Keystone
SVIZZERA
05.04.2020 - 09:250

UBS ha risposto a 23'000 richieste di credito per un totale di 1,8 miliardi

Il Ceo Sergio Ermotti: «Vogliamo aiutare le piccole medie imprese a sopravvivere alla crisi»

BERNA - Crediti di transizione dal valore di 1,8 miliardi di franchi, oltre 23'000 richieste. Sono queste le cifre presentate da Sergio Ermotti, CEO di UBS, in una intervista al SonntagsBlick.

Gli aiuti entrano nel quadro del pacchetto di misure annunciato dalla Confederazione per la concessione di crediti con fideiussioni solidali per le piccole e medie imprese, entrato in vigore il 26 marzo.

«Il credito medio concesso ammonta a 200'000 franchi», ha affermato Ermotti, aggiungendo che gli importi variano molto. La maggior parte delle richieste riguarda prestiti inferiori al mezzo milione, ha specificato il manager ticinese. Sono state inoltrate richieste anche per cifre superiori (massimo: 20 milioni come previsto dal governo).

Stando a Ermotti, anche diverse multinazionali si sono rivolte a UBS per ottenere un sostegno, ma per somme superiori ai 20 milioni; tuttavia, simili richieste non rientrano nel programma promosso dall'esecutivo. Insomma, c'è un po' di tutto: da prestiti per qualche decina di migliaia di franchi a crediti miliardari.

Ermotti spera che le piccole e medie imprese possano essere salvate con l'aiuto delle banche (oltre un centinaio partecipano al programma, n.d.r). L'obiettivo è proprio quello: fare in modo che le aziende possano sopravvivere all'attuale crisi. È chiaro che le società s'indebiteranno, ma perlomeno di tratta di prestiti a tasso zero.

L'aspetto positivo è che l'80% delle aziende che hanno chiesto aiuto non avevano debiti finora, ha aggiunto. Ermotti ha sottolineato al domenicale che UBS non guadagnerà un centesimo da questa operazione. Tuttavia, qualora la banca dovesse fare degli utili, questi verranno utilizzati per sostenere attività benefiche. Secondo il CEO, UBS non solo è pronta ad affrontare la crisi, ma è anche parte della soluzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 2 mesi fa su tio
Si parla di prestiti concessi e garantiti dai soldi pubblici dei contribuenti e non dai soldi che UBS guadagna dalle speculazioni proprie. Quindi questo tizio sta promuovendo UBS ma col sedere del contribuente; dulcis in fundo: "Ermotti ha sottolineato ... che UBS non guadagnerà un centesimo da questa operazione ..." E CI MANCHEREBBE ALTRO! " ... qualora la banca dovesse fare degli utili, questi verranno utilizzati per sostenere attività benefiche." State già pensando di tassare i debiti di chi è già in difficoltà (voi maledetti)?
miba 2 mesi fa su tio
....e scommetto che molti crederanno ed applaudiranno.... Ma se si tratta di prestiti a tasso zero com'è possibile che la banca parli di eventuali utili?? O sono troppo gnucco io o sono troppo furbe le banche.....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 06:10:09 | 91.208.130.89