tipress
Il Parco Ciani a Lugano, chiuso al pubblico.
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
Gandria: bruciano due auto e una moto vicino alla dogana
Il fuoco è divampato nella notte, pompieri e polizia sul luogo. Non si può escludere il dolo
LUGANO
11 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
12 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
17 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
17 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
CANTONE
18 ore
Richiesta di miglioramento del progetto Tram-Treno
Auspocato il mantenimento della linea di collina e il riassetto dello snodo di Cavezzolo
FOTO
BELLINZONA
18 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
22 ore
Incidente allo svincolo di Bellinzona Nord
Auto contro un mezzo del Cantone: non si registrano feriti
CANTONE
23 ore
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CHIASSO
1 gior
Pompieri in Corso san Gottardo
Fumo dal primo piano di uno stabile
LOCARNO
1 gior
I secret screenings di Lili Hinstin iniziano in Italia
Al GranRex il pubblico che si è accomodato in sala ieri ha visto "In nome del popolo italiano" di Dino Risi
CANTONE
1 gior
Nomina in seno alla polizia cantonale
Andrea Pronzini dirigerà il Centro di formazione, coordinerà le attività di selezione dei canditati aspiranti di polizia
VIDEO
LUGANO
1 gior
I City Angels regaleranno 4'000 mascherine
Con questa iniziativa i volontari vogliono sostenere le famiglie in difficoltà e lanciare un messaggio alla politica.
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
CONFINE
1 gior
Una lite sfocia nel sangue: 36enne accoltellato a morte
La tragedia è avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri a Mozzate, paesino del Comasco.
LUGANO
1 gior
Muffa e umidità: e ti ritrovi in trappola
I guai di una 30enne nel suo appartamento. Ora se ne andrà per questioni mediche. Ma il proprietario non si fa trovare.
GORDEVIO
1 gior
«Le mie vacanze in Kenya per aiutare chi ha bisogno»
Un cuore grande, molta generosità e la voglia d'imparare da chi non ha nulla ma è sempre felice.
FOTO
BREGAGLIA (GR)
1 gior
A soli tre anni alla conquista di un tremila (sulla schiena della mamma)
Si tratta del piccolo Jackson, figlio dell'alpinista inglese Leo Houlding: con tutta la famiglia è salito sul Badile
CANTONE
1 gior
La disdetta dell'accordo sui frontalieri «è un atto doveroso»
La posizione della Lega dei Ticinesi a seguito del risultato dello studio sulla convenzione del 1974
CANTONE
17.03.2020 - 16:200
Aggiornamento : 17:46

Adesso cosa si può fare, e cosa no?

Multe e carcere fino a tre anni per i temerari. Un vademecum per muoversi al tempo del coronavirus

LUGANO - Coprifuoco, chiusura totale, "lock-down" in inglese. Parole che rimbalzano sui media, dopo le misure straordinarie decise prima dal Cantone - sabato - e poi estese a tutta la Svizzera - lunedì - per arginare l'epidemia di coronavirus. Ma cosa cambia, concretamente, nella vita dei ticinesi? Cosa si può fare, e cosa no? Proviamo a riassumerlo in alcuni punti. 

Uscire di casa - Posso uscire di casa? È la domanda che molti si fanno in queste ore. Diversamente che in Italia, in Svizzera non è stato introdotto l'obbligo dell'auto-dichiarazione. La raccomandazione dello Stato Maggiore cantonale di condotta (Smcc) è di limitare gli spostamenti individuali non necessari, ma si tratta - appunto - di una raccomandazione. Non sono previste multe. 

Cosa faccio fuori? - Il problema è che, una volta fuori casa, c'è poco da fare. A livello federale è stata disposta la chiusura di musei, biblioteche, centri sportivi, piscine. In Ticino diverse strutture avevano già deciso di chiudere autonomamente, nel corso delle scorse due settimane. Lo stesso vale per un gran numero di eventi pubblici - concerti, mostre, festival - con qualche discussa eccezione

Come mi sposto? - Anche muoversi, in città o fuori, può essere più difficile del solito. I mezzi pubblici di quasi tutte le città ticinesi hanno introdotto modifiche agli orari e precauzioni particolari, a tutela del personale. Le Ffs hanno annunciato ieri che da giovedì entrerà in vigore un nuovo orario nazionale, con modifiche e disservizi sia sui treni regionali che su quelli a lunga percorrenza. Maggiori info qui. 

Auto o non auto - Per gli automobilisti la buona notizia - se così si può chiamarla - è che il traffico nelle ore di punta sulle principali arterie ticinesi è notevolmente diminuito. Garagisti e benzinai, inoltre, non sono toccati dal "lock-down". Un'altra possibilità è naturalmente muoversi a piedi. 

Passeggiate e "corsette" - Attenzione però alle passeggiate. Le attività di gruppo, i contatti ravvicinati con estranei sono sconsigliati. Fare jogging o footing non è vietato, ma il consiglio è di "tenere le distanze". Va detto che in diverse città - Bellinzona e Lugano ad esempio - sono stati chiusi la maggior parte dei parchi pubblici.

Strutture aperte - Si fa prima a elencare le serrande che non sono state abbassate (vedi box sotto). Da sabato in Ticino - e da lunedì in tutta la Svizzera - rimangono aperti i negozi di alimentari, supermercati, take-away e servizi di consegna di cibo a domicilio, le mense aziendali, le farmacie. Lo stesso vale per uffici postali, le filiali bancarie, stazioni di servizio e uffici amministrativi comunali e cantonali. Il discorso non vale - attenzione - per i prossimi giorni, quelli del ponte di San Giuseppe (su cui è aperto un dibattito).

Bar e parrucchieri - I saloni di bellezza, i parrucchieri e i tatuatori hanno dovuto chiudere, così come i bar e i ristoranti. Il rischio di contatto fisico tra clienti e personale è troppo elevato, e il provvedimento - adottato sabato in Ticino - è stato esteso ieri a tutta la Svizzera. 

Uffici e fabbriche -  Nel settore privato la scelta è lasciata alle singole imprese. Le autorità - sia cantonali che federali - hanno raccomandato alle aziende di implementare il lavoro da casa, laddove possibile. Molte realtà del terziario si sono adeguate, mentre nelle fabbriche la produzione continua. La risoluzione cantonale del 14 febbraio stabilisce che «tutte le altre attività dell'economia privata riducono le proprie attività limitandole al minimo indispensabile». Chi rimane aperto «deve rispettare le norme igieniche accresciute e la distanza sociale».

I cantieri possono lavorare? - In redazione sono giunte, nelle scorse ore, diverse segnalazioni di cittadini preoccupati. Foto di operai e muratori al lavoro. Perché non si fermano? I sindacati e l'associazione padronale in Ticino - la Ssic - hanno chiesto a più riprese un blocco dei cantieri. Ma al momento né a livello federale né a livello cantonale è stata presa questa decisione. La scelta è lasciata, anche qui, alla singola impresa. 

Posso organizzare una grigliata? - In mancanza d'altro, e con tanto tempo libero a disposizione, la tentazione è forte. E qualcuno non si è fatto problemi, nei giorni scorsi. In Ticino - va detto - è in vigore un divieto per gli eventi privati e assembramenti con più di 30 persone (prima di sabato il limite era di 100). Chi lo infrange può incorrere in pene severe, con multe e reclusione fino a tre anni. Il buonsenso e il senso di responsabilità, però, impongono prudenza.

Chi rimane aperto?

- negozi di generi alimentari e altri negozi, se offrono generi alimentari e articoli di uso quotidiano (p. es. chioschi, negozi nelle stazioni di servizio)
- negozi di cibi da asporto (take-away), mense aziendali, servizi di fornitura di pasti e strutture di ristorazione per ospiti d’albergo
farmacie, drogherie e negozi di mezzi ausiliari medici (p. es. occhiali, apparecchi acustici)
- uffici e agenzie postali
- punti vendita degli operatori di servizi di telecomunicazione
- banche
- stazioni di servizio
- stazioni ferroviarie e altre strutture dei trasporti pubblici
- officine per mezzi di trasporto
- esercizi commerciali che effettuano riparazioni urgenti e indispensabili di importanti impianti tecnici e sanitari, nonché di mezzi di - trasporto pubblici e privati
- pubblica amministrazione
- strutture sociali (p. es. centri di consulenza)
- funerali nella cerchia familiare ristretta
- strutture sanitarie quali ospedali, cliniche e studi medici, nonché studi e strutture di professionisti della sanità salute secondo il diritto federale e cantonale
- alberghi

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 11:03:05 | 91.208.130.86