Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CALANCA
49 min
Quanti rifiuti nei boschi della Val Calanca
Una cinquantina di volontari hanno raccolto 140 kg di mozziconi e plastica
LOCARNO / BERNA
1 ora
Le luci della pista tornano a far discutere
Interpellanza di Bruno Storni al Consiglio federale. Salta fuori che manca la vecchia licenzia edilizia
CANTONE / URI
2 ore
Le vacanze sono finite, nove chilometri di coda al Gottardo
Le auto sono incolonnate al portale sud della galleria con lunghi tempi di attesa.
FOTO
LUGANO
4 ore
Alla Foce la movida si è addormentata
Un pisolino lungo il Cassarate, dopo la festa del venerdì sera. E i passanti storcono il naso
FOTO
CANTONE
10 ore
Veicoli in fiamme vicino alla dogana di Gandria: c'è un fermo
Il presunto responsabile sarebbe un 24enne del Comasco, già finito in manette
LUGANO
20 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
20 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
1 gior
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
1 gior
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
CANTONE
1 gior
Richiesta di miglioramento del progetto Tram-Treno
Auspocato il mantenimento della linea di collina e il riassetto dello snodo di Cavezzolo
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Incidente allo svincolo di Bellinzona Nord
Auto contro un mezzo del Cantone: non si registrano feriti
CANTONE
1 gior
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CANTONE
08.07.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:48

Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu

Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown

La previsione del capo dell'Ufficio dell'aria: «Alla fine purtroppo l'impatto dell'inquinamento è destinato a tornare verso le medie conosciute, in un trend tuttavia in miglioramento negli ultimi anni»

BELLINZONA - È stata la consolazione, non tanto magra, di quando si stava peggio. Con la riduzione delle attività umane nei mesi funestati dal Covid-19 la qualità dell’aria è nettamente migliorata. A inizio maggio lo stesso Dipartimento del territorio informava della forte diminuzione dell’inquinamento fonico e atmosferico. Anche nei due mesi di maggio e giugno, quelli dei progressivi allentamenti e della ripresa, l’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana (Oasi) del Dipartimento del territorio ha continuato (e continua) a mostrare sul proprio sito una comparazione con gli anni 2015-19 in quattro ambiti: aria, meteo, rumore e traffico.

I benefici continuano - Sebbene l’analisi dei dati sia ancora in corso, e prenderà ancora del tempo, si può già oggi rilevare che alcuni benefici del lockdown sull’ambiente persistono nonostante le strade siano tornate, quasi, intasate come prima. «Gli effetti benefici si sono visti e si vedono. In alcuni ambiti si è tornati alla situazione precedente la pandemia nel momento stesso della ripresa delle attività, ma in altri, ad esempio quello della qualità dell’aria, i miglioramenti si osservano ancora ora» afferma Marco Andretta, capo dell’Ufficio del monitoraggio ambientale.

L’aria è più chiara - Non è solo una percezione soggettiva, ma lo conferma l’irraggiamento globale che nel confronto sui cinque anni precedenti si inserisce nel solco della media più elevata. Certo non bisogna lasciarsi trarre in inganno dai bruschi crolli della curva, imputabili però alle giornate piovose che a maggio e giugno non sono mancate. «In generale è calato lo “smog”, cioè tutto il miscuglio di inquinanti di solito presenti in atmosfera».

L'impatto del traffico - L’aria non è quindi solo più permeabile alla luce del sole, ma anche più pulita. Assai confortante, in tal senso, la concentrazione di diossido di azoto (NO2). L’inquinante, che più è relazionato con le emissioni dei motori e degli impianti a combustione, continua ancora oggi a viaggiare sotto i valori più bassi misurati negli ultimi cinque anni. Non si avverte cioè ancora l’impatto della ripresa del traffico che di fatto è già avvenuta, dal momento che il volume di passaggi sull’autostrada, da metà giugno, è tornato sopra i 20mila veicoli al giorno (era sceso anche sotto i 5mila tra marzo e aprile). Scontato invece il nesso diretto e immediato per quanto concerne il rumore. Già da giugno presso le stazioni di rilevamento di Camignolo e Moleno, poste accanto all’autostrada, si registrano decibel su livelli precedenti la pandemia. Il rumore del traffico è ripreso e con esso anche le consuete lamentele.

Il contributo "local" - «Più complessa è la valutazione dell’impatto sulle concentrazioni degli inquinanti atmosferici, che si trasformano di continuo tramite reazioni chimiche e vengono influenzate anche dalla meteo. Le dinamiche sono più ampie e si muovono anche su scale e su tempi più lunghi». Non vanno tuttavia banalizzati gli impatti positivi, anche su vasta scala. «La qualità dell'aria è migliorata e un grande contributo è dovuto alla diminuzione delle emissioni a livello locale. Non vanno però dimenticati anche gli effetti benefici legati alle zone oltre confine, in particolare il calo delle attività nella vicina Lombardia, oltre che ai cali registrati a livello europeo» osserva Michele Fasciana, dallo scorso 1. giugno nuovo capo dell’Ufficio dell'aria, del clima e delle energie rinnovabili (UACER).

L'insegnamento - Il finale della storia è meno allegro, ma regala comunque un orizzonte di speranza. «In questo periodo in molti hanno inoltre avuto modo di sperimentare il telelavoro, che contribuisce alla diminuzione del traffico pendolare. Alla fine purtroppo l’impatto dell’inquinamento dell’aria sarà comunque destinato a ritornare verso le medie ormai conosciute, seguendo in ogni caso il trend di miglioramento riscontrato negli ultimi anni. L’auspicio rimane quello di trarre i giusti insegnamenti da questa esperienza» conclude il capo dell’UACER. 

Fonte Oasi
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 1 mese fa su tio
L'uomo è cancro
Marisa Salmina 1 mese fa su fb
Tante situazioni negative , almeno una positiva!!
Laura Yoah 1 mese fa su fb
Hanno, oltre a parecchie altre cose, sistemato anche la qualità dell’aria, peccato che non durerà ancora per molto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 19:19:22 | 91.208.130.86