Immobili
Veicoli

URIEuropa, difesa e migrazione: il PLR ne discute a Andermatt

25.06.22 - 09:07
I delegati si riuniscono oggi in assemblea. Presenti anche i consiglieri federali Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter
keystone-sda.ch (PETER SCHNEIDER)
Fonte ats
Europa, difesa e migrazione: il PLR ne discute a Andermatt
I delegati si riuniscono oggi in assemblea. Presenti anche i consiglieri federali Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter

ANDERMATT - I delegati del PLR si riuniscono oggi a Andermatt (UR) per discutere di Europa, difesa e migrazione. L'agenda dei lavori prevede anche una raccomandazione di voto circa l'abolizione parziale dell'imposta preventiva, dossier soggetto a votazione federale il prossimo 25 di settembre.

Presenti nella località turistica urana anche i due consiglieri federali liberali-radicali: il presidente della Confederazione e ministro degli esteri Ignazio Cassis, e la ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter. Entrambi parleranno della guerra in Ucraina.

A proposito di questo conflitto scoppiato con l'invasione russa del 24 di febbraio scorso, alcuni documenti di lavoro chiederanno un aumento del budget dell'esercito a 7 miliardi di franchi, una maggiore cooperazione con la NATO e l'aumento del contingente minimo di soldati.

Per quanto attiene alla migrazione, si discuterà della riforma dell'attuale status di protezione dei rifugiati ucraini per renderlo più orientato al futuro rimpatrio.

I delegati discuteranno anche della posizione del partito in merito alla futura politica europea della Svizzera. La bozza contempla l'avvio di un pacchetto di negoziati - bilaterali III - su accordi settoriali da condurre in parallelo.

I delegati dovranno anche esprimersi in merito all'abolizione parziale dell'imposta preventiva, oggetto che sarà sottoposto al voto popolare dopo che socialisti, ecologisti e sindacati hanno lanciato il referendum. I delegati del PLR hanno già votato a febbraio sugli altri due temi sottoposti al giudizio del popolo, raccomandando l'approvazione della riforma dell'AVS e la bocciatura invece dell'iniziativa popolare contro l'allevamento intensivo.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA