Immobili
Veicoli

SVIZZERAAlain Berset bacchettato dagli operatori sanitari

21.11.21 - 08:02
Le critiche arrivano dopo che il ministro della Sanità ha detto che bisogna aumentare la capacità ospedaliera
Keystone
Fonte 20 Minuten
Alain Berset bacchettato dagli operatori sanitari
Le critiche arrivano dopo che il ministro della Sanità ha detto che bisogna aumentare la capacità ospedaliera
Roswita Koch: «È necessaria una dose di richiamo per gli infermieri. Aiuterebbe a ridurre assenze, contagi e quarantene»

BERNA - Cantoni, aumentate le capacità ospedaliere. Piovono critiche sulla richiesta di Alain Berset. L'Associazione delle infermiere e degli infermieri specializzati di San Gallo e i due Appenzelli (Sbk) punta il dito contro il ministro della Sanità e gli ricorda che il personale sanitario sta già lavorando a pieno ritmo.

Non è un segreto, i casi Covid stanno aumentando. E così anche i posti letto dedicati ai pazienti che contraggono il virus cominciano a riempirsi. Solo venerdì riportavamo che a fronte di più di sei mila nuovi positivi, 64 persone erano state ospedalizzate e 15 erano decedute nella giornata di giovedì. Lo ricordiamo, la popolazione vaccinata in Svizzera è poco più del 65%.

Eppure, nonostante la situazione stia nuovamente tornando a incrinarsi, nonostante gli operatori sanitari chiedano al governo di mettere in atto delle nuove strategie, la Confederazione ha scelto di non introdurre nuove misure e di continuare sulla strada intrapresa a settembre.

Barbara Dätwyler Weber, che fa parte del comitato a favore dell'Iniziativa per le cure infermieristiche in votazione il prossimo 28 novembre, dice non è possibile ampliare ulteriormente le capacità ospedaliere e che i reparti sono già al limite. Dal lato della Sbk, viene chiesto d'introdurre al più presto la vaccinazione di richiamo per gli operatori sanitari. La responsabile Roswitha Koch spiega che questo aiuterebbe anche a ridurre le assenze degli stessi, tra quarantene e contagi. E proteggerebbe ulteriormente le persone che si recano in ospedale e che non sono forzatamente pazienti Covid.

Il dibattito si scatena su Twitter - «Ospedali sovraccarichi vuol dire colpire tutte quelle persone che hanno bisogno di cure», così su Twitter Emma Hodcroft, epidemiologa dell'Università di Berna. «Ci ​​saranno morti evitabili. C'è un piano per impedirlo?»

Anche Isabella Eckerle, virologa dell'ospedale universitario di Ginevra, ha riferito su Twitter: «Con i casi gravi di Covid-19 (e tutti gli altri problemi medici indipendentemente dal Covid), presto non ci sarà più l'assistenza sanitaria a cui siamo abituati in molte regioni». E in un altro tweet: «Ci aspetta un altro Natale modesto, complicato e triste. Grazie di niente, decisori e pensatori laterali».

NOTIZIE PIÙ LETTE