Archivio Depositphotos
VAUD
16.08.2021 - 11:150

Sparò trenta volte alla moglie e al figlio maggiore: al via il processo

L'episodio risale alla primavera del 2018: un portoghese di uccise la moglie e il figlio maggiore a colpi di pistola

LOSANNA - Compare oggi davanti alla giustizia vodese un uomo che ha crivellato di colpi la moglie e il figlio maggiore a Payerne nell'aprile del 2018.

Il processo è previsto che duri due giorni nell'aula di Renens, dove il Tribunale criminale della Broye e del Nord vodese si è trasferito per l'occasione. Se i giudici confermano l'accusa di assassinio, l'imputato, un portoghese di 53 anni, rischia l'ergastolo, ma in ogni caso almeno dieci anni.

Per questo doppio omicidio - il termine "femminicidio" non appare nel codice penale - la procuratrice Elodie Pasquier ha considerato le accuse di assassinio, lesioni semplici, minacce e la violazione della legge federale sulle armi.

Il fatto di sangue sembra essere stato dettato dall'estrema gelosia dell'uomo, un muratore che - secondo l'atto d'accusa - violentava la moglie dal 2017, senza lesinare insulti, minacce di morte, schiaffi, pugni e pedate.

La moglie, che lavorava come donna delle pulizie, aveva lasciato il tetto coniugale nel 2017 con i due figli. Tuttavia, ha continuato a essere molestata e insultata da suo marito. Un violento litigio era scoppiato proprio il giorno prima del crimine, coinvolgendo anche il figlio maggiore. Quello minore, allora sedicenne, era in convitto e non ha assistito all'esecuzione della madre e del fratello.

La sera del 25 aprile del 2018, il portoghese è arrivato armato di una pistola automatica e due caricatori nell'appartamento della donna, uno stabile vicino alla stazione. È scoppiato un alterco e l'uomo ha sparato un primo colpo a bruciapelo contro il figlio diciottenne, che stava cercando di difendere la madre.

In seguito ha svuotato il caricatore contro la consorte, ha ricaricato l'arma e le ha sparato ancora diverse volte in testa. Poi ha raggiunto il figlio, che si era trascinato nella tromba delle scale dopo aver ricevuto il primo proiettile, e lo ha finito con altri tre colpi. L'uomo, che in totale ha sparato trenta volte alle sue vittime, è quindi fuggito da conoscenti, ai quali ha confessato i crimini.

Nella seconda parte della notte gli agenti specialisti in negoziazione sono riusciti ad accordarsi con il portoghese, al telefono cellulare, sulle modalità per consegnarsi alla polizia. L'uomo si è presentato alla gendarmeria di Payerne e non ha opposto resistenza. Da allora, è detenuto nella prigione di Bois-Mermet a Losanna.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 17:59:29 | 91.208.130.85