screenshot Tele M1
URI
13.04.2019 - 18:210
Aggiornamento : 20:15

Sopravvissuto alla valanga: «Ero davvero vicino a morire»

Martedì, in una valle sopra a Göschenen, un addetto alla pulizia stradale è stato sorpreso da una slavina. È rimasto intrappolato per un'ora e mezza, ma alla fine è stato tratto in salvo

GÖSCHENEN - Sono stati senza dubbio i 90 minuti più lunghi della sua vita. Martedì attorno a mezzogiorno, con un collega di lavoro, Karl Mattli stava sgomberando dalla neve la strada che porta a Göscheneralp (UR) quando è stato sorpreso da una valanga. Intervistato da Tele M1, racconta: «Sono rimasto bloccato sotto circa due metri e mezzo di neve bagnata».

L'urano spiega di essere sopravvissuto grazie a una riserva d'aria che ha potuto scavare nella neve.

Soccorsi rapidamente sul posto - «La prima mezzora è passata relativamente velocemente. Ma poi i miei vestiti hanno iniziato ad inzupparsi e i miei pensieri sono diventati più cupi», ricorda. «Ho cominciato a pensare alla mia famiglia e al fatto che non l'avrei più rivista».

Fortunatamente, il suo collega Christian Näf è sfuggito per poco alla slavina e ha potuto allertare i soccorsi, i quali sono arrivati ​​rapidamente sul posto con un elicottero e diversi cani specializzati.

Dimesso il giorno stesso - Alla fine è stato il cane Nora che, dopo un'ora e mezza, ha trovato Karl Mattli. Miracolosamente, se l'è cavata senza nemmeno una frattura. Dopo essere stato portato in ospedale in stato di ipotermia, ha potuto far rientro a casa il giorno stesso. E anche se alla fine tutto è andato per il meglio, l'uomo ancora fatica a prendere sonno: «Ero più vicino alla morte che alla vita». 

 

screenshot Tele M1
Rega
screenshot Tele M1
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-20 10:58:08 | 91.208.130.87