keystone-sda.ch/ (LAURENT GILLIERON)
+ 6
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
27 min
L'epica spedizione di Mike Horn e Børge Ousland è finita
Dopo quasi tre mesi fra i ghiacci dell'Artico, i due sono stati recuperati dalla nave Lance. Nonostante qualche gelone, sono in buona salute
ARGOVIA
38 min
Incendi dolosi a Merenschwand: carcere preventivo per uno dei sospettati
Si tratta di un 37enne svizzero. Venerdì erano state fermate dieci persone
SVIZZERA
1 ora
«Gli standard sulla verdura dei supermercati sono irrealistici, ribelliamoci»
Lo sfogo di un coltivatore Bio che deve buttare metà delle sue patate perché “troppo grandi”, lui: «Nessuno si lamenta: hanno paura»
BERNA
2 ore
Formula magica sotto attacco, ma una mancata rielezione è un fatto raro
Dal 1848 a oggi è accaduto solo quattro volte e due casi risalgono al 1800
BERNA
4 ore
Sciare sulla Jungfrau non sarà per tutti
Le Jungfraubahnen intendono limitare l'accesso alle piste sopra a Wengen e Grindelwald. Questione di tutela ambientale e marketing
GINEVRA
5 ore
Pedone investito da un'auto muore a Ginevra
L'incidente è avvenuto attorno alle 4.30
BERNA
5 ore
Iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili": «L'opuscolo contiene errori»
L'Associazione svizzera degli inquilini chiede al Consiglio federale una rettifica urgente. Si vota il 9 febbraio
SVIZZERA
6 ore
I genitori al pronto soccorso "sclerano", sicurezza rafforzata
I numeri sulle aggressioni negli ospedali sono impressionanti: in un anno 1500 al CHUV di Losanna, 1200 all'Inselspital di Berna, 900 all'ospedale di Zurigo e 5000 all'HUG di Ginevra
SVIZZERA
6 ore
Poco spazio per lavorare: i dipendenti di Swiss protestano
Sui nuovi A320 Neo la superficie a disposizione nelle cucine di bordo sarà ancora più limitata, lamentano gli assistenti di volo. La compagnia relativizza
SVIZZERA
7 ore
Uber minaccia di abbandonare la Svizzera
Essere datore di lavoro significa pagare i contributi sociali a tutti gli autisti. Una situazione che non piace alla rappresentante della sharing economy
VAUD
03.12.2019 - 15:500
Aggiornamento : 16:41

Il furgone blindato apparteneva alla Posta: «Siamo scioccati»

Il Gigante Giallo ha commentato l'ennesimo attacco a un portavalori avvenuto ieri sera a Daillens: «Adattiamo continuamente le misure di prevenzione e di sicurezza»

di Redazione
ats

LOSANNA - Dopo l'attacco di ieri sera a un furgone portavalori nel canton Vaud, la Posta, proprietaria del veicolo, si è detta oggi «scioccata dalla violenza e dall'energia criminale degli autori di questo atto».

Il mezzo apparteneva a SecurePost, una filiale della Posta, ha precisato all'agenzia Keystone-ATS Léa Wertheimer, responsabile della comunicazione del gigante giallo. Senza poter fornire dettagli sulla dinamica degli eventi, a causa dell'inchiesta in corso, la portavoce ha affermato che la sicurezza dei suoi dipendenti è la «priorità assoluta» della Posta.

Per questo, ha aggiunto, l'azienda rivede costantemente le sue misure di sicurezza, che rispondono alle esigenze più severe. «Con l'aumento degli attacchi ai trasporti di fondi in Svizzera romanda, adattiamo continuamente le misure di prevenzione e di sicurezza», ha affermato, sottolineando che la Posta è «in stretto contatto con le forze di polizia e dispone dei propri servizi di sicurezza».

Autori ancora in fuga - Per quanto riguarda l'inchiesta, non c'è nulla di nuovo da segnalare, ha da parte sua affermato Jean-Christophe Sauterel, direttore della prevenzione e della comunicazione della polizia cantonale vodese. I malviventi sono ancora in fuga.

Secondo lui, per rendere la Svizzera meno attrattiva per questo tipo di delinquenti, tutti i trasporti di fondi dovrebbero avvenire con veicoli totalmente blindati, le somme limitate e all'interno dei veicoli dovrebbe essere installato un sistema di distruzione automatica dei valori. Attualmente sono in corso discussioni con le società attive in questo ambito.

Forte esplosione - Il furgone di SecurePost è stato attaccato verso le 19.40 nei pressi di Daillens, tra Losanna e Yverdon-les-Bains. Il mezzo è stato costretto a fermarsi da due veicoli. Subito dopo i trasportatori sono stati costretti ad uscire dall'abitacolo sotto la minaccia di un'arma da fuoco.

I malviventi, il cui numero non è ancora stato determinato con precisione, sono riusciti ad aprire le porte del furgone con esplosivi e a impadronirsi del carico. Hanno poi dato fuoco a tutti e tre i mezzi e sono scappati, probabilmente a bordo di grandi veicoli neri.

Secondo un testimone sul posto, l'attacco è avvenuto a soli 50 metri dalle case, su una strada che conduce al centro logistico della Posta. Tutto il villaggio ha sentito l'esplosione, ha detto all'agenzia Keystone-ATS.

keystone-sda.ch/ (LAURENT GILLIERON)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
Thor61 4 gior fa su tio
Il furgone blindato a me sembra un NORMALISSIMO furgone, sarebbe bello sapere il grado di blindatura di tal mezzo. Se non sbaglio sembrava li avessero arrestati tutti i responsabili dei precedenti furti, si vede che qualcuno è ancora a piede libero!!!
tip75 5 gior fa su tio
a furia di lasciar entrare e uscire tutta bella gente si raccolgono i frutti
Zarco 5 gior fa su tio
@tip75 E vedrai! Questo solo inizio...
rrs 5 gior fa su tio
@tip75 se conosci i colpevoli, perché on li vai a denunciare?
Zarco 5 gior fa su tio
@rrs Beh, chiunque sia....ora non bisogna più guardare le reti italiane!
Zarco 5 gior fa su tio
Chissà, se la giustizia si rende conto che la situazione è sfuggita d mano! Non ci credo, per loro va tutto bene?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 17:22:12 | 91.208.130.87