Immobili
Veicoli
Vaccinazione di richiamo: «Si doveva reagire più rapidamente»
20 Minuten/Michael Scherrer
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
2 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
4 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
4 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
5 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
7 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
8 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
BERNA
9 ore
Strade nazionali: 8,4 miliardi per il 2024-2027
Per cinque progetti di ampliamento in fase avanzata il Consiglio federale domanda inoltre lo sblocco di 4,3 miliardi
SVIZZERA
9 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
11 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
15.11.2021 - 11:230
Aggiornamento : 17:57

Vaccinazione di richiamo: «Si doveva reagire più rapidamente»

Negli ultimi giorni di ottobre sono morte per Covid più persone vaccinate rispetto a quelle non vaccinate.

Il motivo è la minor protezione all'interno della fascia più vulnerabile della popolazione. L'infettivologo Andreas Cerny: «Discutibile insistere con chi non si vuole vaccinare e respingere chi chiede il richiamo».

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - «A fine ottobre le persone vaccinate e decedute a causa del Covid sono state il doppio di quelle non vaccinate». Le statistiche che in questi giorni circolano sui social media avrebbero quale obiettivo quello di dimostrare che la campagna vaccinale non solo è inutile, ma persino dannosa. Che il tasso di mortalità tra i non vaccinati sia in calo, mentre quello dei vaccinati sia in costante aumento è corretto. Ma la statistica non dice tutto.

Effettivamente, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha riferito che il mese scorso sempre più persone che sono state completamente vaccinate hanno dovuto essere ricoverate in a causa di un'infezione da coronavirus. E più persone sono morte. Soprattutto alla fine di ottobre, il numero delle persone morte di Covid-19 era quasi lo stesso fra vaccinati e non vaccinati: negli ultimi dieci giorni del mese sono morte di Covid 22 persone non vaccinate e 24 vaccinate.

Più morti fra i vaccinati? «È normale» - Il motivo è presto spiegato. «Le persone con un rischio aumentato di decorso grave o fatale della malattia sono attualmente quasi tutte completamente vaccinate», afferma il portavoce dell'UFSP Daniel Dauwalder. Per gli over 70, il tasso di vaccinazione è di circa il 90%. «Di conseguenza, nelle ultime settimane e in numeri assoluti, in questi gruppi d'età si sono verificati più decessi tra le persone completamente vaccinate», ha affermato Dauwalder. «La vaccinazione - assicura - riduce comunque notevolmente il rischio di morte».

Finora, la vaccinazione ha funzionato molto bene anche senza un richiamo, ha proseguito Dauwalder. Tuttavia, vi sono indicazioni di una diminuzione della protezione per le persone di età pari o superiore a 75 anni. «Per questo motivo, la Commissione federale per le vaccinazioni e l'UFSP raccomandano attualmente una dose booster per tutte le persone di età pari o superiore a 65 anni, in particolare quelle con malattie croniche, nonché i residenti delle case di riposo».

«Lo Stato ha esitato troppo» - Anche l'infettivologo ticinese Andreas Cerny vede il declino della protezione vaccinale tra le persone anziane come la ragione principale dell'aumento dei decessi tra le persone che sono state vaccinate: «In primo luogo, la parte più anziana e vulnerabile della società è stata la prima a essere vaccinata. In secondo luogo, gli anticorpi svaniscono più rapidamente nelle persone anziane».

Allo stesso tempo, Cerny critica il fatto di aver esitato a lungo con la somministrazione della terza dose di Pfizer e Moderna, sebbene Swissmedic l'avesse già approvata tre settimane fa. L'infettivologo è certo che un impulso maggiormente precoce avrebbe impedito l'alto numero di decessi vaccinati. «Questo sviluppo era prevedibile. Quindi si sarebbe dovuto reagire più rapidamente».

Per l'infettivologo è incomprensibile che le persone che si sono annunciate per ricevere il richiamo siano state respinte, come è avvenuto in occasione della settimana nazionale di vaccinazione alla stazione centrale di Zurigo. La Confederazione ha infatti l'obbligo morale di proteggere coloro che sono disposti a vaccinarsi e che hanno riposto la loro fiducia nello Stato e nella sua politica sanitaria. «Durante la settimana nazionale di vaccinazione, l'accento è stato posto sulla parte della popolazione che non ha seguito le raccomandazioni. Lo trovo discutibile», conclude Cerny.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 23:35:48 | 91.208.130.86