Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
PARADISO
9 min
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
10 min
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
12 min
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
41 min
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
50 min
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
1 ora
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
1 ora
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
LUGANO
1 ora
In diecimila per la festa d'apertura del Lac
CANTONE
2 ore
Sostituzione delle luci pista all’aeroporto di Locarno: scatta l'interrogazione
LUGANO
2 ore
Scontro tra uno scooter e un'auto, ferita una ragazza
CONFINE
2 ore
Bruciano i rifiuti, denunciati due ticinesi
CANTONE
3 ore
Truffa e falsità in documenti, due persone in manette
LUGANO
3 ore
Tra il dire e il fare: «Lugano in ritardo sulla crisi climatica»
LUGANO
4 ore
Ampliato il Giardino dei Giusti al Parco Ciani
CANTONE
4 ore
La metà dei giovani ticinesi vuole vivere in un altro cantone
LUGANO
17.07.2018 - 12:420

Il futuro del Cardiocentro passerà da un'iniziativa popolare

Salvo sorprese, dovrebbe essere lanciata in settembre. Il Gruppo di sostegno: «Vogliamo una partnership con l'EOC, loro invece vogliono cancellare il futuro del Cardiocentro»

LUGANO - Alla luce di un «ostinato disinteresse» da parte dell’Ento Ospedaliero Cantonale (EOC) rispetto alle proposte avanzate, il Comitato del Gruppo di sostegno Grazie Cardiocentro ha deciso di intraprendere la via che porta al lancio di un’iniziativa popolare. Questo affinché «il Cardiocentro possa continuare ad assicurare anche in futuro cure di alta qualità a beneficio di tutti i pazienti cardiopatici ticinesi».

«Per molti mesi, infatti, abbiamo auspicato, e tentato di favorire formalmente e informalmente, un dialogo aperto, schietto e positivo con l’Ente ospedaliero. Ma in risposta sono arrivate solo porte in faccia e attacchi di ogni genere al Cardiocentro, al suo fondatore Tiziano Moccetti, ai collaboratori e agli ammalati che si sono schierati a fianco dell’istituto. Di fronte a tale atteggiamento - purtroppo confermato nuovamente dal presidente dell’EOC nelle sue più recenti esternazioni - non intravvediamo altra soluzione di quella di far capo allo strumento principe che la nostra democrazia diretta mette a disposizione di tutti i cittadini», spiega il gruppo attraverso un comunicato.

Oltre alla tutela dei pazienti, tra i punti salienti dell’iniziativa «solida, moderata e credibile» vi è anche la ferrea difesa dei contratti di tutti i dipendenti, che saranno tutelati alle stesse condizioni attuali e a tempo indeterminato.

«Al contrario, infatti, di quanto vogliono fare i vertici dell’EOC - assorbire il Cardiocentro cancellando dal futuro chi lo ha costruito con tanta passione e fatica - noi siamo convinti che la via maestra per una soluzione forte, equilibrata e duratura, passi da una partnership sempre più stretta tra l’ospedale del cuore e l’Ente ospedaliero», conclude il gruppo di sostegno.

Salvo sorprese, l’iniziativa sarà presentata e lanciata nel corso del mese di settembre.

 

 

Commenti
 
navy 1 anno fa su tio
VOI FIRMERESTE PER ARRICCHIRE IN MODO SPROPOSITATO POCHI (GIÀ) SCIURI? IO ASSOLUTAMENTE NO!!!
navy 1 anno fa su tio
Argo1 come Cardio Centro? Beh, la sensazione di poca chiarezza è reale per entrambe le storie. Nella prima tutti in maglietta. Nella seconda in camici bianchi e completi con tanto di cravatta. Per il resto sono simili. Mafia e mafietta cantonale. Altro che storie. Il sole fatto che il figlio del dottor Moccetti lavori al Cardio al doppio dello stipendio (per pari funzione) di quanto prenderebbe in EOC la dice lunga....Si chiama mafia. Senza se e senza ma. I conti poi del Cardio sono tutto fuori che trasparenti. Tanta gente se ne è messa piene le tasche di monete ed è ora che finisca. I contratti vanno rispettati e, soprattutto, i cittadini tutti e non una casta di magna-magna.
seo56 1 anno fa su tio
La casta, buttando fango sull’EOC cerca di convincere i ticinesi a sostenere un’eventuale iniziativa. Signor Moccetti i contratti, che le piaccia o no, sono fatti per rispettare. #iostoconlEOC
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 16:08:44 | 91.208.130.85