«Non abbiamo mai vissuto una crisi come questa»
Simonetta Sommaruga
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Uomo senza vita trovato in un tunnel ferroviario
È successo nell'Oberland bernese. La vittima è stata investita da un treno
SVIZZERA / INDONESIA
2 ore
Materiale medico ha preso il volo per l'Indonesia
La Svizzera ha donato 600 concentratori di ossigeno, 12'000 tute e 45'000 mascherine
BERNA
2 ore
Lite con accoltellamento
Un uomo è stato ferito a Berna. La polizia cerca testimoni
FOTO
ZUGO
3 ore
Carambola sulla strada: quattro feriti
Nel Canton Zugo un 85enne ha urtato più auto e motociclette
SVIZZERA / GIAPPONE
3 ore
Parmelin a tu per tu col primo ministro giapponese
Tra gli argomenti affrontati anche l'aggiornamento dell'accordo di libero scambio
URI
5 ore
Gottardo: fine settimana al via con 14 km di coda
Tempi d'attesa oltre le 2 ore al portale nord. Ieri si erano già raggiunti i 10 chilometri.
BERNA
6 ore
Guida del PLR: c'è chi propone una copresidenza svizzero tedesca-romanda
Il candidato sangallese Marcel Dobler ha detto di non conoscere abbastanza il francese. E di voler continuare a lavorare
SVIZZERA
7 ore
I capi vogliono sapere se i loro dipendenti sono vaccinati
L'amministratore delegato di Roche sostiene l'uso del certificato Covid sul posto di lavoro.
TURGOVIA
16 ore
Rifiuta la mascherina, si oppone alla multa e riceve un rimborso
L'uomo, che si trovava in treno, non si è fatto convincere nemmeno dalla Polizia ferroviaria.
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Minacciato di morte perché voleva offrire il caffè ai vaccinati
Il titolare di un ristorante aveva pensato di fare un regalo alla clientela immunizzata.
SVIZZERA
04.05.2020 - 10:160
Aggiornamento : 12:21

«Non abbiamo mai vissuto una crisi come questa»

Simonetta Sommaruga è intervenuta durante la sessione straordinaria del Parlamento.

Prima di lei aveva parlato la prima cittadina Isabelle Moret: «I nostri pensieri vanno a coloro che hanno perso una persona cara»

BERNA - Si è aperta questa mattina la sessione straordinaria del Parlamento. Straordinaria di nome e di fatto. Sia perché interamente dedicata all'emergenza economica dovuta al coronavirus, sia per l'inusuale location: al posto di Palazzo federale, i deputati si sono ritrovati nei più ampi locali di Bernexpo. È la prima volta che succede. Nemmeno guerre, catastrofi naturali o altre epidemie avevano reso necessario questo passo.

Un pensiero per il Ticino - La prima persona a prendere la parola è stata la prima cittadina svizzera Isabelle Moret (presidente del Consiglio Nazionale), che si è espressa nella sua lingua (francese), ma anche in italiano. E ai ticinesi ha detto: «Siete stati i primi in Svizzera e il nostro pensiero è rivolto a voi che appartenete a uno dei Cantoni più colpiti».

Differenza con la II Guerra mondiale - «Molti paragonano l'attuale crisi con la situazione durante Seconda Guerra mondiale», ha detto Moret. Ma c'è una differenza fondamentale: «Nel 1939, il Consiglio federale ricevette poteri speciali dal Parlamento, e alcune decisioni del Consiglio federale rimasero in vigore anche dopo l'emergenza». Oggi è diverso: le ordinanze di emergenza del Consiglio federale scadono automaticamente dopo sei mesi.

Condoglianze - Moret ha poi avuto un pensiero per chi ci ha lasciato in solitudine, senza poter avere i propri cari vicini. «Non è più consentito a una moglie badare al marito, a un figlio dire addio alla madre, a una sorella tenere la mano al fratello». Il coronavirus - ha aggiunto - fa sì che chi ci lascia debba farlo senza i propri cari, in solitudine. Per questo è stato anche osservato un minuto di silenzio. Moret ha concluso il proprio intervento con il motto "Tutti uniti, tutti solidali", detto nelle quattro lingue nazionali.

La Svizzera non è invulnerabile - Dopo la presidente del Nazionale, ha preso la parola la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga. «Dopo la Seconda Guerra mondiale - ha sottolineato - non c'è mai stata una crisi come questa. È la dimostrazione che la Svizzera non è invulnerabile». Il nostro obiettivo - ha aggiunto - era frenare la pandemia e un primo cauto bilancio è positivo. «Ora è il momento di portare il nostro Paese fuori dalla crisi».

Anche Simonetta Sommaruga ha chiuso il suo intervento con un pensiero di vicinanza rivolto a chi ci ha lasciati e di gratitudine verso chi è impegnato al fronte per combattere in quest'emergenza.

Poteri di nuovo al Parlamento - La sessione odierna è stata voluta dai parlamentari, ma anche dallo stesso Consiglio federale. Il diritto d'urgenza che ha dato pieni poteri al Governo, «ma è però tempo che il Parlamento torni ad avere la parola», è stato detto. Anche perché ci sono una serie di crediti urgenti che vanno approvati dalle Camere, come prevede la Costituzione.

Voto poco trasparente? - Dopo gli interventi di Moret e Sommaruga, i lavori del Consiglio Nazionale sono iniziati con i portavoce dei vari gruppi che hanno presentato le loro priorità. Oggi pomeriggio (dalle 14.00) sarà la volta del Consiglio degli Stati. I voti dei deputati della Camera alta non saranno però visibili perché manca il tabellone elettronico come a Palazzo federale. Una situazione che va corretta, secondo il "senatore" Werner Salzmann (UDC/BE), che chiede con una mozione la pubblicazione con i nomi dei votanti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 15:02:24 | 91.208.130.85