20min/Simon Glauser
SVIZZERA
17.10.2021 - 12:410

Berset e Ministero pubblico sollevati da accuse

Il consigliere federale non ha voluto un trattamento di favore nell'inchiesta sul caso di ricatto di cui è stato vittima

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset non ha voluto un trattamento di favore nelle indagini riguardanti il caso di ricatto di cui è stato vittima; dal canto loro gli inquirenti del Ministero pubblico della Confederazione hanno agito correttamente. È quanto avrebbe stabilito, stando alla SonntagsZeitung, l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

L'AV-MPC ha confermato alla Keystone-ATS l'esistenza di un breve rapporto sul ruolo del Ministero pubblico della Confederazione nel caso del tentativo di ricatto di Berset.

L'Autorità di vigilanza ha precisato di aver inoltrato il documento alle Commissioni della gestione (CdG) di entrambe le camere del parlamento e non ha voluto fornire alcuna precisazione in merito al contenuto del rapporto. Sono le CdG a essere più informate, sono loro ad aver svolto le indagini, ha indicato. A causa della pubblicazione delle informazioni da parte della SonntagsZeitung, l'AV-MPC sta esaminando la situazione dal punto di vista legale.

Anche Hans Stöckli (PS/BE), presidente della sottocommissione della CdG del Consiglio degli Stati responsabile del Ministero pubblico della Confederazione, non ha fornito alcuna informazione sul contenuto del rapporto. Interpellato dalla Keystone-ATS, ha spiegato che entrambe le commissioni devono discutere del documento e decidere quali informazioni rendere pubbliche. Ciò durerà probabilmente fino all'anno prossimo.

Lo scorso novembre, il settimanale Weltwoche aveva rivelato che il Ministero pubblico della Confederazione aveva condannato una donna a una multa con la condizionale per un tentativo di ricatto ai danni del consigliere federale Alain Berset nel settembre 2020.

I fatti risalgono al dicembre del 2019: Alain Berset è stato vittima di un tentativo di estorsione da parte di una sua ex conoscente. Il consigliere federale ha sporto denuncia al MPC. La donna aveva minacciato Berset di divulgare foto e corrispondenza privata tra lei e il ministro. In cambio voleva 100'000 franchi. Tutto ciò ha portato all'arresto, il 13 dicembre del 2019, e all'apertura di un procedimento penale, conclusosi con una condanna definitiva.

La Weltwoche aveva accusato il consigliere federale socialista di usare il personale federale per trattare una questione privata e quindi di "sperperare il denaro dei contribuenti". Al fine di chiarire il comportamento del Ministero pubblico della Confederazione durante l'inchiesta, l'AV-MPC ha avviato indagini nel novembre 2020.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 21:05:34 | 91.208.130.87