TiPress - foto d'archivio
CANTONE
14.12.2020 - 15:000
Aggiornamento : 16:05

Morti in casa anziani, il Parlamento dice "no"

Bocciata la domanda di avere nell'ordine del giorno la richiesta di costituire una commissione parlamentare d'inchiesta

MENDRISIO - Il Gran Consiglio ha detto no. Nell'ordine del giorno dell'ultima sessione parlamentare del 2020 non viene inserita la domanda di istituire una commissione parlamentare d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza Covid-19 nelle case anziani (CPA) del nostro cantone. 

La domanda era stata presentata da Matteo Pronzini a nome del gruppo MPS-POP-Indipendenti. Ed era stata appoggiata anche da Tiziano Galeazzi: «In coscienza io appoggio la richiesta. Voglio vederci chiaro - ha detto prendendo la parola al Mercato Coperto di Mendrisio il deputato UDC -. Anche se non condivido l’animosità di Pronzini e il suo modo di esprimersi, penso che qualcosa dobbiamo fare. E invito anche il medico cantonale a fornire l’RT nei dati giornalieri forniti dal suo Ufficio, per meglio comprendere l'andamento della pandemia».

Pronzini ha definito la sottocommissione gestione e finanze, che ha in precedenza sospeso la procedura dell'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta, "Ponzio Pilato". Gli ha risposto Michele Guerra: «La richiesta in sottocommissione è stata trattata. Io personalmente non sono affatto contrario, ma allorquando il medico cantonale ha portato in audizione determinate informazioni e abbiamo saputo dell’apertura di un incarto penale, ne abbiamo riferito al plenum della commissione gestione e finanze. Che ha deciso di momentaneamente mettere in pausa la trattazione per non accavallare due gradi di analisi e consentire alla Magistratura di fare il suo lavoro».

Sulla questione si è espresso anche il presidente del Consiglio di Stato, Norman Gobbi: «Il dottor Garzoni lo ha confermato ancora oggi a Tio/20minuti, gli anziani restano la categoria di persone più a rischio. Ma proprio loro in questo momento, anche se si trovano in casa anziani, vogliono restare in contatto con le loro famiglie. E abbiamo già preso in considerazione la possibilità di ri-chiudere le strutture. Un'eventualità che durante la prima ondata ha ottenuto molte critiche e ha fatto emergere il "problema" della solitudine».

La richiesta di modifica dell'ordine del giorno, comunque, è stata bocciata con 60 no 14 sì e 3 astenuti. Di morti di coronavirus nelle case anziani, per il momento, in Gran Consiglio non si discute.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 15:03:49 | 91.208.130.85