TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
15 min
Covid, in Ticino altri 7 decessi
Nelle ultime 24 ore registrati 86 nuovi contagi. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
57 min
Il telelavoro non cambia la situazione sui bus
Interpellanza PPD al Consiglio di Stato: «Perché non fa qualcosa invece di chiedere a Berna di intervenire?»
CANTONE
2 ore
Un computer per tutti
La mozione del Partito comunista chiede di dotare gli allievi delle scuole medie di un dispositivo informatico personale
CHIASSO
3 ore
Soldi non dichiarati in dogana, fermate tre persone
Si tratta di un italiano e di due tedeschi, per un ammontare complessivo di 76'000 euro
MENDRISIO
4 ore
«Mia figlia ha paura ad andare a scuola così»
Bus strapieno per gli allievi delle medie. La testimonianza di una mamma. Le autorità, per ora, osservano.
CASTEL SAN PIETRO
4 ore
Quando la cena (da asporto) te la prepara il sindaco
Otto sindaci momò prenderanno parte a una gustosa iniziativa.
CANTONE
16 ore
Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»
Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».
CANTONE
17 ore
Incidente nella galleria del San Gottardo
Il tunnel resta chiuso almeno fino alle 17.40
FOTO
BELLINZONA
17 ore
Ecco i candidati PLR al Municipio
Sono giunti a conclusione i lavori di completamento della lista per la prossima elezione.
CANTONE
18 ore
«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»
È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando
BISSONE
20 ore
Incidente in A2: chiuso il tunnel
Circolazione bloccata nella galleria di San Nicolao, disagi al traffico
TICINO
23 ore
«Sono orgoglioso del mio Ticino»
Ignazio Cassis parla da ex medico cantonale e da ticinese. «Bene la gestione della pandemia, ma la morte non sia tabù»
LUGANO
21.08.2018 - 14:590
Aggiornamento : 22:42

Cardiocentro, sarà iniziativa popolare

Il testo verrà presentato a inizio settembre. E sulla neutralità di Emilio Catenazzi: «Ha dato un'opinione in modo amichevole»

LUGANO - Il ritorno del Cardiocentro in mano pubblica non smette di fare discutere. Nel 2020, lo ricordiamo, la struttura medica dovrebbe tornare sotto l’Eoc, ma c’è un gruppo di sostegno che sta lottando per «assicurare anche in futuro la stessa qualità delle cure che il Cardiocentro ha garantito a tutta la popolazione negli ultimi 20 anni». E il comitato di “Grazie Cardiocentro” ha ora deciso la prossima mossa da seguire per raggiungere questo scopo: l’iniziativa popolare.

«Non ci sono alternative allo strumento principe che la nostra democrazia diretta mette a disposizione di tutti i cittadini» si legge nel comunicato stampa. Il testo dell’iniziativa - che è ancora «in fase di affinamento» - verrà presentato in conferenza stampa a inizio settembre.

“Grazie Cardiocentro” ne approfitta inoltre per commentare le ultime dichiarazioni apparse domenica sul Caffè. Un articolo a pagina 10 metteva infatti in dubbio la neutralità di Emilio Catenazzi. L’ex giudice federale, che è presidente della commissione speciale di ricorso dell’Eoc (ricoprendo il ruolo di arbitro tra l’Eoc e il personale), è stato interpellato quale “consulente esterno” nella stesura del testo dell’iniziativa popolare a favore del Cardiocentro. Un ruolo che ha «sorpreso» Paolo Sanvido, presidente dell’Eoc, che ha commentato: «L’ente deve poter contare sulla sua neutralità in eventuali dispute».

Che la neutralità di Emilio Catenazzi venga messa in discussione ha portato nel gruppo “Grazie Cardiocentro” «sconcerto e preoccupazione»: «L’avvocato si è limitato ad offrire un’opinione sulla base della sua approfondita conoscenza delle leggi e della sua saggezza, accogliendo la nostra richiesta di visionare, in modo amichevole e gratuito, il testo dell’iniziativa redatto dai giuristi del nostro Gruppo».

L’accusa di “Grazie Cardiocentro” è rivolta all’Eoc e al suo presidente, che utilizzano «attacchi personali a mezzo stampa» e violano «la libertà di pensiero»: «Evidentemente per assumere la carica di presidente della Commissione speciale di ricordo dell’Eoc è necessaria un’adesione acritica a ogni scelta politica e strategica del Consiglio d’amministrazione che dirige».

In conclusione Catenazzi viene definito «uomo di specchiata correttezza, che ha dimostrato nel corso di tutta la sua esistenza, umana e professionale, un rigore morale, una lealtà, un equilibrio, un’onesta intellettuale e un amore per le regole e gli organismi della nostra democrazia, che ne fanno, senza alcun dubbio, una delle menti più illuminate, lucide e apprezzate del nostro Cantone».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ToMaTe_81 2 anni fa su tio
Chissà quali interessi ci sono sotto per arrivare ad una iniziativa popolare mamma mia qui si parla di biglietti da mille e diverse cadreghe di spessore NON del personale quello in ogni caso avrà il lavoro fortunatamente, per ora nessuno a iniziato a terrorizzare per il suo interesse la gente che davvero lavora e manda avanti il cardiocentro.
seo56 2 anni fa su tio
Dura mollare la cadrega!!! Vergogna
Gus 2 anni fa su tio
1. Cha arrampicata sui vetri! 2. Gente delle Valli: prima vi hanno sotratto gli ospedali; ora vogliono i vostri soldi per Lugano; non firmate l'iniziativa; vi hanno già fregati con l'Ospedale italiano
casi89 2 anni fa su tio
io mi domando con quali criteri paolo sanvido vuole a tutti costiaccapararsi il cardiocentro.lasciate le cose bene funzionanti come sono e concentratevi piutosto ai vostri compiti.se non siete capaci resta solo ,sparire. il cardiocentro funziona alla perfezzione anche senza oec.
SosPettOso 2 anni fa su tio
@casi89 ...invece il resto del Ticino nemmeno se lo chiede perché il cda del cardiocentro non voglia rispettare gli accordi presi e mollare le cadreghe.
pillola rossa 2 anni fa su tio
@casi89 Forse perché è stato firmato un accordo e come tutti i contratti legali va rispettato? A chi gioverebbe prolungare di altri 15 anni? Forse a qualche cinquantenne? Ah la perfezione...
ToMaTe_81 2 anni fa su tio
@casi89 Con i criteri di un accordo firmato tra le parti 20 anni fa, con i criteri che l'EOC è una struttura seria e che il cardiocentro farà parte di un ente pubblico serio come da accordi presi e se la parola data non è solo fuffa allora questa è tutta una panzanata politica per continuare a pensare al proprio orticello. Come fai a giudicare l'EOC non meritevole di inglobare il cardiocentro, cosa poi? di niente perché il cardiocentro sarà sempre indipendente dal lato delle cure e innovazione. L'unica cosa che verrà a mancare sarà l'indipendenza totale, e diverse cadreghe che ovviamente saranno doppie e quelle cadreghe son dure da far mollare.
F/A-18 2 anni fa su tio
@casi89 Il cardiocentro funziona bene perché si inventano le operazioni, tanto le casse malati coprono le spese ed i premi lievitano, facile gestire un'azienda privata con soldi pubblici e senza regole, il popolo deve sempre pagare e stare zitto, qualcuno lucra e fattura quello che vuole, quanto vuole e come vuole. Signori, intanto le leggi vanno rispettate, gli accordi presi vanno rispettati e gli "amici del cardiocentro" dovrebbero essere contenti per essersi abbeverati a sufficienza, così facendo invece dimostrano di essere insaziabili ma il popolo deciderà. Vedremo quindi quanti amici degli amici verranno mobilitati per tutelarsi la saccoccia.
Gus 2 anni fa su tio
@pillola rossa A qualcuno certo servirà
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-19 10:26:50 | 91.208.130.85