Keystone
BERNA / ITALIA
08.03.2018 - 08:000

Editori stranieri e prezzi delle riviste: «Sembra che ce ne approfittiamo? Ci spiace»

Berna sta vagliando il dossier. Il distributore svizzero? Può fare un po' quel che vuole: «È l'unico operatore»

BERNA / ROMA - Un piccolo passo avanti è giunto a inizio settimana: il Consiglio Nazionale ha approvato una mozione che dovrebbe incaricare il Consiglio federale di trovare una soluzione ai prezzi troppo alti delle riviste straniere in Svizzera. A fissarli sono gli editori esteri, assicura il gestore dei chioschi “K Kiosk” Valora, che si rifornisce dal grossista svizzero 7Days Media.

In vista del voto, avevamo contattato sei editori italiani per chiedere loro perché si ostinino a fissare prezzi anche del 170% più alti per il mercato elvetico. A distanza di giorni, solo uno di loro ha risposto: GEDI Gruppo Editoriale che pubblica l’Espresso (3 euro in Italia, 6.60 franchi in Ticino: +90%) e il National Geographic (4,90 euro in Italia, 10.50 franchi in Svizzera: +86%).

«Fissiamo noi il prezzo» - «È vero che il prezzo di vendita viene determinato dall’editore», conferma un portavoce di GEDI. La cifra non è però decisa in base ai costi di logistica di ogni singolo Paese, ma tentando di stabilire «un prezzo medio uniforme» per le vendite fuori dall’Italia. L’importatore svizzero, assicura l'editore, non suggerisce in alcun modo il prezzo di vendita.  

«Sembra che ce ne approfittiamo? Ci dispiace» - La Svizzera non è particolarmente più gabbata di altri, insomma, ma non vi scoccia passare per degli approfittatori? «Dispiace che venga percepito come un abuso - assicura l’editore -, ma di fatto non lo è proprio perché il comparto estero va considerato nel suo insieme e dipende dall’andamento del mercato».

Margine più alto per il distributore svizzero - Vendendo all’estero, del resto, l’editore ha un margine più ridotto. Se in Italia il distributore si prende il 25% del prezzo di copertina defiscalizzato, all'estero si intasca generalmente il 50%, spiega GEDI. In Svizzera «leggermente» di più, precisa.

Un circolo vizioso - E non è tutto: «Valora (7Days), in quanto unico operatore, può chiedere di far fronte ai sempre maggiori costi di trasporto/distribuzione con richieste unilaterali di aumento», afferma l’editore, segnalando una situazione di quasi monopolio già denunciata da Mister Prezzi. Il grossista svizzero, insomma, può aumentare il proprio margine con relativa facilità, costringendo in qualche modo l’editore straniero a tenere alti i prezzi in un circolo vizioso di cui di sicuro non beneficia il consumatore svizzero.

Eventuali contromisure preoccupano - Ma vi preoccupa che il Consiglio federale possa mettere mano alla materia rendendo possibile la vendita delle vostre riviste a prezzi più bassi? «Evidentemente sì», ammette schietto il portavoce.

La mozione approvata dal Consiglio Nazionale passa ora al Consiglio degli Stati.  

9 mesi fa Lottare contro i prezzi sproporzionati delle riviste estere
9 mesi fa Riviste italiane a prezzi folli: Berna farà qualcosa?
Commenti
 
matteo2006 9 mesi fa su tio
Chissà quanti posti di lavoro andranno persi con queste riduzioni.
Equalizer 9 mesi fa su tio
Se l'articolo indica le parole veramente dette dal portavoce di GEDI, beh questa risposta contiene tutto lo spirito italiano: «Sembra che ce ne approfittiamo? Ci dispiace» - La Svizzera non è particolarmente più GABBATA di altri.......
Potrebbe interessarti anche
Tags
prezzi
editore
consiglio
prezzo
italia
riviste
svizzera
editori
vendita
margine
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-14 04:49:49 | 91.208.130.87