Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
25 min
Radicalizzazione ed estremismo, buone notizie
BERNA
36 min
Un mercante d'armi deve 2,5 milioni al fisco bernese
SVIZZERA
1 ora
Divorzi in aumento, due matrimoni su cinque vanno a pezzi
URI
1 ora
Heidi Z'Graggen punta di nuovo alla politica federale
ARGOVIA
1 ora
Colpo di sonno sulla corsia di sorpasso
BERNA
1 ora
Il cadavere di una ragazzina ripescato dall'Aare
VAUD
1 ora
Al volante con il 2,5 per mille, addio patente
SVIZZERA
1 ora
Altra notte tropicale, oltre 25 gradi a Vevey
SVIZZERA
2 ore
Il Consiglio federale frena sull'e-voting: «Non diventi la norma»
SVIZZERA
2 ore
Migros vuole cedere Globus, Interio, Depot e m-way
SOLETTA
3 ore
Protesta a favore delle due ruote
SVIZZERA
3 ore
«L'assicurazione di base dovrebbe assumersi i costi del dentista»
SVIZZERA
5 ore
Sesso e calura: «Più ormoni, il desiderio aumenta»
BASILEA CITTÀ
13 ore
Con la sedia a rotelle sulla A2: «Non si è fermato nessuno a chiedere se era tutto ok»
BERNA / MILANO
15 ore
Uno svizzero a Milano: «Così abbiamo contrastato i classici stereotipi sulla Svizzera»
SVIZZERA
04.12.2018 - 21:010

La notte dei "corti" coltelli

Tra qualche ora sapremo chi succederà a Doris Leuthard e Johann Schneider-Ammann. Nomi che salvo sorprese già si conoscono

BERNA - È la notte che precede l’elezione di due nuovi membri del Consiglio federale. Ma se spesso la cosiddetta "notte dei lunghi coltelli" è stato un momento in cui si intrecciavano le strategie e gli interessi dei vari partiti politici, gettando le basi per alcune sorprese (o tradimenti) dell’ultimo minuto, a questo giro tutto pare piuttosto scontato. Ecco perché questa sarà una "notte dei corti coltelli". 

Le due poltrone verranno assegnate secondo l’anzianità di servizio del ministro uscente. Si inizierà dunque con il successore di Doris Leuthard, l’elezione con ogni probabilità meno scontata delle due.

Amherd in casa PPD - Se la vallesana Viola Amherd appare come la favorita nel ticket tutto al femminile del PPD, il maggior apprezzamento dell’UDC per Heidi Z’Graggen (e la possibilità di “regalare” al Canton Uri il primo seggio in Governo di sempre) potrebbe rimescolare le carte.

La prima gode di una lunga esperienza a Palazzo federale (siede al Nazionale dal 2005) e rappresenta l’ala più a sinistra del proprio partito. La seconda si posiziona più a destra ma è poco conosciuta a Berna; un aspetto questo da non sottovalutare visto che negli ultimi 20 anni solo in due occasioni il Consigliere federale non proveniva dall’Assemblea Nazionale.

Keller-Sutter su tutti - Si passerà poi all’elezione del successore di Johann Schneider-Ammann, che dovrebbe rappresentare una semplice formalità. La superfavorita è infatti la sangallese Karin Keller-Sutter, che si batterà contro il nidvaldese Hans Wicki.

Oltre a provenire da una regione che da tempo rivendica un seggio nell’Esecutivo federale e a essere una donna - un aspetto giudicato prioritario per riportare un certo equilibrio di genere in Governo -, ha più volte dimostrato le proprie competenze e già nel 2010 fu inserita nel ticket che portò all'elezione di Schneider-Ammann. Anche l’outsider Wicki proviene da un cantone che non ha mai avuto un rappresentante fra i "7 saggi", ma sembra essere stato affiancato a Keller-Sutter più per evitare candidature selvagge che con un reale intento di rivaleggiare con la “lady di ferro della Svizzera orientale”.

Difficile, in ogni caso, che a succedere a Doris Leuthard e Johann Schneider-Ammann sarà qualcuno di diverso dai quattro candidati ufficiali. Praticamente impossibile scombinare la "nuova formula magica” e dunque attribuire i seggi che spettano a PPD e PLR ad altri partiti.

Sarà quindi una “notte dei corti coltelli”, consci tuttavia che le sorprese sono tali proprio perché nessuno se le aspetta.

6 mesi fa Doppia elezione in Governo, ecco chi sostengono i partiti
7 mesi fa L'Udc voterà per Heidi Z'Graggen e Karin Keller-Sutter
7 mesi fa I candidati del Plr non convincono del tutto i Verdi liberali
Commenti
 
streciadalbüter 6 mesi fa su tio
Donne o uomini,speriamo che non siano dei calabraghe.
Bandito976 6 mesi fa su tio
Si spera che i neo consiglieri entranti facciano il possibile per non indebolire il paese ulteriormente. Le proiezioni per il 2019 non sono rosee.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 11:20:25 | 91.208.130.87