Facebook
LUGANO
20.04.2018 - 15:420

Il Governo farà da mediatore tra il Cardiocentro e l'EOC

Il gruppo di sostegno “Grazie Cardiocentro” valuta positivamente la disponibilità del Consiglio di Stato. Ma minaccia «azioni più incisive» qualora il dialogo non vi fosse o non portasse a soluzioni

LUGANO - Si è svolto ieri, giovedì, l’incontro del gruppo di sostegno “Grazie Cardiocentro” per fare il punto della situazione e definire i prossimi passi.

Nel corso dell’incontro sono stati valutati gli esiti della riunione che si è tenuta mercoledì a Palazzo delle Orsoline tra i rappresentanti dell’ospedale del cuore e il Governo, incaricato di fare da mediatore con l’Ente Ospedaliero cantonale. Il gruppo «valuta positivamente la sensibilità all’ascolto manifestata dai Consiglieri di Stato e la disponibilità del Governo ad assumere il ruolo di mediatore». Per il gruppo di sostegno «si tratta di un primo passo importante nella direzione auspicata».

Più di vent’anni fa - lo ricordiamo - è stata siglata una convenzione che stabiliva che nel 2020 la struttura sarebbe passata sotto l’EOC, ma ora che la data si avvicina c’è chi vorrebbe mantenere lo status quo e l’autonomia della struttura. Sentimento condiviso da cittadini e politici, infatti il gruppo ha già raccolto oltre 1’000 adesioni in pochi giorni e da ogni angolo del cantone.

Nel suo incontro “Grazie Cardiocentro” ha anche vagliato le varie opzioni sul tavolo che potrebbero portare a una soluzione positiva della vicenda. Per questo motivo il gruppo auspica che il Consiglio di Stato «convochi quanto prima le parti per capire se c’è margine per riavviare i negoziati: un margine che forzatamente passa dalla disponibilità da parte dell’EOC a rivalutare certi arroccamenti manifestati negli ultimi mesi».

Il gruppo “Grazie Cardiocentro” ha intenzione di proseguire nella raccolta di adesioni e di elaborazione di proposte «volte a trovare una soluzione positiva nell’interesse dell’intero sistema sanitario cantonale».

Qualora però «la situazione perdurasse troppo a lungo nell’incertezza, o peggio, nella logica del muro contro muro», il Gruppo si riserva la facoltà di «proporre azioni più incisive». La soluzione preferita, però, resta un accordo tra le parti reso possibile dalla mediazione del Governo.

1 anno fa Nasce il gruppo di sostegno "Grazie Cardiocentro"
1 anno fa Oltre mille cittadini sostengono il Cardiocentro
1 anno fa Il Municipio per l'autonomia del Cardiocentro
1 anno fa L’EOC garantirà la qualità del Cardiocentro
Commenti
 
siska 12 mesi fa su tio
Ah ah ah ah ah fenomeni!
F/A-18 12 mesi fa su tio
Beh, considerando che il consiglio di stato è autonomo.....ah ahahah, questi amici del cardiocentro che più che amici sono azionisti e quindi incassano, sono una minoranza anche se stanno convincendo gli amici degli amici ad aumentare di numero. Da noi funziona così, in cambio otterranno eventuali operazioni al cuore con sconti speciali del tipo operiamo tutta la famiglia al prezzo di uno.... ahahah......, quasi quasi mi associo anch'io!
Gus 12 mesi fa su tio
Ci saranno 1000 - 2000 - 3'000 adesionial Gruppo del Cardiocentro ma ce ne sono 300'000 - 299'000 - 298'000 che chiedono il rispetto degli accordi presi a suo tempo. Ed ora minacciano "azioni piû incisive"! Ma dove siamo? Poveri noi! Begli esempi!
casi89 12 mesi fa su tio
e cosa vogliono fare questi governatori ? fate il vostro lavoro e basta.lasciate il cardiocentro cosi come e .piutosto pensateci di sostituire certi manager con lo stemma dei dollari negli occhi,e lasciate una istituzione funzionante ,funzionare !
tip75 12 mesi fa su tio
se non altro il cds e’ neutro ahahhahahahs
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-19 15:09:43 | 91.208.130.87