tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
«Caro Job Mentor, ti racconto come si diventa un fantasma»
Un ex impiegato di banca finito in assistenza spiega cosa dirà alla nuova figura chiamata ad aiutare gli over 50
FOTO
BELLINZONA
4 ore
La cagnolina finisce nel crepaccio, la salva la Spab
Avventura a lieto fine per una flat-gordon di sei anni mercoledì lungo il sentiero "Via dell'Acqua" in Val Morobbia.
CANTONE
6 ore
Radar un po' ovunque, ma soprattutto nel Luganese
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 10 al 16 maggio
CANTONE
6 ore
Scollinando... a fine estate
La passeggiata tra gli undici Comuni della Collina nord di Lugano è stata posticipata al 29 agosto.
CANTONE
7 ore
Otto cantieri e 144 operai controllati
Vasta operazione di controllo nel Mendrisiotto: «Riscontrate due mancate notifiche».
VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Branda nel fiume, Gianini sul Pizzo: parte il conto alla rovescia
Aria di ballottaggio nella Capitale. Il video di Tio/20Minuti tra la gente e con i due candidati, piuttosto golosi.
CANTONE
8 ore
Calcio regionale, il pallone si ferma definitivamente (ASF permettendo)
La FTC ha comunicato la propria intenzione di annullare i campionati degli attivi e dei seniori.
ORIGLIO
9 ore
Tutta la scuola Steiner in quarantena
Su circa 220 persone, fra allievi e docenti, sono già stati riscontrati 23 casi positivi.
BELLINZONA
9 ore
La pista itinerante fa tappa sul piazzale a lato dello Skateplaza
È stata posizionata oggi e resterà lì fino al 28 giugno.
CAPRIASCA
10 ore
Municipio di Capriasca: attribuiti i dicasteri
Andrea Pellegrinelli confermato Sindaco di quindina, Manuel Borla Vicesindaco.
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
10 ore
Una tradizione di famiglia che stappa un secolo di storia
Le Cantine Matasci di Tenero brindano ai primi 100 anni di vita. Un video ne ripercorre la storia.
MENDRISIO
12 ore
Spacciava e consumava droga, arrestato un 49enne
L'uomo è coinvolto anche nel soggiorno illegale di due donne albanesi arrestate in aprile a Melano
CANTONE
25.01.2021 - 18:160

Sviluppato un anticorpo che protegge dal Covid e dalle sue varianti

La scoperta arriva dai ricercatori dell'IRB di Bellinzona.

I test mostrano un'elevata e immediata efficacia.

BELLINZONA - L’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), affiliato all’Università della Svizzera italiana (USI), apre nuove prospettive terapeutiche contro SARS-CoV-2 e le sue varianti grazie all’immunoterapia.

I ricercatori di Bellinzona hanno sviluppato un anticorpo "doppio" di seconda generazione in grado da un lato di proteggere dalle varianti e dell’altro di impedire al virus di mutare per sfuggire alla terapia.

I test preclinici su questo anticorpo, svolti nel contesto di un consorzio di ricerca europeo, mostrano un’elevata e immediata efficacia. Buone le possibilità di utilizzo sia nella prevenzione della malattia, sia nella cura di pazienti.

La terapia immunologica - L’immunoterapia, basata su anticorpi monoclonali, si è già dimostrata efficace contro la COVID-19, ma ha due sfide da affrontare: funzionare contro le varianti in circolazione ed impedire la formazione di nuove varianti, che possono insorgere velocemente con meccanismi simili a quelli che causano la resistenza batterica agli antibiotici.

Il problema è stato risolto dai ricercatori di Bellinzona unendo due anticorpi naturali in una singola molecola artificiale, in gergo chiamata ‘anticorpo bispecifico’, in grado di attaccare contemporaneamente due regioni diverse del virus.

Test preclinici hanno dimostrato che questo anticorpo bispecifico protegge da SARS-CoV-2 e dalle sue varianti, inclusa la variante UK già diffusa in Svizzera ed Europa. A differenza di anticorpi della prima generazione, inoltre, impedisce al virus di cambiare la propria struttura per resistere alla terapia.

L’anticorpo bispecifico ha elevata efficacia e caratteristiche che lo rendono un ottimo candidato per la sperimentazione clinica, con buone possibilità di utilizzo sia nella prevenzione della malattia sia nella cura di pazienti.

«Abbiamo sfruttato la nostra conoscenza della struttura molecolare e proprietà biochimiche del virus per fondere due anticorpi umani e ottenere un’unica molecola che lo attacca contemporaneamente in due siti distinti e necessari per l’infezione», ha commentato Luca Varani, direttore di laboratorio dell’IRB e primo autore del lavoro. «Simulazioni al supercomputer ci hanno permesso di raffinare e validare il design dell’anticorpo bispecifico, poi prodotto e testato in laboratorio. Sebbene il virus sia in grado di resistere all’attacco di un anticorpo di prima generazione, abbiamo dimostrato che non riesce a mutare per sfuggire alla duplice azione del bispecifico».

L’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), affiliato all’Università della Svizzera italiana (USI), fa ricerca di base da più di 20 anni. Finanziato da istituzioni private e pubbliche e da finanziamenti competitivi, attualmente l’IRB conta tredici gruppi di ricerca e 125 ricercatori impegnati nello studio dei meccanismi di difesa dell’organismo contro infezioni, tumori e malattie degenerative. Le attività di ricerca vanno ora oltre l’immunologia ed includono campi di ricerca quali la riparazione del DNA, le malattie rare, la biologia strutturale e quella cellulare. Con più di 720 pubblicazioni nelle principali riviste scientifiche, l’IRB gode di fama internazionale quale centro di eccellenza per l’immunologia e la biologia cellulare: www.irb.usi.ch

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Se il nostro sistema immunitario non è in grado di produrre anticorpi è buona cosa fargliene avere per superare l'infezione, ma questo non risolve il problema alla radice. Alla prossima infezione si ripresenterà lo stesso problema.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@pillola rossa A 85 anni con diverse malattie pregresse, per un colpo di freddo la medicina può aiutarti quanto un prete!
Dani 3 mesi fa su tio
Abbiamo bisogno di Buone notizie...
Alessio 3 mesi fa su tio
La scienza ha fallito, operano cervelli e spostano organi e poi non riescono a trovare un vaccino concreto ahahah dai
1Fiorino 3 mesi fa su tio
il regalo che vorrei .... ed è fatto in casa :)
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@1Fiorino Io preferisco un piatto di lasagne!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-08 00:00:00 | 91.208.130.87