile finisce di sotto
L'incidente è avvenuto oggi a mezzogiorno in un parcheggio di Rickenbach bei Wil.
SVIZZERA
9 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
GRIGIONI
10 ore
Brienz “scivola” sempre più velocemente
La montagna che sovrasta il paesino si sposta fino a 8 metri all'anno. I residenti non sono però a rischio
SVIZZERA
31.10.2018 - 21:020
Aggiornamento : 01.11.2018 - 10:13

A Losanna aiutano i paraplegici a camminare

La terapia del programma di riabilitazione di EPFL e CHUV si basa su una tecnica di elettrostimolazione ed esercizi intensi. Tre pazienti paralizzati da oltre 4 anni muovono le gambe

LOSANNA - Tre paraplegici possono muovere di nuovo le gambe e persino camminare con un sostegno grazie a un programma di riabilitazione sviluppato da ricercatori del Politecnico federale (EPFL) e dell'Ospedale universitario di Losanna (CHUV).

La terapia si basa principalmente su una sofisticata tecnica di elettrostimolazione ed esercizi intensi. I nervi motori vengono stimolati tramite elettrodi impiantati chirurgicamente nel midollo spinale del paziente presso il CHUV.

Questo sistema di intervento epidurale ha già avuto successo in esperimenti sugli animali, ma i risultati sugli umani erano finora alquanto limitati, sottolineano in due articoli pubblicati su "Nature" e "Nature Neuroscience" i ricercatori guidati da Grégoire Courtine (EPFL) e Jocelyne Bloch (CHUV).

La paralisi dovuta a lesioni del midollo spinale è stata a lungo considerata irreversibile, a meno che una certa mobilità non sia riacquisita nei primi mesi. Ma i risultati ottenuti dagli scienziati di Losanna mostrano che la paralisi potrebbe non essere così definitiva come si pensava finora.

Il sistema sviluppato da EPFL e CHUV sembra aver superato l'ostacolo ottimizzando i modelli di stimolazione elettrica epidurale (EES) del midollo spinale lombare con una precisa configurazione. I ricercatori hanno adattato i modelli individualmente ai pazienti e hanno migliorato sia il posizionamento sia il timing degli elettrodi che attivano il movimento dei gruppi muscolari appropriati, imitando i segnali dal cervello. La sfida per i paralitici era quella di imparare a coordinare l'intenzione del proprio cervello di muoversi con l'elettrostimolazione delle fibre nervose.

«La stimolazione mirata deve essere precisa come un orologio svizzero», ha sottolineato Bloch. «Il momento esatto e la posizione esatta dell'EES è essenziale per la capacità del paziente di eseguire movimenti volontari», ha precisato Courtine. E ciò stimola probabilmente anche la formazione di nuove connessioni nervose. È comunque particolarmente importante trattare la lesione il più presto possibile quando il potenziale di recupero è ancora elevato.

In tal modo tre pazienti paralizzati da oltre quattro anni in gran parte del corpo ora possono muovere nuovamente le gambe e persino camminare con dei supporti. Dopo una settimana di stimolazioni e di intenso addestramento sono riusciti a fare tentativi di camminata su un tapis roulant. Dopo cinque mesi di questo programma di riabilitazione sono stati in grado di muovere volontariamente le gambe senza EES e anche di camminare con stimolazione e l'ausilio di stampelle o deambulatore.

Solo di recente, due studi dagli Stati Uniti avevano riferito di successi con una tecnica analoga in pazienti completamente paraplegici, ma la capacità di muoversi era rimasta dipendente dalla stimolazione. Ciò che è notevole dei risultati dei ricercatori di Losanna è che una certa quantità di controllo del movimento è stata mantenuta anche dopo che la stimolazione è stata disattivata.

Esperti indipendenti mettono comunque in guardia da aspettative esagerate in merito ai nuovi risultati. Essi sono ancora ben lontani dall'essere trasferibili nella routine clinica e non si deve dare la speranza ingiustificata che ci sia una soluzione per tutti.

Keystone
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 02:29:34 | 91.208.130.89