keystone
CANTONE
24.02.2021 - 08:350

L'appello dei comunisti: «La società va riaperta»

Chiesta la riapertura di biblioteche, università e strutture di aggregazione culturale.

Ma anche l'importazione di quantitativi sufficienti di Soberana, Sputnik e CoronaVac.

LUGANO - Riaprire i luoghi d'aggregazione culturale e importare vaccini a più non posso. La scorsa settimana la Direzione del Partito Comunista ha lanciato una consultazione interna fra i membri del Partito e della Gioventù Comunista per valutare la situazione sul fronte delle risposte alla pandemia e proporre un cambio di paradigma nella gestione della stessa.

Dalla consultazione è emersa, ad ampia maggioranza, la necessità di «uscire dal lockdown con una strategia chiara e coerente», come sottolineato oggi in un comunicato del PC. «La cittadinanza - viene spiegato - ha bisogno di tornare a un minimo di socializzazione, di fiducia, di unità anche per evitare situazioni di forte tensione psichica!».

La proposta - «Anche se a sinistra siamo una voce fuori dal coro - proseguono i comunisti - non possiamo negare che un lockdown prolungato in regime di libero mercato favorisce solo la concentrazione di capitale a tutto vantaggio delle multinazionali e a scapito dei piccoli commercianti; il telelavoro reso strutturale fomenta il precariato e la parcellizzazione della classe lavoratrice; la scuola a distanza distrugge la relazione educativa sul piano umano e intensifica i processi di selezione sociale; infine impedire lo svago e lo sport per un periodo prolungato ha conseguenze negative anche sulla salute pubblica».

Per questi motivi - «nel rispetto delle misure di prevenzione sanitaria» - il Partito Comunista chiede che siano riaperti i luoghi di socializzazione come le biblioteche, le università, le strutture di aggregazione culturale, i centri giovanili e, con le opportune regole e limitazioni, anche i bar/ristoranti e le infrastrutture sportive.

Nel contempo, fra le altre cose, viene rivendicata una «diversificazione immediata e un aumento dei vaccini disponibili, importando in Svizzera quantitativi sufficienti di Soberana, Sputnik e CoronaVac».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 6 mesi fa su tio
Adesso i comunisti...... che vivono tranquillamente da NOI si mettono a fare gli economisti del capitalismo, tutto solo per interessi personali
seo56 6 mesi fa su tio
Assolutamente NO!! Chi si fida della patria del dittatore Putin?? Io No. Bisogna isolarla la Russia non comprargli il vaccino.
F/A-19 6 mesi fa su tio
Hanno ragione, non penso che in Africa fanno il lockdown ma nessuno si indigna se qualche africano di troppo muore, anzi.
TGas 6 mesi fa su tio
Prima bisogna tenere bassi i contagi e vaccinare, poi si può aprire.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 03:30:43 | 91.208.130.85