TiPress - foto d'archivio
CANTONE
18.11.2019 - 14:400

Ex funzionario condannato, il caso è in mano all’alta vigilanza

L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha ritenuto procedere con degli approfondimenti commissionali preventivi

BELLINZONA - Il Governo non ritiene che vi siano i presupposti per la creazione di una Commissione parlamentare d'inchiesta sul caso dell’ex funzionario del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) condannato per coazione sessuale. Dieci giorni fa il Consiglio di Stato aveva deciso di non dare seguito alla richiesta dell’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, che però «oggi ha ritenuto opportuno procedere con degli approfondimenti commissionali preventivi».

In apertura della seduta, quindi, è stato comunicato che l’Ufficio presidenziale ha trasmesso la richiesta alla Commissione della gestione delle finanze per le verifiche preliminari del caso. «La questione è ora in mano all’alta vigilanza» ha detto il presidente del Gran Consiglio Claudio Franscella.

A inizio ottobre l'Ufficio presidenziale aveva ricevuto la richiesta di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta sull’operato e le responsabilità dei funzionari dirigenti coinvolti nell’inchiesta sugli abusi sessuali operati dal funzionario del DSS. A presentarla era stato un gruppo interpartitico di parlamentari constituito da Fiorenzo Dadò (PPD), Boris Bignasca (Lega), Marco Bertoli (PLR), Tamara Merlo (Più Donne), Lara Filippini (UDC), Claudia Crivelli Barella (Verdi) e Matteo Pronzini (Mps-Pop-Indipendenti). «Questo caso ha messo in luce alcune circostanze inquietanti circa un atteggiamento generalizzato di omertà e copertura nell'Amministrazione cantonale, a fronte di gravi crimini contro la sfera sessuale, aspetto che è stato aspramente criticato anche da parte del giudice Villa - scrivevano -. Proprio perché ad oggi permane il sospetto che alti funzionari abbiano coperto un dipendente sottoposto, occorre fare la massima chiarezza sulla questione. Una simile situazione deve essere approfondita e da un'autorità terza deve poi essere smentita o confermata».

Commenti
 
volabas 2 sett fa su tio
Si chiama omerta'; chi protegge chi? Se è stato provato che c'è stata veramente coazione sessuale, allora punite e sanzionate i responsabili, altrimenti cari politici consiglieri e magnaccia vari date le dimissioni almeno per coerenza verso la carica che ricoprite
anndo76 2 sett fa su tio
strano che non se la prendono con il frontaliere....il texas ranger della leventina dovrebbe indagare i suoi soci :-)
Nmemo 2 sett fa su tio
Diversamente ci si dovrebbe chiedere, dove sta il principio della separazione dei poteri se un parere del consiglio di Stato fosse sufficiente a bloccare le decisioni del Parlamento.
marco17 2 sett fa su tio
I predatori sessuali sono un bersaglio facile per esercizi di demagogia ma non sempre paganti: Dadò dovrebbe capirlo se vuole salvare il partito.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 16:07:07 | 91.208.130.87