Simonetta Sommaruga
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA 
2 min
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
1 ora
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
SAN GALLO
2 ore
Fiamme al centro riciclaggio, densa e alta la colonna di fumo
Dai primi accertamenti non sembrano esservi persone all'interno dell'edificio
FOTO
URI
2 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
2 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
4 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
VALLESE
5 ore
Lonza crea 1200 nuovi posti di lavoro a Visp
Assunte già 650 persone. Nell'impianto vallesano sono in funzione tre linee di produzione per il vaccino di Moderna
SVIZZERA
6 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
8 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SVIZZERA
04.05.2020 - 10:160
Aggiornamento : 12:21

«Non abbiamo mai vissuto una crisi come questa»

Simonetta Sommaruga è intervenuta durante la sessione straordinaria del Parlamento.

Prima di lei aveva parlato la prima cittadina Isabelle Moret: «I nostri pensieri vanno a coloro che hanno perso una persona cara»

BERNA - Si è aperta questa mattina la sessione straordinaria del Parlamento. Straordinaria di nome e di fatto. Sia perché interamente dedicata all'emergenza economica dovuta al coronavirus, sia per l'inusuale location: al posto di Palazzo federale, i deputati si sono ritrovati nei più ampi locali di Bernexpo. È la prima volta che succede. Nemmeno guerre, catastrofi naturali o altre epidemie avevano reso necessario questo passo.

Un pensiero per il Ticino - La prima persona a prendere la parola è stata la prima cittadina svizzera Isabelle Moret (presidente del Consiglio Nazionale), che si è espressa nella sua lingua (francese), ma anche in italiano. E ai ticinesi ha detto: «Siete stati i primi in Svizzera e il nostro pensiero è rivolto a voi che appartenete a uno dei Cantoni più colpiti».

Differenza con la II Guerra mondiale - «Molti paragonano l'attuale crisi con la situazione durante Seconda Guerra mondiale», ha detto Moret. Ma c'è una differenza fondamentale: «Nel 1939, il Consiglio federale ricevette poteri speciali dal Parlamento, e alcune decisioni del Consiglio federale rimasero in vigore anche dopo l'emergenza». Oggi è diverso: le ordinanze di emergenza del Consiglio federale scadono automaticamente dopo sei mesi.

Condoglianze - Moret ha poi avuto un pensiero per chi ci ha lasciato in solitudine, senza poter avere i propri cari vicini. «Non è più consentito a una moglie badare al marito, a un figlio dire addio alla madre, a una sorella tenere la mano al fratello». Il coronavirus - ha aggiunto - fa sì che chi ci lascia debba farlo senza i propri cari, in solitudine. Per questo è stato anche osservato un minuto di silenzio. Moret ha concluso il proprio intervento con il motto "Tutti uniti, tutti solidali", detto nelle quattro lingue nazionali.

La Svizzera non è invulnerabile - Dopo la presidente del Nazionale, ha preso la parola la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga. «Dopo la Seconda Guerra mondiale - ha sottolineato - non c'è mai stata una crisi come questa. È la dimostrazione che la Svizzera non è invulnerabile». Il nostro obiettivo - ha aggiunto - era frenare la pandemia e un primo cauto bilancio è positivo. «Ora è il momento di portare il nostro Paese fuori dalla crisi».

Anche Simonetta Sommaruga ha chiuso il suo intervento con un pensiero di vicinanza rivolto a chi ci ha lasciati e di gratitudine verso chi è impegnato al fronte per combattere in quest'emergenza.

Poteri di nuovo al Parlamento - La sessione odierna è stata voluta dai parlamentari, ma anche dallo stesso Consiglio federale. Il diritto d'urgenza che ha dato pieni poteri al Governo, «ma è però tempo che il Parlamento torni ad avere la parola», è stato detto. Anche perché ci sono una serie di crediti urgenti che vanno approvati dalle Camere, come prevede la Costituzione.

Voto poco trasparente? - Dopo gli interventi di Moret e Sommaruga, i lavori del Consiglio Nazionale sono iniziati con i portavoce dei vari gruppi che hanno presentato le loro priorità. Oggi pomeriggio (dalle 14.00) sarà la volta del Consiglio degli Stati. I voti dei deputati della Camera alta non saranno però visibili perché manca il tabellone elettronico come a Palazzo federale. Una situazione che va corretta, secondo il "senatore" Werner Salzmann (UDC/BE), che chiede con una mozione la pubblicazione con i nomi dei votanti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-10 16:14:49 | 91.208.130.86