Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
3 ore
Oltre due quintali di droga scoperti all'aeroporto di Zurigo
È il bilancio dei controlli effettuati sui viaggiatori nel corso del 2021
SVIZZERA
4 ore
Senza Horizon, discriminazione scientifica
L'appello al Governo per la piena partecipazione della Svizzera al programma di ricerca europeo
SVIZZERA
4 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
TURGOVIA
5 ore
Scassinano auto e aggrediscono un poliziotto, arrestati due 18enni
I due giovani, che hanno danneggiato diversi veicoli, hanno ferito anche un passante che ha tentato di fermarli.
SVIZZERA
6 ore
La necessità di prendersi cura della salute mentale dei dipendenti
È boom di iscritti ai corsi per riconoscere i problemi dei colleghi di lavoro
SVIZZERA
6 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
6 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
7 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
8 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
22 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
09.12.2021 - 11:510

Sussidi troppo elevati ad altre imprese di trasporto pubblico

Dopo quello di Autopostale, spuntano nuovi casi

BERNA - Altre tre imprese dei trasporti pubblici hanno ricevuto sussidi troppo elevati. Si tratta della Bus Ostschweiz AG, della Transports Publics Fribourgeois (TPF) e della funicolare St. Imier - Mont-Soleil. Stando a una nota dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT), le rispettive procedure di rimborso, per un importo complessivo di circa 12 milioni di franchi più interessi, «sono già avviate o in fase di preparazione».

TPF Friburgo: 6 milioni su 10 anni - Su richiesta del canton Friburgo, il servizio di revisione dell'UFT ha constatato che la Transports Publics Fribourgeois (TPF) non ha contabilizzato le entrate da pubblicità e i ricavi da assicurazioni come prescritto nei comparti beneficiari di indennità (traffico regionale viaggiatori, infrastruttura e traffico locale).

A causa di questi «errori di contabilizzazione» sono stati versati sussidi eccessivi per un valore di circa 6 milioni di franchi, che l'impresa ha riscosso nell'arco di dieci anni. L'ulteriore analisi della situazione e il rimborso saranno gestiti dal canton Friburgo, in quanto committente delle prestazioni di trasporto maggiormente colpito.

In una nota, l'azienda friburghese sottolinea che si è trattato di errori, non di violazioni di legge. La TPF assicura inoltre che il sistema di contabilizzazione è stato nel frattempo corretto e che intende rimborsare al più presto l'intera somma.

Direttore dell'azienda friburghese dei trasporti pubblici TPF è stato dal 2011 al 2020 l'attuale Ceo delle FFS Vincent Ducrot. Quest'ultimo, attraverso una nota dell'ufficio stampa della FFS, ha fatto sapere di avere preso atto degli errori emersi, ma sottolinea di non essere minimamente coinvolto nelle indagini.

San Gallo: possibili risvolti penali - Ad agosto 2020, il Controllo delle finanze del cantone San Gallo ha constatato che la Bus Ostschweiz AG ha venduto a un'affiliata autobus totalmente ammortizzati. Quest'ultima, dal 2012 al 2019 ha noleggiato quegli stessi veicoli a costi eccessivi alla sovvenzionata società madre.

Il sospetto è che questa procedura sia stata escogitata «per aggirare l'esplicito divieto di ammortamenti sotto lo zero, in vigore dal 2011», scrive l'UFT. Il danno nel traffico regionale viaggiatori e nel traffico locale ammonta a circa 5,5 milioni di franchi, ai quali vanno aggiunti gli interessi.

Del caso si occupa il canton San Gallo. La vicenda potrebbe avere risvolti penali. L'UFT ha infatti intenzione di sporgere denuncia, «se dovesse emergere che l'azienda ha agito in modo sistematico», ha precisato a Keystone-ATS il portavoce dell'UFT Andreas Windliger.

Funicolare Mont-Soleil - Il Controllo delle finanze del Cantone di Berna ha inoltre appurato irregolarità nella tenuta dei conti della funicolare St. Imier - Mont-Soleil e trovato indizi circa «sovvenzionamenti trasversali a carico di comparti beneficiari di indennità».

Secondo le prime stime l'importo interessato è inferiore a un milione di franchi. Il caso viene trattato dal cantone Berna.

Già cinque casi - Dopo il caso AutoPostale, divenuto di pubblico dominio nel 2018, l'UFT e i cantoni hanno scoperto casi analoghi di sussidi troppo elevati anche presso le ferrovie BLS, le FFS, l'azienda dei trasporti pubblici di Lucerna Verkehrsbetriebe Luzern (VBL), come pure presso un'impresa olandese attiva nel trasporto di merci per ferrovia (Shuttlewiese).

Nel frattempo - scrive l'UFT - la maggior parte degli importi, ossia quasi 300 milioni di franchi, è stata restituita a Confederazione e Cantoni. Fa eccezione la VBL, che ha impugnato la decisione di rimborso per vie legali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-23 16:49:17 | 91.208.130.86