CHIASSO
07.07.2016 - 09:530
Aggiornamento : 13:45

Profondamente credente e amante del calcio. «Era un bravissimo ragazzo»

Il 20enne annegato ieri in un lago di Sedrun era in Ticino da due anni, abitava a Chiasso e giocava nell’Arogno. Il ricordo di un suo compagno

CHIASSO - Dalla Repubblica democratica del Congo a Chiasso. Era arrivato due anni fa nella città di confine H.M., il giovane 20enne annegato ieri mentre stava nuotando nel Lac Claus durante un campo estivo a Sedrun.

Perfettamente integrato - Il giovane, classe 1996, abitava con la famiglia a Chiasso, era molto credente e amava giocare a calcio. Militava in quinta Lega nell’Arogno. Un membro della squadra lo ricorda così. «Si faceva tre volte a settimana Chiasso - Arogno, ma non si lamentava mai». Ed era molto ben voluto nello spogliatoio. «Si era integrato molto bene. Aveva pure portato i compagni di squadra a casa sua e gli aveva offerto le specialità culinarie tipiche del suo paese d'origine».

«Doveva iniziare l’apprendistato» - Il ragazzo, dopo aver effettuato diversi stage negli scorsi mesi, avrebbe dovuto iniziare un apprendistato a settembre. «Era molto attivo. Quest’anno ha fatto anche l’uditore in diverse scuole per imparare meglio l’italiano. Era qui da soli due anni ma parlava molto bene la nostra lingua».

«Bravissimo ragazzo» - L’Arogno, oltre a un prezioso calciatore - giocava ala - perde un amico e una persona benvoluta da tutto il gruppo. «Era un bravissimo ragazzo» - conclude il suo compagno.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 06:08:14 | 91.208.130.86