Cerca e trova immobili

CANTONEIl Comitato "Stop ai tagli" lancia il referendum contro la riforma fiscale

15.12.23 - 12:27
La critica: «Sgravare fiscalmente chi guadagna più di 30’000 franchi al mese e mettere in difficoltà i dipendenti pubblici?
TiPress
Il Comitato "Stop ai tagli" lancia il referendum contro la riforma fiscale
La critica: «Sgravare fiscalmente chi guadagna più di 30’000 franchi al mese e mettere in difficoltà i dipendenti pubblici?

BELLINZONA - Riunitosi questa mattina, il comitato "Stop ai tagli", di cui fanno parte i sindacati e i partiti progressisti, ha lanciato il referendum contro la nuova riforma fiscale, approvata durante l'ultima sessione del Gran Consiglio.

«La riforma - è stato sottolineato durante la conferenza stampa - favorisce chi guadagna cifre astronomiche, proponendo infatti una riduzione dell'aliquota massima al 12% per chi ha un reddito imponibile di almeno 300'000 franchi. Questo corrisponde a un regalo fiscale per chi percepisce un salario netto mensile di almeno 30’000 franchi, con la giustificazione di stimolare l’economia. Tuttavia, questa manovra comporterà minori entrate stimate a 96 milioni di franchi all'anno per Cantone e Comuni. In sostanza, un nuovo regalo ai ricchi a discapito della redistribuzione equa delle risorse e del rafforzamento del Servizio pubblico».

In questo particolare periodo storico, con l'aumento dei premi di cassa malati, la perdita del potere d’acquisto a causa dell’inflazione e la precarizzazione del mercato del lavoro, «proporre una politica fiscale basata sugli sgravi ai redditi più elevati è a dir poco incosciente», ha sottolineato il Comitato. «Ora più che mai, con le finanze in profondo rosso a causa dei quasi 200 milioni di sgravi degli ultimi anni, non c’è margine per nuovi sgravi a chi non ne ha bisogno!».

Il Comitato "Stop ai tagli" si oppone quindi alla riforma invitando la cittadinanza a firmare il referendum.

Maggiori informazioni e i formulari sono disponibili su: www.stop-ai-tagli.ch

Il Comitato "Stop ai tagli" è composto da: Coordinamento donne della sinistra, Forum Alternativo, Giovani Verdi, Gioventù Comunista, Gioventù Socialista, MPS, OCST, Partito Comunista, Partito Operaio e Popolare, Partito Socialista, Più Donne, SEV, SISA, SIT, SSM, Syndicom, UNIA, USS, Verdi e VPOP.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Voilà 6 mesi fa su tio
Avrebbero dovuto separare gli sgravi ai redditi alti da quelli del capitale del II pilastro e della successione delle aziende. Questi pacchetti sono fatti apposta per imbrogliare i cittadini.

Noel 6 mesi fa su tio
ma questi ricchi dai redditi da 30000 al mese , perchè non escono è mettono la faccia dicendo che a loro questi regali non interessano perchè non ne hanno bisogno e una volta per tutte confermano che rimangono in ticino lo stesso senza emigrare in altri paradisi fiscali. Forza ricchi fatelo almemo per i vostri figli e nipoti se volete che nel futuro saranno circondati da un ticino migliore!!! sarebbe proprio bello e curioso sentire i nostri cari politici che direbberò davanti a ciò....

Voilà 6 mesi fa su tio
Risposta a Noel
Noel: non escono perché sono in GC o sono parenti e amici...

Bubo 6 mesi fa su tio
Speriamo in una raccolta firme di successo e in una bella vittoria in votazione popolare.

John Wayne 6 mesi fa su tio
I sindacalisti stanno cavalcando la cosa per meri scopi elettorali (come sulla faccenda driver che volevano far passare che con 8.- a consegna facevano i milioni, infatti la faccenda che fine ha fatto, finita in nulla), perché sanno che se dovesse mai venir publicata la loro paga farebbero magre figure, ma parlano di povertà, proprio loro che se gli dai in mano un cacciavite si fanno male!

Voilà 6 mesi fa su tio
Risposta a John Wayne
Vedi John Wayne, andiamo male perché molti invece di votare per l'argomento specifico votano contro un partito o una categoria. Vedi decreto Morisoli, quando molti pensavano di farla ai funzionari statali. In quanto a scopi elettorali ci sono partiti che cavalcano da anni il problema frontalierato o il problema rifugiati, ben sapendo che non possono fare niente, anzi, quelli di "Prima i nostri" sono i primi ad assumere frontalieri. Non aderisco a nessun partito e non mi interessano i luoghi comuni su sindacati o movimenti vari, guardo il tema in votazione, mi informo e mi faccio un'opinione per il voto e voto Soprattutto per qualcosa e non contro qualcuno.

Tirasass 6 mesi fa su tio
Non è solo con i referendum che vinceremo queste cose e la votazione sul decreto Morisoli dovrebbe aver insegnato qualcosa ai sindacati. Ma pare proprio di no, quindi avanti come sempre a sciupare quanto capitalizzato con le varie mobilitazioni. Poi lamentatevi che perdete tesserati. Cosa bisogna subire x fare uno sciopero di mezza giornata? Eh? Il dimezzamento del salario? Imbarazzante è oggi essere un tesserato sindacale...
NOTIZIE PIÙ LETTE