Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
25 min
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
BELLINZONA
32 min
Haber a Castellinaria: «Chiedo scusa a tutte le donne»
Nell'occhio del ciclone "la performance" sessista dell'attore bolognese domenica sera al festival per ragazzi, soprattutto nei confronti della presentatrice
LUGANO
42 min
Il LAC supera il milione di presenze
Anche la quarta stagione del centro culturale ha registrato un incremento di pubblico arrivando a quota 280’721
CANTONE
51 min
Il Mendrisiotto dimenticato e tartassato
Interrogazione di Matteo Quadranti, che chiede al Governo di difendere la stazione internazionale di Chiasso e i momò dal rincaro dei premi di cassa malati e della benzina
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Cent'anni di proporzionale a Palazzo delle Orsoline
Una mostra ripercorre le dinamiche che portarono la Confederazione ad introdurre il sistema proporzionale per la ripartizione dei seggi in Consiglio Nazionale
LUGANO
1 ora
Ecco chi ha vinto il premio svizzero Architettura sostenibile
Lo hanno assegnato a Lugano Artecasa e Raiffeisen, a vincere Oppenheim Architecture di Basilea e attivo in tutto il mondo
CANTONE
2 ore
Roberto Bevacqua è il nuovo Capo della Sezione delle finanze del Dfe
Sostituirà Sandro Destefani, ora direttore della Divisione dell'ambiente
GAMBAROGNO
2 ore
Traffico da incubo, torna la “mega rotonda” in zona Pergola
La sua messa in funzione è prevista entro circa 15 giorni. Intanto la colpa delle code viene attribuita anche al cantiere di Luino
CANTONE
2 ore
L'onda verde conquista il Malcantone
Si presenta un neocostituito gruppo ecologista che mira a dare risposte ai problemi urgenti della regione
CANTONE / URI
2 ore
Incidente in galleria, chiuso per un'ora il San Gottardo
Lo scontro, di lieve entità, è avvenuto nella parte urana del tunnel, che è rimasta inagibile fino alle 15
CANTONE
4 ore
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
5 ore
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
MANNO
5 ore
Prestigioso riconoscimento per un professore della Supsi
Giovanni M. Pavan ha vinto un ERC Consolidator Grant, prestigioso riconoscimento conferito dal Consiglio Europeo della Ricerca
LUGANO
6 ore
La Lega contro Valenzano Rossi: «Ha ricevuto soldi da Lugano Airport?»
Un'interpellanza punta a far luce su un presunto conflitto d'interessi della capogruppo PLR in Consiglio comunale
CHIASSO
6 ore
Sacchi biodegradabili e distribuzione di acqua per salvare l'ambiente
Lo chiede un'interrogazione presentata al Municipio da Patrizia Wasser
CANTONE
6 ore
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
7 ore
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
7 ore
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
CANTONE
8 ore
Sottoceneri paralizzato, 50 minuti di ritardo in direzione nord
Sull’A2 il traffico è fermo tra Chiasso e la galleria di Grancia
CAPRIASCA
8 ore
Ritorna Natale in Capriasca
Il grande albero natalizio verrà acceso venerdì 29 novembre ai Giardinetti di Tesserete
FOTO
BELLINZONA
9 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
9 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
10 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
CANTONE
23.05.2019 - 09:250

Lo spropositato costo in Ticino di riviste e vestiti

Paghiamo più del doppio rispetto all’Italia. Confrontati i prezzi  di 115 giornali e riviste. Un esempio? Quattroruote costa da noi quasi tre volte di più. L’ACSI: «È ora che la politica intervenga»

LUGANO  - Lo abbiamo definito spropositato, perchè tale è. Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Associazione Consumatori della Svizzera italiana (ACSI) lo definisce “ingiustificato”. Stiamo parlando del prezzo di giornali e riviste, ma anche di vestiti.

Giornali e riviste - Già in passato avevamo denunciato l’eccessivo costo delle riviste italiane nelle nostre edicole. Oggi arriva la presa presa di posizione dell’ACSI e delle sue consorelle Konsumentenschutz e FRC, le quali hanno confrontato ad aprile i prezzi di 115 periodici venduti in Svizzera con quelli dei paesi limitrofi. Ebbene c’è da non stare allegri. In Ticino dobbiamo sborsare più del doppio che in Italia per acquistare una rivista, per l’esattezza +127%.

Un paniere di giornali identici costa nel nostro paese in media 50.9% di più che in Germania. In Francia la differenza di prezzo è del 56.5% in meno.

Nel confronto di prezzi realizzato dalle associazioni in difesa dei consumatori, si può notare come i periodici “Quattroruote” (+245.1%), “Abitare” (+199.1%) e “Marie Claire” (+173%) presentino la differenza di prezzo maggiore. Mentre la differenza di prezzo minore si è registrata per i periodici “Sole 24 ore” (+41.6%), “PC Professionale” (+72.8%), “Gente” (+77.0%) e “Panorama” (+77.0%).

«In Ticino - fa notare l’ACSI -  le pubblicazioni costano ben più del doppio, l’esempio di “Quattroruote” è eclatante». Inoltre la differenza di prezzo dei periodici è leggermente aumentata negli ultimi cinque anni: a giugno 2014, i periodici costavano in Svizzera in media il 49% di più rispetto che in Germania, la differenza di prezzo con la Francia era del 55% e del 124% con l’Italia.

I vestiti - Stando alla denuncia dell’ACSI in Svizzera i vestiti sono più costosi del 25% che in Germania, Francia e Italia, come dimostrato da un paragone dei prezzi di 150 prodotti delle catene Esprit, H&M, Mango, Vero Moda e Zara venduti online. «Senza considerare l’IVA, le differenze di prezzo sarebbero chiaramente più evidenti, in quanto la Svizzera ha l’aliquota IVA minore dei quattro paesi considerati» fanno notare le associazioni di categoria. Dallo studio realizzato si apprese dunque che il “supplemento Svizzera” varia in modo diverso a dipendenza delle diverse catene: da H&M è “solo” del 16.7%, mentre da Esprit Svizzera, gli stessi vestiti costano il 32.1% di più rispetto ai paesi limitrofi. Nel mezzo si posizionano Vero Moda con un “supplemento Svizzera” del + 21.8%, Mango con +23.1% e Zara con + 28.4%.

“Queste differenze di prezzo restano importanti e ingiustificate – sottolinea Laura Regazzoni Meli -  è ora che la politica adotti misure efficaci per mettere fine agli abusi delle imprese straniere che approfittano del potere d’acquisto dei consumatori svizzeri.”

Commenti
 
Lurati Matteo 5 mesi fa su fb
Io in negozio tenevo le riviste. Parlando con quelli di Valora,proprietari della maggior parte dei chioschi, mi hanno detto che sono gli editori che fissano i prezzi e sono già stampate sulle riviste. La cosa che si deve fare è abbassare i dazi doganali. La Svizzera ne paga un casino
Alex Tehnnison 6 mesi fa su fb
Rendiamoci conto che oltretutto le riviste sono praticamente solo in tedesco....
Luisa Brugnetti 6 mesi fa su fb
vado a ponte tresa me li riservano e vado una volta al mese x ritirarli
Sabrina Prestinari-Bellintani 6 mesi fa su fb
Ma ci si rende conto solo adesso?
Martina D'Andrea 6 mesi fa su fb
TUTTA COLPA DEGLI AFFITTI SPROPOSITATI!
Mohamed El Zeki 6 mesi fa su fb
Se parliamo di food "la melanzana " al Microsoft 6 chf / kilo mentre in Italia pago 1€
Mattia Palmeri 6 mesi fa su fb
Ah perché non erano lì per bellezza???? Comunque le riviste italiane sono già troppo care...
Mamo Medolago 6 mesi fa su fb
Per me possono arrotolarseli ed infilarseli su su su.....
Sonia Merzaghi 6 mesi fa su fb
….riviste in special modo
Victoria Maria Navarro 6 mesi fa su fb
Come per tutto il resto, costa tutto due volte di più, dal cibo alla casa ecc.... Ma non è una novità in Ticino è da anni così
Rosanna Barni 6 mesi fa su fb
Victoria Maria Navarro ma anche gli stipendi svizzeri sono il triplo che in Italia !
Victoria Maria Navarro 6 mesi fa su fb
Rosanna Barni Sicuramente in dentro però!!!!
Cristiano Canonica 6 mesi fa su fb
Luca ciao ...lè xchè nun sem sciuri
Ravi Von Verwandt 6 mesi fa su fb
A me piaccionoTopGear e Evo ( riviste di auto ). 12.90 fr.
Marina Lanza 6 mesi fa su fb
La signora Laura Regazzoni Mele dovrebbe analizzare tutti i fattori che fanno si che i prezzi siano più alti. Per quanto riguarda i giornali i quotidiani e le riviste i prezzi sono imposti e non sono decisi dal negoziante, infatti sono stampati. Per quanto riguarda le merci e vero che la Svizzera ha un’ iva più bassa ma le spese di trasporto sono molto piu alte, la merce deve essere sdoganata e la pratica ha un costo da aggiungere i dazi in base al paese di provenienza e a varie tipologie di materiali. Certo che se un consumatore acquista on line e si fa spedire la merce in Italia il discorso cambia. Sul prezzo finale al consumatore incide tutto affitto, assicurazioni, personale.... falso dire che i salari non incidono, certo non incidono assumendo frontalieri a 1500.- franchi al mese ....
Patrizia Franchini 6 mesi fa su fb
Marina Lanza Infatti la signora Laura R.M. ha parlato delle imprese estere e non dei negozianti ticinesi. Gli editori decidono il prezzo per il Ticino, la Svizzera,... e quel prezzo lo fanno stampare. I prezzi di trasporto per Ponte Tresa Italia o Ponte Tresa Svizzera oppure per il Trentino o Lugano (da una tipografia di Milano per esempio) sono uguali... in considerazione entrano solo le spese doganali.
Patrizia Franchini 6 mesi fa su fb
Marina Lanza Perché non si può correggere i commenti? È la quarta volta che ci provo, senza successo. Laura e non Kaura.
Marina Lanza 6 mesi fa su fb
Patrizia Franchini per quanto riguarda i giornali il prezzo viene deciso dalle redazioni Per quanto riguarda gli altri acquisti il discorso resta
Simone Fiocchetta 6 mesi fa su fb
Marina Lanza , i giornali tedeschi costano quasi come in Germania...quelli italiani più del doppio, come mai?
Patrizia Franchini 6 mesi fa su fb
Marina Lanza Redazioni? No guarda, gli editori, tipo la Mondadori (Fininvest), la RCS (Rizzoli),... Società per azioni con azionisti che vogliono profitti e dividendi.
Armend Laura Hyseni 6 mesi fa su fb
1,90€ era marcato sul giornalino, l’ho pagato 7,90fr
Rosy Lavigna 6 mesi fa su fb
Senza contare che tolgono anche i gadget
Ivanice Maria 6 mesi fa su fb
Il che; invoglia tanti a fare km per andare al di là... per risparmiare 🤷🏽‍♀️
miba 6 mesi fa su tio
Mah....tante teorie, polemiche, malcontenti, lamentele ecc ecc ecc. Alla sostanza le cose (semplici) sono due: o guardi concretamente il tuo borsellino oppure sei disposto/a a finanziare lobby e/o cartelli vari che con 1000 scuse e/o pretesti vorrebbero giustificare i loro pro-sacocia. Concivido in pieno quanto ha postato Monello prima di me: in effetti ieri sono stato a Verbania ed oltre al negozio dei cinesi (caricatore Samsung 5 euro e un gilè 10 euro) e la spesa (carrello stracolmo 98 euro) ci è stato anche il pranzo per 2 persone a 18 euro (assieme, non a testa...) con primo penne ai gamberetti, secondo braciola ai ferri con patate al forno ed insalata, 1/2 di vino rosso e un'acqua minerale non gasata. Buona giornata a tutti
Antonella Ferilli 6 mesi fa su fb
Perché, c’è ci compra le riviste italiane in Ticino? 😂
Laura Bernasconi 6 mesi fa su fb
Su alcune pubblicazioni è già l' editore che indica in prezzo per la svizzera 😥😥😥
Loris Bianchi 6 mesi fa su fb
Non capisco perché comprare quelle menate ! Tanto ci siete voi che sparate queste cazzate ogni santo giorno .....manco foste novella 2000
Paolo Mac 6 mesi fa su fb
Appunto! Che la politica intervenga per sgravare degli oneri fiscali ed assicurativi i piccoli imprenditori! Se chi sostiene che in Svizzera tutto costa di più senza una causa, si sbaglia di grosso! Chiedetevi quanto alte siano le spese di un’attività commerciale, compreso avere del personale
Paolo Passamonti 6 mesi fa su fb
Paolo Mac Ciao Mac... quanto sono i costi, specialmente in TASSE, di un piccolo imprenditore in Italia?
Paolo Mac 6 mesi fa su fb
Paolo Passamonti ciao Rain Mi risulta siano più che qui Comunque io intendevo da noi!
Paolo Passamonti 6 mesi fa su fb
Paolo Mac Esatto. Quindi un edicolante (che è un piccolo imprenditore) in Italia è più tassato di un edicolante qui ma le sue riviste costano molto meno. Ho forti dubbi che sia tutta colpa della politica e che possa intervenire con efficacia.
Paolo Passamonti 6 mesi fa su fb
Paolo Mac ...e che il problema sia sgravare dagli oneri fiscali i piccoli imprenditori come hai scritto. Sono sicuro che se lo facessero le nostre riviste continuerebbero a costare molto di più. Secondo me il problema è altrove, non sono gli oneri in CH.
Paolo Mac 6 mesi fa su fb
Paolo Passamonti ma Paul non si tratta solo di tassazione, che è più alta ma percentualmente, bensì degli stipendi che devi corrisporre a chi abita qui, nonché gli oneri sociali ed assicurativi e non da ultimo le spese per la gestione “fisica “ dell’attività e del costo di importazione ( dazi e affini) della merce ed i bassi margini di guadagno! Che ci sia chi poi ci marcia un po’ su non lo discuto
Paolo Mac 6 mesi fa su fb
Paolo Passamonti eh ti farei provare a tenere in piedi un negozio e ricavarne uno stipendio.....lottando inoltre con le multinazionali
Paolo Passamonti 6 mesi fa su fb
Paolo Mac lo so posso capirlo ma qui si parlava di prezzi, in particolare delle riviste (ma il discorso vale per altre merci secondo me). I negozianti in Italia non è che se la passano meglio in fatto di tasse ma i loro prodotti costano meno. Ne deduco che forse il problema non sono oneri e tasse ma sta da un altra parte.
Paolo Passamonti 6 mesi fa su fb
Paolo Mac Appunto. Prendiamo gli affitti ad esempio. Se un negozio di x m2 a bellinzona costa 3000 di affitto (invento)... lo stesso negozio in una cittadina italiana quanto pippero dovrebbe costare in proporzione? 😱 Da questo punto di vista siamo sempre stati fuori mercato. Ti ricordi quando eravamo giovini e belli? In Ita con 10'000 lire facevi serata... con gli stessi soldi qui invece non mangiavi una pizza 😐
Paolo Mac 6 mesi fa su fb
Paolo Passamonti appunto in Italia non pagheranno mai 3000 € di affitto! Prova a pensare cosa pagano alcuni negozi in piazza a Locarno! Se poi hanno anche 2 o 3 dipendenti.....svizzeri, fammi un po’ di conti! Io so cosa costa tenere un negozio aperto.....senza avere un guadagno pur avendo buone entrate!
Gus 6 mesi fa su tio
In Ticino i più svantaggiati sono ancora una volta quelli delle Valli superiori, lontani dal confine. E per questo motivo che la politica se ne frega. Non c'è un partito che pensi seriamente alle Valli
Alessandro Mathieu 6 mesi fa su fb
e poi si lamentano che andiamo a prendere certe cose in Italia... va bene. Solo per dire, il prezzo del Dylan Dog: Italia: 3,50 Euro Svizzera: 12,90 Franchi
Valerio Castellani 6 mesi fa su fb
Italia 🇮🇹 con tutte le riviste che girano quasi tutte con le stesse notizie per forza devono avere prezzi bassi altrimenti chi vende per il resto noi un pugno 🤛 di mosche come dite bene sveglia ⏰ e chi deve trovi soluzioni chiedete al giornale 📰 del popolo 🌹🐺
Max Bartolini 6 mesi fa su fb
ah beh sono 30 anni che è cosi....
Simone Fiocchetta 6 mesi fa su fb
E i fumetti italiani, costano il triplo!
Salbra 6 mesi fa su tio
La politica non vuole aiutarci...le creste sono allucinanti ! Dove è il problema ......10 Km e compero tutto in Italia..problema risolto ! Quando poi i crestaioli la finiranno d'esagerare ( ma con tutto...alimentari compresi!!)..si ricomincerà a comperare in Svizzera ! Discussione chiusa !!
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Perciò si va in Italia all'edicola e al supermercato! Almeno che si è ricchi e si ha soldi da buttare via!!!
KilBill65 6 mesi fa su tio
Adesso capisco il perche' di persone con la propria famiglia va ad abitare dopo il confine!!!.....Oppure di pensionati che se ne vanno dal Ticino per andare a vivere in altri paesi attrattivi es. Spagna, Portogallo, ecc……...
moma 6 mesi fa su tio
@KilBill65 Vero, però prima hanno guadagnato qui, in Svizzera. Molti se ne vanno all'estero, ma con i risparmi ottenuti grazie alla Svizzera. Vediamo cosa prende un pensionato della zona UE. Una miseria.
senzapretese53 6 mesi fa su tio
purtroppo la cresta non la fanno solo sui giornali e sulle riviste ma anche sui libri (controllate p.es. i cambi applicati rispetto a quelli di mercato). E' forse l'editore che fa la cresta? Mah ….
Mattia Middioni 6 mesi fa su fb
Ma perché c'è ancora gente che compra in Ticino con vicino Como e Milano? 😀
Alex Polli 6 mesi fa su fb
Perche' se io abito a Biasca o piu' a Nord non vado fino in Italia per prendere una rivista, quindi se voglio qualcosa di particolare la prendo e basta.
Andy Vaerini 6 mesi fa su fb
Perché c'è gente che saggiamente sostiene l'economia locale. Quelli che vanno in Italia a fare la spesa poi sono gli stessi che si lamentano perché in Ticino aumenta la disoccupazione...
Cesare Saldarini 6 mesi fa su fb
Andy Vaerini sostenere saggiamente l’economia locale non è pagare una rivista che costa 4.5€ in Italia 10.50 chf in Svizzera.
Alex Polli 6 mesi fa su fb
Concordo...si puo^sostenere l'economia locale ma questa cosa delle riviste e' una presa in giro..fra la cresta dell'editore ( alcune riviste hanno la dicitura Canton Ticino sulla copertina per il prezzo ), dazi doganali ecc...
Myriam Tognetti 6 mesi fa su fb
Andy Vaerini rido solo, ogni commento è superfluo...
Mauro Gaggini 6 mesi fa su fb
Andy Vaerini sostenere l’economia locale ok! Ma passare per gonzi é un’altra cosa😡 ti pare normale che un cerotto della DR.Scholl in farmacia in Svizzera lo paghi 68 CHF mentre lo stesso medesimo prodotto lo trovi in farmacia a Ponte Tresa a 29 Eur. Poi ci lamentiamo perché i costi sanitari esplodono😡😡
Luana Jelmolini 6 mesi fa su fb
io faccio la spesa in Ticino, ma mi rifiuto di comprare le riviste qui. Quelle volte che le compro, lo faccio in Italia. Ma non vado apposta per andare in edicola.
Andreza Zaugg 6 mesi fa su fb
Andreza Zaugg 6 mesi fa su fb
Andy Vaerini
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
Andy Vaerini questo non è sostenere l economia questo è farsi derubare
Alex Aquino 6 mesi fa su fb
Ma dai??? Non lo sapevo!!! 👏🏻👏🏻
prophet 6 mesi fa su tio
bisognerebbe fare una distinzione in quanto in certi casi sono le riviste stesse che applicano prezzi diversi, NON sempre sono i rivenditori CH che maggiorano indiscrimanatamente il prezzo...bensì già loro stessi hanno un prezzo di acquisto maggiorato
Alessandro Milani 6 mesi fa su fb
Se credete ancora nell politica e chi ci cfede ancora .chi vive sperando muore cagando
max0920 6 mesi fa su tio
e poi si lamentano se non ce lavoro e se i negozi falliscono.
Monello 6 mesi fa su tio
...dimenticavo anche gli acquisti che faccio online li faccio inviare in Italia ,cosi evito il costo spropositato della posta !
Monello 6 mesi fa su tio
Io compro tutto in Italia ..oltre a tutto la sera faccio anche una bella cenetta in un ristorante Italiano !
pontsort 6 mesi fa su tio
@Monello Per tanto così puoi anche andarci a vivere e lavorarci.
Luca Bonanomi 6 mesi fa su fb
Da questo articolo si capisce l'interesse di certa politica a creare conflitti con l'UE, uscire da Schengen e chiudere le frontiere. Quello della sicurezza è solo uno specchietto per le allodole. O meglio per gli allocchi.
Telassim Alberti 6 mesi fa su fb
Per fortuna che c'é lei ad aprirci gli occhi Signor Bonanomi! Perché a lei.... non la si fa! Hip Hip Urrà! 😄
Luca Bonanomi 6 mesi fa su fb
Telassim Alberti che commento idiota.
Telassim Alberti 6 mesi fa su fb
Eh beh... non tutti sono illuminati come lei. Ma per fortuna la si vede distribuire saggezza e chiaroveggenza in tutti i post di Ticinoonline 😊. #grato
Luca Bonanomi 6 mesi fa su fb
Telassim Alberti già, ognuno distribuisce ciò che può... 😉
Telassim Alberti 6 mesi fa su fb
... o quello che "crede che può" 😄
Luca Bonanomi 6 mesi fa su fb
Telassim Alberti già, anche in modo inconsapevole.
Telassim Alberti 6 mesi fa su fb
Certo! Ma "Meno male che Luuuuca c'éééééé!" 😄
Edoardo Succio 6 mesi fa su fb
Telassim Alberti secondo me è colpa di putin 😂🤣😂🤣
Maurizio Roggero 6 mesi fa su fb
Se alla politica sta bene così vuol dire che è complice e ci guadagna pure lei in tutto questo!
franco1951 6 mesi fa su tio
E i medicinale fino sei volte di più, anche se prodotti in Svizzera!!! Più caro ci sta, ma troppo spesso si esagera.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 16:51:40 | 91.208.130.86