Polizia cantonale Vaud
+ 6
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
9 min
Un corteo per chiedere all'Onu giustizia per i tamil
SAN GALLO
1 ora
«Non è chiaro se potrà ancora avere una vita normale»
SVIZZERA
1 ora
eID e deduzioni per i figli al Nazionale, legge sul tabacco agli Stati
SVIZZERA
1 ora
Prezzi stracciati e semplicità: ecco perché Wish ci conquista
BERNA
11 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
15 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
17 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
17 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
17 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
18 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
18 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
18 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
19 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
20 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
21 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
VAUD
23.08.2019 - 12:100
Aggiornamento : 15:29

«I furgoni portavalori erano due. Uno è riuscito a fuggire»

La polizia cantonale vodese fornisce nuovi dettagli sull'assalto di La Sarraz: «I malviventi erano armati di kalashnikov e hanno malmenato gli occupanti. Sono scappati su una Renault e una Peugeot»

3 sett fa Fiamme nella notte, assaltato un altro portavalori

LOSANNA - «I portavalori assaltati erano due. L'autista del primo è riuscito a liberare il suo furgone e a fuggire lontano dal luogo dell'imboscata». La polizia cantonale vodese - tramite una nota stampa - fornisce nuovi dettagli sull'assalto avvenuto questa notte - verso le 3.10 - a La Sarraz, precisando pure che i «malviventi sono sempre in fuga».

Meno bene è invece andata alle persone a bordo del secondo veicolo. I malviventi - armati da fucili tipo kalashnikov - le hanno infatti costrette ad «uscire dal mezzo con la forza» per poi «malmenarle». In seguito hanno forzato il furgone ed hanno fatto man bassa del bottino. Gli aggressori hanno infine dato fuoco alle due Audi utilizzate per bloccare il furgone portavalori e sono fuggiti a bordo di una Renault e di una Peugeot. Questi ultimi due veicoli sono stati ritrovati bruciati tra Daillens e Penthaz, sempre nel canton Vaud. È stato lanciato un appello a testimoni.

Il personale di sicurezza a bordo del furgone sfuggito all'agguato ha ricevuto sostegno psicologico, mentre le persone del primo furgone, che sono state picchiate dai rapinatori, hanno ricevuto cure mediche.

Non è la prima volta - Sembrerebbe quindi un episodio analogo a quello verificatosi alla fine di giugno sempre nel canton Vaud, a Mont-sur-Lausanne. In quell'occasione un numero imprecisato di rapinatori aveva attaccato un furgone appartenente a una società privata specializzata nel trasporto di denaro. I due uomini a bordo erano stati fatti scendere sotto la minaccia delle armi, uno dei due aveva riportato leggere ferite alla testa. Gli assalitori erano riusciti a forzare il portellone posteriore e a impadronirsi di una quantità imprecisata di denaro. Avevano poi incendiato il mezzo, e anche i veicoli utilizzati nell'attacco, ed erano fuggiti facendo perdere le tracce.

Si muove anche la politica - Le vicende hanno risvolti anche a livello di politica federale. I corrieri portavalori chiedono da tempo di poter utilizzare di notte furgoni più pesanti e meglio protetti. La settimana scorsa il Consiglio federale ha consigliato di respingere una mozione in questo senso presentata dal consigliere nazionale vodese Olivier Feller (PLR). Quest'ultimo invitava il governo a modificare l'ordinanza sulle norme della circolazione stradale (ONC) per autorizzare gli autoveicoli di peso superiore a 3,5 tonnellate adibiti al trasporto di denaro a circolare di notte. Secondo l'esecutivo, veicoli più robusti farebbero troppo rumore. Il Nazionale non ha ancora trattato il dossier.

Polizia cantonale Vaud
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 09:22:15 | 91.208.130.85