Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
3 ore
Un furgone blindato assaltato anche a Berna: «Bottino da 4.5 milioni»
Il furto è avvenuto nel mese di luglio, ma è stato divulgato solo adesso. Il Tribunale Federale ha risposto picche alla richiesta di scarcerazione dell'autista, arrestato per complicità nel colpo
BERNA
5 ore
Ridurre alla fame la popolazione civile diventa un crimine di guerra
La novità, introdotta su iniziativa svizzera, è stata adottata dall'Assemblea degli Stati membri della CPI
SVIZZERA
8 ore
Depakin a donne incinte, 34 casi di malformazione dal 1990
L'ultima notifica risale allo scorso anno e riguarda una gravidanza nel 2014
SVIZZERA
9 ore
Sanità2030, tre parole chiave: digitale, lavoro e ambiente
Tra le sfide prioritarie restano anche quelle legate all'alta qualità dell'assistenza sanitaria e l'evoluzione demografica
SVIZZERA
10 ore
Caricatura sugli zingari, il Tribunale conferma: «È discriminazione»
I giudici hanno convalidato la condanna affibbiata ai due co-presidenti dei Giovani UDC Nils Fiechter e Adrian Spahr per una vignetta razzista pubblicata sui social
SVIZZERA
10 ore
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
11 ore
Perché due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
11 ore
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
BERNA
11 ore
Terrorismo e lotta alle mafie: nuova strategia per il periodo 2020-2023
La risposta deve essere «globale, multidimensionale e poggiare sulla cooperazione e lo scambio di informazioni»
BERNA
12 ore
L'intervento sulle tariffe mediche è stato efficace: risparmiati 119 milioni
Sono calati i costi fatturati all'assicurazione obbligatoria delle cure medico sanitarie
ARGOVIA
12 ore
Ubriaco, ruba un'auto e si schianta contro un albero
Il giovane ha poi abbandonato la vettura e si è allontanato a piedi. La polizia però lo ha arrestato poco dopo
SVIZZERA / REGNO UNITO
12 ore
"Mind The Gap", diritti al sicuro anche dopo la Brexit
Il Consiglio federale ha adottato oggi un messaggio che getta le basi delle future relazioni tra Berna e Londra
ZUGO / STATI UNITI
12 ore
La crema svizzera che rende il volto di Trump arancione
Il cosmetico, un cosiddetto concealer, è prodotto dalla Bronx Colors di Hünenberg
SVIZZERA
27.11.2018 - 18:210
Aggiornamento : 20:15

L'Udc voterà per Heidi Z'Graggen e Karin Keller-Sutter

Le due sono state preferite rispettivamente a Viola Amherd (PPD) e Hans Wicki (PLR)

BERNA - L'UDC voterà per Heidi Z'graggen (PPD) e Karin Keller-Sutter (PLR), le due candidate alla successione in Consiglio federale di, rispettivamente, Doris Leuthard e Johann Schneider-Ammann.

Lo ha detto stasera ai media il capogruppo democentrista alle Camere federali, Thomas Aeschi.

L'elezione si terrà il prossimo 5 di dicembre.

Aeschi ha esordito dicendo che l'UDC rispetta la concordanza e non voterà per candidati "selvaggi". Stando al consigliere nazionale di Zugo, varie sono state le ragioni che hanno spinto il gruppo ad optare per Z'graggen e Karin-Keller Sutter invece di Viola Amherd (PPD/VS) e Hans Wicki (NW/PLR).

Sia Keller-Sutter che Z'graggen rappresentano due regioni del Paese poco o punto rappresentate in seno al Consiglio federale. La Sangallese Keller-Sutter è infatti originaria della Svizzera orientale e Z'graggen della Svizzera centrale: il Canton Uri non ha infatti mai avuto finora un proprio rappresentante in governo dalla fondazione dello Stato federale nel 1848.

Inoltre, ha aggiunto Aeschi, le due candidate possono vantare una lunga esperienza in un esecutivo: Karin Keller-Sutter, 54 anni, è stata eletta nel 2000 in Consiglio di Stato, dove vi è rimasta fino al 2011 quale responsabile del dicastero sicurezza e giustizia. Da allora è presente a Berna quale Consigliera agli Stati per il suo Cantone, camera di cui è stata anche presidente.

Quanto a Heidi Z'graggen, 52enne, è consigliera di Stato dal 2004 e tra il 2014 e il 2016 ha ricoperto la carica di Landamano, ossia di presidente del governo urano.

Le due donne hanno anche convinto per le loro posizioni politiche. Entrambe sono favorevoli a un ordine economico liberale. Karin Keller-Sutter, ha precisato Aeschi, ha dimostrato finora una chiara linea politica di fermezza per quanto riguarda il tema della migrazione e dell'asilo, linea che si spera continuerà a difendere se eletta in Consiglio federale.

Heidi Z'graggen ha invece mostrato un certo scetticismo per quanto attiene a un ulteriore avvicinamento all'Ue e si è detta favorevole ad un'economia il più possibile libera da lacci e lacciuoli burocratici.

I punti principali sui quali sono stati testati i candidati sono stati l'accordo istituzionale con l'Ue - in fase di negoziazione, n.d.r - il Patto Onu per la migrazione e il futuro delle assicurazioni sociali, e in particolare il finanziamento dell'AVS.

Al termine dell'incontro con tutti e quattro i candidati, Karin Keller-Sutter ha ricevuto 38 voti a favore contro 16 andati al "senatore" Hans Wicki (NW), mentre Heidi Z'graggen ha ottenuto 38 preferenze contro le 10 andate a Viola Amherd.

Keller-Sutter, la "lady di ferro"

La scelta dell'UDC di puntare su Karin Keller-Sutter al posto del dimissionario Johann Schneider-Ammann non sorprende. La Sangallese è da tempo considerata una "ministra" in pectore. La "senatrice" ha iniziato la carriera politica nel feudo democristiano di Wil, in Consiglio comunale. Di formazione interprete, con studi all'estero anche in scienze politiche, è poi stata eletta in Gran Consiglio e ha presieduto per alcuni anni la sezione cantonale del PLR.

In Consiglio di Stato, dove è rimasta fino al 2011, è stata responsabile del dicastero sicurezza e giustizia. È conosciuta come la "lady di ferro della Svizzera orientale", soprattutto per la sua politica intransigente in materia di stranieri e di hooligan. Le sue idee innovative per combattere la violenza domestica hanno attirato tuttavia anche le simpatie della sinistra.

Questa fama di "dama di ferro" non le ha giovato nel 2010, quando l'Assembla federale, sovvertendo i pronostici, le ha preferito Schneider-Ammann per succedere al dimissionario Hans-Rudolf Merz. Alla Camera dei cantoni dal 2011, esponente dell'ala liberale del PLR, Keller-Sutter si è distinta per eloquenza e preparazione, facendosi un nome per la conoscenza approfondita dei dossier.

Heidi Z'graggen la sorpresa

La scelta dell'UDC di puntare su Heidi Z'graggen è giunta un po' a sorpresa, essendo la sua diretta concorrente, Viola Amherd, molto più conosciuta a Berna, visto che siede in Consiglio nazionale da vari anni.

Z'graggen non è sposata e non ha figli, ma da dieci anni intrattiene una relazione con Bruno Dobler, membro del Consiglio di banca della Banca cantonale di Zurigo (ZKB) e rappresentante dell'UDC zurighese. La 52enne, insegnante di formazione, nel tempo libero pratica sport e attualmente vive a Erstfeld (UR). È consigliera di Stato dal 2004.

Presidente della sezione cantonale del PPD dal 2000 al 2005, è tra le altre cose anche presidente della commissione di pianificazione del governo. È dunque responsabile del progetto turistico e dello sviluppo del comprensorio sciistico dell'investitore egiziano Samih Sawiris ad Andermatt.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 00:19:47 | 91.208.130.85