Depositphotos (serrnovik)
Ora i campeggi sono quasi al completo, ma le conseguenze del lockdown si sono fatte senture.
SVIZZERA
23.07.2020 - 09:550

La scure della pandemia sui campeggi: potrebbero andare persi 500mila pernottamenti

Ora le strutture sono quasi al completo, ma la stagione è partita con quasi nove settimane di ritardo

Fonte Alexa Clemenz Berger, Keystone-ATS
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

BERNA - La pandemia di Covid-19 potrebbe far perdere ai campeggi 500.000 pernottamenti quest'anno, secondo l'associazione Swisscamps. Anche se attualmente quasi tutti i campeggi sono al completo e la domanda è molto forte, non sarà possibile compensare le perdite subite.

La stagione è iniziata il 6 giugno, quasi nove settimane dopo la data abituale a causa del lockdown decretato per fermare la diffusione del coronavirus. Il TCS, che gestisce 24 campeggi, ha visto diminuire i pernottamenti di oltre il 90% tra gennaio e aprile, ha detto a Keystone-ATS il portavoce Daniel Graf. Non appena sono stati riaperti la domanda è esplosa. A giugno, il TCS ha registrato il 20% di pernottamenti in più rispetto dell'anno scorso e chi non ha prenotato ha poche possibilità di trovare un posto entro la metà di agosto.

Quasi al completo - Dall'elenco dei 175 campeggi svizzeri emerge che la maggior parte di essi è quasi al completo per luglio e per agosto solo pochi posti sono ancora disponibili. Il presidente di Swisscamps, Marcel Zysset, conferma in un'intervista video con Keystone-ATS che la domanda è molto alta. Grazie al bel tempo, determinante per questo settore, tutte le strutture sono occupate.

Nonostante il recupero delle ultime settimane, il TCS non riuscirà a raggiungere il record del 2019. Per luglio e agosto, il fatturato e i pernottamenti sono al livello dell'anno precedente. Le perdite registrate in primavera però non potranno essere compensate, secondo Graf.

Calo significativo - In primavera, Zysset stimava il calo al 30%. Dopo i buoni risultati di giugno e le buone prospettive per l'autunno, è più ottimista. A suo parere, la diminuzione rispetto all'anno scorso dovrebbe attestarsi attorno al 20% in media. Nel 2019 sono stati registrati 3,5 milioni di pernottamenti. "Se quest'anno raggiungeremo i 3 milioni, sarà già bello", aggiunge.

Il presidente, attivo nel settore dal 1980, sottolinea che c'è stata una crescita costante negli ultimi decenni. Il campeggio è ancora molto in voga, e questo non cambierà molto presto. Se la meteo è favorevole, l'anno 2021 dovrebbe essere molto buono.

Clienti nazionali - Questa stagione gli ospiti svizzeri si ritroveranno per lo più tra di loro. Di norma, tre clienti del TCS su quattro sono svizzeri, ma quest'anno, secondo il Graf, la clientela nazionale dovrebbe rappresentare circa il 95%.

I camper sono molto popolari, ma c'è una carenza di veicoli a noleggio, si rammarica Zysset. L'offerta è inferiore alla domanda. Alcuni comuni hanno anche creato uno spazio extra per le roulotte, un'iniziativa accolta con favore dal portavoce del TCS.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-13 19:47:24 | 91.208.130.89