Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
ASCONA
7 ore
Prende fuoco una barca, arrivano i pompieri
I militi di Locarno sono intervenuti presso il Porto Patriziale di Ascona.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Marco Chiesa candidato unico, «ma non riceverà un salario»
Toccherà all'assemblea dei delegati, il 22 agosto, esprimersi sulla nomina del ticinese alla presidenza del partito.
CANTONE
9 ore
Ecco il nuovo console d'Austria in Ticino
Il professor Giuseppe Perale è stato investito oggi, succede a Brenno Brunoni
LUGANO
10 ore
Un laboratorio di droga fai-da-te
Un 24enne del Luganese ha prodotto a casa sua diversi etti di stupefacenti sintetici
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
11 ore
Incidente a Genestrerio, morto il conducente
Ha avuto esito letale l'incidente avvenuto questo pomeriggio in via Canova.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
12 ore
Auto contro il muro di una casa, grave incidente a Genestrerio
Il conducente è rimasto incastrato fra le lamiere. Non si esclude il malore. Sul posto anche la Rega.
MELANO
12 ore
Melano regala le mascherine ai suoi abitanti
Tutti i fuochi riceveranno gratuitamente una confezione di mascherine chirurgiche.
FOTOGALLERY
MENDRISIO
14 ore
Incivili in azione all'ecocentro
Rifiuti buttati alla rinfusa e fuori dalle norme: il PPD sollecita il Municipio di Mendrisio
FOTO
CANTONE
15 ore
TicinoMusica 2020, malgrado il Covid è stata «un'edizione sorprendente»
Parola dell'organizzazione che guarda con fiducia alla prossima (che sarà quella del 25esimo)
LUGANO
15 ore
Lugano PasSteggia ritornerà questo 6 settembre
Con un'edizione tutta nuova che toccherà anche Collina d'Oro e Sorengo, nel pieno rispetto delle norme sanitarie.
BERNA
16 ore
Coop punta a una nuova formazione
Per chi intende iniziare un tirocinio ci sarà prima una formazione di base, e poi una specializzazione
CANTONE
16 ore
Il Ticino ha un nuovo riciclatore
Il giovane Ivo Bazzanella ha terminato il ciclo di formazione durato tre anni.
CANTONE
16 ore
Sette nuovi casi nel weekend
I contagi dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'442. I morti restano 350.
CANTONE
08.07.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:48

Il lockdown è finito, ma il cielo resta (ancora) blu

Anche a luglio la qualità dell'aria continua a beneficiare del calo del traffico durante il lockdown

La previsione del capo dell'Ufficio dell'aria: «Alla fine purtroppo l'impatto dell'inquinamento è destinato a tornare verso le medie conosciute, in un trend tuttavia in miglioramento negli ultimi anni»

BELLINZONA - È stata la consolazione, non tanto magra, di quando si stava peggio. Con la riduzione delle attività umane nei mesi funestati dal Covid-19 la qualità dell’aria è nettamente migliorata. A inizio maggio lo stesso Dipartimento del territorio informava della forte diminuzione dell’inquinamento fonico e atmosferico. Anche nei due mesi di maggio e giugno, quelli dei progressivi allentamenti e della ripresa, l’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana (Oasi) del Dipartimento del territorio ha continuato (e continua) a mostrare sul proprio sito una comparazione con gli anni 2015-19 in quattro ambiti: aria, meteo, rumore e traffico.

I benefici continuano - Sebbene l’analisi dei dati sia ancora in corso, e prenderà ancora del tempo, si può già oggi rilevare che alcuni benefici del lockdown sull’ambiente persistono nonostante le strade siano tornate, quasi, intasate come prima. «Gli effetti benefici si sono visti e si vedono. In alcuni ambiti si è tornati alla situazione precedente la pandemia nel momento stesso della ripresa delle attività, ma in altri, ad esempio quello della qualità dell’aria, i miglioramenti si osservano ancora ora» afferma Marco Andretta, capo dell’Ufficio del monitoraggio ambientale.

L’aria è più chiara - Non è solo una percezione soggettiva, ma lo conferma l’irraggiamento globale che nel confronto sui cinque anni precedenti si inserisce nel solco della media più elevata. Certo non bisogna lasciarsi trarre in inganno dai bruschi crolli della curva, imputabili però alle giornate piovose che a maggio e giugno non sono mancate. «In generale è calato lo “smog”, cioè tutto il miscuglio di inquinanti di solito presenti in atmosfera».

L'impatto del traffico - L’aria non è quindi solo più permeabile alla luce del sole, ma anche più pulita. Assai confortante, in tal senso, la concentrazione di diossido di azoto (NO2). L’inquinante, che più è relazionato con le emissioni dei motori e degli impianti a combustione, continua ancora oggi a viaggiare sotto i valori più bassi misurati negli ultimi cinque anni. Non si avverte cioè ancora l’impatto della ripresa del traffico che di fatto è già avvenuta, dal momento che il volume di passaggi sull’autostrada, da metà giugno, è tornato sopra i 20mila veicoli al giorno (era sceso anche sotto i 5mila tra marzo e aprile). Scontato invece il nesso diretto e immediato per quanto concerne il rumore. Già da giugno presso le stazioni di rilevamento di Camignolo e Moleno, poste accanto all’autostrada, si registrano decibel su livelli precedenti la pandemia. Il rumore del traffico è ripreso e con esso anche le consuete lamentele.

Il contributo "local" - «Più complessa è la valutazione dell’impatto sulle concentrazioni degli inquinanti atmosferici, che si trasformano di continuo tramite reazioni chimiche e vengono influenzate anche dalla meteo. Le dinamiche sono più ampie e si muovono anche su scale e su tempi più lunghi». Non vanno tuttavia banalizzati gli impatti positivi, anche su vasta scala. «La qualità dell'aria è migliorata e un grande contributo è dovuto alla diminuzione delle emissioni a livello locale. Non vanno però dimenticati anche gli effetti benefici legati alle zone oltre confine, in particolare il calo delle attività nella vicina Lombardia, oltre che ai cali registrati a livello europeo» osserva Michele Fasciana, dallo scorso 1. giugno nuovo capo dell’Ufficio dell'aria, del clima e delle energie rinnovabili (UACER).

L'insegnamento - Il finale della storia è meno allegro, ma regala comunque un orizzonte di speranza. «In questo periodo in molti hanno inoltre avuto modo di sperimentare il telelavoro, che contribuisce alla diminuzione del traffico pendolare. Alla fine purtroppo l’impatto dell’inquinamento dell’aria sarà comunque destinato a ritornare verso le medie ormai conosciute, seguendo in ogni caso il trend di miglioramento riscontrato negli ultimi anni. L’auspicio rimane quello di trarre i giusti insegnamenti da questa esperienza» conclude il capo dell’UACER. 

Fonte Oasi
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 3 sett fa su tio
L'uomo è cancro
Marisa Salmina 3 sett fa su fb
Tante situazioni negative , almeno una positiva!!
Laura Yoah 3 sett fa su fb
Hanno, oltre a parecchie altre cose, sistemato anche la qualità dell’aria, peccato che non durerà ancora per molto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 02:32:35 | 91.208.130.87