Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
2 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
3 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
4 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
6 ore
I camerieri possono essere obbligati a presentare il certificato Covid
La misura deve essere proporzionata e valutata caso per caso
ZURIGO
8 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
9 ore
Caso FIFA: l'immunità di Stefan Keller non sarà tolta
Il presidente del tribunale cantonale di Obvaldo, era incaricato di indagare sugli incontri segreti tra Michael Lauber.
BERNA
10 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
11 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
11 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
12 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
SVIZZERA
13 ore
In diminuzione i casi di meningoencefalite e borreliosi da zecche
Secondo l'UFSP i casi finora segnalati quest'anno sono 234.
GRIGIONI
14 ore
Auto si ribalta più volte, adolescenti solo leggermente feriti
L'incidente è avvenuto ieri tra Sarn e Cazis. Solo leggere ferite per due 18enni e un 17enne.
ZURIGO
15 ore
Pirata della strada a 173 chilometri orari sull'ottanta
Si tratta di un motociclista 43enne che è incappato in un controllo radar a Neftenbach.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
17 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
18 ore
Trasporti, donazione organi e tabacco alle Camere federali
Il plenum dovrà esaminare la legge per la realizzazione della metropolitana per le merci sotto l'Altopiano.
SVIZZERA
18 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
18 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
1 gior
Fugge dalla polizia perché senza patente. Ma gli va male
Un 24enne alla guida del suo furgone si è sottratto venerdì scorso a un controllo ad Altstätten.
SVIZZERA
04.05.2020 - 13:130

Crisi coronavirus: critiche dall'UDC, più positivi gli altri gruppi

I vari gruppi politici sono intervenuti in apertura della sessione straordinaria delle Camere.

BERNA - Critiche da parte dell'Unione democratica di centro, reazioni più positive da parte degli altri gruppi. Così in estrema sintesi si possono riassumere gli interventi dei vari gruppi in apertura della sessione straordinaria delle Camere federali dedicata interamente al coronavirus. La presidente del Consiglio nazionale Isabelle Moret ha spiegato che durante questi quattro giorni, i gruppi si esprimeranno sempre dal più grande al più piccolo.

UDC: Svizzera non abbastanza preparata
Per l'Unione democratica di centro, vi sono state pecche nella preparazione della Svizzera per far fronte alla crisi del coronavirus, ha deplorato il presidente Albert Rösti (UDC/BE). Nonostante il piano di pandemia, la Confederazione mancava di prodotti igienici, quali disinfettanti, mascherine e anche medicinali, in particolari anestetici, ha sottolineato Rösti, per il quale queste lacune devono essere colmate.

A suo avviso, il diritto d'urgenza deve essere abrogato al più presto per ritrovare la normalità democratica e una situazione conforme alla Costituzione. Il gruppo UDC ha depositato una mozione in tal senso, ha aggiunto il consigliere nazionale bernese.

Secondo Rösti, l'opposizione tra sanità pubblica ed economia non ha senso. Senza attività economica, il Paese si impoverirà e di ciò ne risentirà la salute della popolazione. In futuro, i controlli alle frontiere devono essere mantenuti, ha detto dal canto suo Céline Amaudruz (UDC/GE). Occorre evitare che persone infettate passino il confine. I datori di lavori dovranno impiegare soltanto manodopera indigena.

PS: epidemia ben gestita
Dal canto suo il capogruppo socialista in Parlamento Roger Nordmann PS/VD) ha affermato che la prima ondata dell'epidemia di coronavirus è stata relativamente ben gestita grazie alle misure sanitarie e gli aiuti finanziari attuati dal Consiglio federale. Ciò consentirà all'economia di riprendersi più rapidamente, ha aggiunto il vodese.

La strategia di contenimento del virus che sarà attuata prossimamente è assolutamente necessaria, secondo Nordmann. Il PS è contrario a una abrogazione troppo rapida delle restrizioni e delle misure di protezione. «Dobbiamo essere molto prudenti», ha proseguito.

Inoltre, per Nordmann, è necessario agire per sostenere i lavoratori. Le persone che erano in prima linea durante la prima fase della crisi, ovvero il personale di cura, delle pulizie, i poliziotti, le cassiere o gli educatori negli asili nido, non sono quelli che hanno i salari più elevati.

«La rimunerazione non riflette il merito», ha deplorato Nordmann, concludendo come «occorra correggere queste disparità».

PPD: grati di vivere in Paese che funziona
Da parte sua il consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI), a nome del gruppo del Centro, ha dichiarato che la pandemia di Covid-19 ha mostrato tutta l'inconsistenza dei grandi proclami populistici. Al centro della politica sono ritornate le persone e le famiglie. Romano ha ringraziato tutti coloro che si sono impegnati nel settore sanitario ed ha espresso vicinanza a chi ha perduto dei cari.

Il parlamentare ticinese ha aggiunto che «dobbiamo essere grati di vivere in un Paese in cui le strutture funzionano anche in tempi di crisi e ha i mezzi per combattere il coronavirus«. A suo avviso, è necessaria una «politica costruttiva e pragmatica». Per il consigliere nazionale ticinese, il federalismo è un atout e comuni e cantoni hanno gestito bene lo stato di necessità decretato dal Consiglio federale.

Romano non ha tuttavia nascosto come il percorso sia ancora molto lungo e ha detto di seguire con particolare attenzione quanto accade in Italia, vista la vicinanza della frontiera con il Ticino. Il consigliere nazionale popolare-democratico ha pure rilevato come la libertà e la solidarietà siano indispensabili e la Confederazione ha bisogno di coesione tra le regioni, ma anche tra le generazioni.

Verdi: trarre lezioni per la crisi climatica
Per il capogruppo dei Verdi Balthasar Glättli (ZH), la crisi del coronavirus deve permettere di accelerare la svolta verso un'economia più ecologica. Occorre quindi cogliere questa occasione per ridurre la mobilità aumentando il telelavoro, privilegiando i tragitti corti e l'economia locale e uscire dalla dipendenza dalle energie fossili, ha aggiunto.

Secondo Glättli, la prossima crisi sarà climatica. «Sappiamo cosa ci attende e ciò che dobbiamo fare. Ricordiamoci della rapidità con la quale la Svizzera ha potuto mettere a disposizione mezzi importanti». Senza ricorrere al diritto d'urgenza, si possono trarre conclusioni e trovare soluzioni. Per l'ecologista zurighese è meglio salvare delle vite che degli aerei.

La ripresa, gli ha fatto eco Léonore Porchet (Verdi/VD) dovrà essere ecologica. Occorre aiutare le persone che ne hanno maggiormente bisogno. Le misure sociali e sanitarie che sono state prese in poche settimane mostrano l'importanza di un sistema forte.

PLR: fase di deconfinamento complicata
Per il consigliere nazionale Olivier Feller, «nessuno potrà dimenticare l'apparizione brutale del coronavirus in Svizzera». Oggi si preannuncia la fase di deconfinamento e «la Confederazione dovrà soppesare tutti gli interessi», ha aggiunto.

La distanza sociale deve essere mantenuta il più spesso possibile e deve essere sostituita dall'utilizzo delle mascherine se non è possibile conservarla. Ma il ritorno alla «normalità» deve essere altrettanto rapido affinché la società non esca distrutta dall'aver sopravvissuto al virus, ha spiegato Olivier Feller.

Il deconfinamento graduale è una misura piena di buon senso. Non bisogna opporre economia e salute. Il mondo economico è parte integrante della società. Non ci sarebbero ospedali, sostentamento, formazione se tutto rimanesse bloccato. Ma nessuna categoria della popolazione deve essere stigmatizzata durante questa fase. «Non ci sono gli anziani e gli altri».

Le soluzioni devono dare risposte a lungo termine e non soltanto a breve scadenza, gli ha fatto eco il capogruppo del PLR Beat Walti (ZH). La forza dell'innovazione della Svizzera deve essere preservata e migliorata. Le relazioni con gli altri Paesi pure.

Verdi liberali: preservare libertà e ecologia
Secondo la capogruppo verde-liberale Tiana Angelina Moser (PVL/ZH), infine, i principi liberali ed ambientali non devono fare le spese della crisi del coronavirus. La stabilità economica e il debole indebitamento costituiscono i pilastri sui quali la ripresa potrà appoggiarsi.

Non occorre un intervento massiccio nell'economia e la società deve progressivamente ritrovare la normalità. La Svizzera ha i mezzi per riprendersi e deve contare sulla collaborazione internazionale, ha dichiarato Moser.

La crisi ha pure messo in evidenza la solidarietà intergenerazionale e verso le persone più vulnerabili. Ma ha pure mostrato gli sforzi da fare per meglio conciliare vita professionale e famigliare. «Tale crisi deve essere una chance per un cambiamento in questo ambito», ha concluso.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 02:32:03 | 91.208.130.86