Immobili
Veicoli

SVIZZERAI ghiacciai ringraziano il Nazionale

15.06.22 - 22:25
Approvato il controprogetto all'Iniziativa che vuole ridurre a zero le emissioni di gas serra entro il 2050
tipress
I ghiacciai ringraziano il Nazionale
Approvato il controprogetto all'Iniziativa che vuole ridurre a zero le emissioni di gas serra entro il 2050
Soddisfatte le associazione ambientaliste. Ora la palla passa agli Stati

BERNA - Un obiettivo ambizioso ma un po' in là nel tempo. Comunque un passo avanti importante a favore del clima. Oggi il Consiglio Nazionale ha approvato con 134 voti contro 56 il controprogetto all'Iniziativa per i ghiacciai, che mira a ridurre a zero le emissioni di gas serra della Svizzera entro il 2050.

In questo modo il Parlamento intende fissare gli obiettivi climatici direttamente nella legge, avviando l'iter legislativo senza dover passare dalle urne. La maggior parte dei punti dell'iniziativa sono stati ripresi, cosa che ha lasciato soddisfatti i promotori. Una serie di modifiche al controprogetto proposte nella giornata di ieri da Udc e Partito socialista sono state bocciate dal plenum, che ha sposato in pieno il rapporto della Commissione. La palla passa ora agli Stati. 

Gli iniziativisti hanno accolto con soddisfazione la notizia. «Le misure previste rappresentano il minimo necessario per raggiungere gli obiettivi dell'iniziativa» scrive in un comunicato il comitato promotore. Dagli Stati tuttavia gli iniziativisti si aspettano «una procedura rapida e miglioramenti su alcuni punti, senza ridurre i requisiti del testo di legge». In tal caso, potrebbero considerare di ritirare la l'iniziativa.

Greenpeace Svizzera ha accolto con favore il fatto che il testo conservi gli elementi principali di una politica climatica realistica. Tuttavia ricorda che «risolvere la crisi climatica richiede interventi più ambiziosi». Anche l'Iniziativa delle Alpi si dice soddisfatta del risultato. «Siamo felici di vedere che le regioni di montagna saranno supportate per raggiungere la neutralità dal carbone entro il 2050», si legge in un comunicato stampa.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE