Tipress
La pensione dove è stato ucciso Matteo
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
BALERNA
5 ore
Ultimo sforzo per una "casa del carnevale" più accogliente
Gran parte della ristrutturazione del capannone situato a due passi dal Palapenz è stata ultimata. Ma servono ancora 50mila franchi
LUGANO 
7 ore
«Le mascherine contro il virus vanno a ruba anche a Lugano»
Il confronto con la Bahnhofapotheke Zürich è di 24mila pezzi contro 300. Ma anche alla farmacia della stazione c'è stato l'assalto "cinese"
CANTONE/ITALIA
8 ore
La ticinese Elly Schlein è la più votata in Emilia Romagna
Diverse le esperienze politiche già messe alle spalle, anche in ambito europeo
BELLINZONA
10 ore
Sacchi sul Viale, pochi i trasgressori: «Per loro 200 franchi di multa»
Il capo-dicastero Christian Paglia traccia un bilancio positivo a 8 mesi dall’introduzione dei cassonetti interrati nel centro storico: «Prossimi passi Bellinzona e Giubiasco. Poi tutti i quartieri»
CANTONE
11 ore
«Ridiamo vita ai nuclei tradizionali»
Il PLR, con un'iniziativa parlamentare, chiede d'introdurre degli incentivi finanziari per sostenere i lavori di restauro degli edifici
CANTONE
12 ore
Sei stato in Cina e non stai bene? «Non andare dal medico, chiamalo»
Arrivano le raccomandazioni del DSS che nel contempo rassicura la popolazione sul coronavirus: «Al momento non c'è da preoccuparsi»
CANTONE
12 ore
«L'alcol non è Satana, meglio educare che proibire»
Per Andrea Conconi, direttore Ticinowine, la nuova legge sulla vendita delle bevande alcoliche penalizza fortemente il settore vinicolo. E non solo
BELLINZONA
12 ore
Un educatore di strada contro il disagio giovanile
Ne chiede l’introduzione una mozione indirizzata all’Esecutivo bellinzonese
LUGANO
13 ore
Le aziende si incontrano a Spazio Ticino
Saranno tre le macro aree tematiche: Marketing, comunicazione e formazione; Forniture, logistica e servizi; MICE ed eventi
LUGANO
13 ore
Niente allarmismi se vedete del fumo nella Vedeggio-Cassarate
Nella notte tra mercoledì e giovedì verrà eseguito un test per collaudare gli impianti di ventilazione e antincendio
LUGANO
14.01.2020 - 07:040
Aggiornamento : 11:00

«Ecco perché ho voluto una fiaccolata per mio figlio Matteo»

Lo sfogo di Pietro, 67 anni, padre del 35enne ucciso a dicembre alla pensione La Santa di Viganello. L’appuntamento è per lunedì 20 gennaio alle otto di sera: «Basta violenza»

LUGANO – Si partirà alle otto di sera dalla chiesa di Santa Teresa di Viganello. In silenzio. Tutti con una candela in mano. Tutti uniti per ricordare Matteo, il 35enne ucciso lo scorso 17 dicembre presso la pensione La Santa, in Via Merlina, tappa finale della fiaccolata. Due persone sono finite in manette. Ma Matteo non c'è più. «Il senso di questa fiaccolata – sottolinea Pietro, 67 anni, papà di Matteo – è quello di fare riflettere la gente sulla violenza. Casi come questo non devono più accadere». 

L’iniziativa, coordinata dalla consigliera comunale Sara Beretta Piccoli, e alla quale collaboreranno i City Angels, si svolgerà la sera di lunedì 20 gennaio. 
«All’inizio ero un po’ scettico. Poi mi sono detto: se può servire a sensibilizzare qualcuno, ben venga. È tutto così difficile, duro».

È passato circa un mese da quella tragica sera. Come ha vissuto queste settimane?
«Malissimo. Sapevo che mio figlio aveva una vita un po’ disastrata. Ero cosciente che prima o poi potesse succedergli qualcosa. Avevo sempre quel timore di fondo. Soprattutto dopo che era stato piazzato in quella pensione, dove c’erano altre persone con problemi grossi».   

Si fa in fretta a parlare di cattivi genitori. Lei ha sensi di colpa?
«Matteo era un buono. Ed era anche probabilmente il più sensibile dei miei tre figli. Tanto che a un certo punto ha preso una cattiva strada, ha iniziato a frequentare brutte compagnie. È una realtà che colpisce tante famiglie. Puoi essere il genitore più bravo del mondo, ma certe cose ti capitano. È chiaro che a casa nostra si è vissuto un divorzio. E questo può avere influito su Matteo, che aveva solo 17 anni quando sua mamma si è separata da me». 

Dunque?
«Io sono un idealista. Già prima della separazione c’erano problemi in casa. Se la famiglia si sfascia, è difficile fare andare bene le cose. Noi genitori abbiamo una forte responsabilità in tal senso. È anche vero che gli altri miei due figli sono dei tesori, e sono cresciuti senza problemi. Matteo era un’anima fragile. E certe situazioni le ha vissute probabilmente in maniera più intensa». 

Chi conosceva Matteo ne parla come di un ragazzo d’oro. 
«Fondamentalmente era così. Ma aveva problemi esistenziali. Non aveva mai concluso una formazione, non aveva un lavoro. E soprattutto beveva. L’alcol l’ha portato davvero fuori strada. Abbiamo sempre cercato di sostenerlo».

Come?
«Mia madre, oggi 85enne, ha fatto tantissimo per lui. Volevamo portarlo in una comunità. Ma lui si rifiutava. Diceva che ce l’avrebbe fatta da solo. Forse avremmo dovuto insistere ancora di più. Io lo voglio dire ai genitori che hanno figli che bevono: dall’alcol non si esce da soli». 

Due persone sono finite in manette. Cosa si aspetta?
«Giustizia. E sincerità. Uno ha dichiarato di avere solo assistito alla lite che ha portato alla morte di mio figlio. Ma come si fa? Come si fa ad assistere a una cosa del genere e a non fare niente? Sono dispiaciuto. Amareggiato. Mi faccio tante domande. Come è possibile che non ci fosse sorveglianza, in orario serale, in una palazzina del genere? Le autorità sapevano che tipo di persone ci fossero lì dentro. Ragazzi con problemi di droga, di alcol. Persone che non dovevano essere lasciate sole». 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-28 04:18:05 | 91.208.130.89