20min/Simon Glauser
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
14 ore
Cocaina "liquida" nel bagaglio a mano
Un 46enne cittadino russo è stato intercettato allo scalo zurighese con la droga sciolta in due bottiglie di whisky
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
15 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
15 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
FOTO
LUCERNA
16 ore
Festa federale di tiro, spara anche Viola Amherd
La consigliera federale ha preso parte alla giornata conclusiva dell'evento a Lucerna
SVIZZERA
17 ore
I Verdi in Consiglio federale «per fare la differenza»
Il partito ribadisce la rivendicazione del seggio, a spese del PLR
SVIZZERA
18 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Svizzera
18 ore
Consenso presunto nella donazione degli organi, lanciato un referendum
La decisione è stata presa in Parlamento poche settimane fa. I referendari: «è necessario che la popolazione si esprima»
BERNA
18 ore
Rissa a Berna, un ferito grave
Sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto, secondo la polizia
SVIZZERA
19 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
19 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
20 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
21 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
21 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
21 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
Svizzera
22 ore
«I manifestanti contro le misure anti Covid pagheranno i costi di polizia»
A livello di legge è possibile che accada in quanto rientra nel quadro della legge sulla polizia cantonale del 2020
TURGOVIA
1 gior
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
1 gior
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
1 gior
Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima
La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.
BERNA
07.09.2021 - 14:100
Aggiornamento : 19:09

I ricoverati: sani, sotto i 44 anni e non vaccinati

Curva stabile, ma aumento le vittime. La Task-Force anti-Covid si esprime in merito alla pandemia

Un terzo delle persone in ospedale è attualmente in terapia intensiva. Questo valore era più basso nelle ondate precedenti.

BERNA - La curva dei contagi si è fermata, anche se per il momento non sta calando. Allo stesso tempo si registra un lento aumento decessi che sembra voler portare il Governo federale a decidere, presto, per la già annunciata estensione del certificato vaccinale (una comunicazione in questo senso potrebbe arrivare domani). 

Come ogni martedì, intanto, gli esperti della Task-Foce Covid-19 si concedono per il consueto punto informativo utile a fornire aggiornamenti in merito alla situazione pandemica in Svizzera. 

Presenti oggi sono:

- Virginie Masserey, la responsabile della Divisione malattie trasmissibili dell'Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP).
- Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il Servizio sanitario coordinato dell'esercito.
- Michael Jordi, segretario generale della Conferenza dei direttori cantonali della sanità.
- Tanja Stadler, presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale.
- Marius Brülhart, della Task Force Covid-19 del Consiglio federale.

Contagi e ricoveri in calo, in aumento i decessi - La prima a prendere parola è Virginie Masserey, che per prima cosa riassume l'attuale situazione epidemiologica: «Il numero dei contagi si è stabilizzato, ma la situazione resta tesa. Sono in calo anche i ricoveri. Nel caso dei decessi, invece, si registra una leggera tendenza al rialzo. Attualmente ci sono circa 287 persone nelle unità di terapia intensiva».

Tanti giovani positivi - In Europa, solo il Regno Unito ha un'incidenza maggiore della Svizzera. Secondo Virginie Masserey, ciò è dovuto principalmente alle infezioni tra i giovani di questo Paese.

Il profilo dei ricoverati - Secondo l'esperta dell'Ufsp, sono principalmente le persone non vaccinate ad essere ricoverate. Inoltre, molti di loro non hanno malattie croniche preesistenti. La maggior parte ha meno di 44 anni. Un terzo dei ricoverati è attualmente in terapia intensiva. Questo valore era più basso nelle ondate precedenti.

La campagna vaccinale - Il 62% degli adulti è completamente vaccinato. Finora oltre 5 milioni di persone in Svizzera hanno ricevuto almeno una dose. Virginie Masserey mostra un grafico sull'andamento della campagna vaccinale. Attualmente c'è un aumento, soprattutto tra i giovani. «Tuttavia, questo aumento non è ancora sufficiente», afferma Virginie Masserey. «Stiamo facendo tutto il possibile per raggiungere tutti coloro che sono pronti per essere vaccinati».

Immunità e richiamo - Secondo l'esperta, le persone che hanno sofferto di una variante precedente sono meno protette contro la variante delta. Per questo motivo, dovrebbero comunque essere vaccinate.

Il richiamo vaccinale, intanto, non è ancora una priorità per le autorità locali. Questo perché i vaccini a mRNA (quelli adottati in Svizzera), offrono un alto livello di protezione.

Infezioni nelle scuole - Il numero di positivi nelle scuole è cresciuto nelle ultime settimane. Si stima inoltre che il numero di infezioni non segnalate sia elevato. Pertanto, per la Task Force, le autorità dovrebbero lavorare di più per identificarli e non dovrebbero essere evitate le quarantene di massa. Masserey conclude ricordando che la malattia in forma grave è meno probabile nei bambini.

«La stagnazione è una notizia positiva» - Tanja Stadler, presidente della Task Force scientifica contro il COVID-19, quindi aggiunge: «La situazione si è stabilizzata. Questo è positivo. Soprattutto nei bambini e negli adolescenti, però, è stata riscontrata un'esacerbazione dell'epidemia. La diffusione del virus tra i bambini non va sottovalutata. Specie nelle scuole».

Campagna vaccinale lenta - Il capo della Task Force mette in guardia dal contagio, anche nei giovani. «Per questo motivo devono continuare ad essere applicate misure di contenimento della malattia». Quindi aggiunge: «La Svizzera ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi d'Europa. Al ritmo attuale, il paese non raggiungerebbe una copertura vaccinale simile a quella dei paesi vicini prima di Natale. Per un tasso di vaccinazione come quello del Portogallo, bisognerebbe aspettare fino alla prossima primavera».

Efficacia della vaccinazione elevata - «L'obiettivo principale della vaccinazione è proteggere dal ricovero in ospedale», aggiunge Stadler. «Il successo, in questi casi, è del 90 percento. Superiore, ad esempio, a quello della normale vaccinazione contro l'influenza».

L'esperta contraddice coloro che riferiscono di un'efficacia vaccinale in diminuzione con il passare del tempo. «Si tratta spesso - sottolinea - di distorsioni statistiche. Vari studi indicano invece che le persone che sono state vaccinate due volte trasmettono il virus in misura minore anche dopo diversi mesi».

Il problema delle unità di terapia intensiva - È la volta di Stettbacher. Il delegato del Consiglio federale per il Servizio sanitario coordinato dell'esercito snocciola qualche numero: «Attualmente risultano ricoverati 857 pazienti Covid, di cui 291 in unità di terapia intensiva. Il 42% dei posti letto in terapia intensiva è occupato da pazienti Covid. E la tendenza è in crescita».

La situazione negli ospedali è tesa. Negli ultimi giorni, evidenzia l'esperto, il numero dei posti letto disponibili è diminuito in tutta la Svizzera. Glarona, Nidvaldo e Turgovia non dispongono già più di posti di riserva.

Pazienti all'estero - Michael Jordi parla invece degli 80 pazienti all'estero che risiedono in Svizzera e sono attualmente in attesa di essere rimpatriati. «Tutti gli organismi coinvolti stanno lavorando per garantirne il rimpatrio». Considerata la situazione tesa, tuttavia, si fa sempre meno affidamento sugli ospedali svizzeri. «In alcuni casi, potrebbero essere utilizzate cliniche specializzate», aggiunge.

Colli di bottiglia negli ospedali - «Nel contesto attuale, per quanto possibile dovrebbero essere evitati interventi meno urgenti», osserva Jordi. Tuttavia, non è possibile posticipare le operazioni nella stessa misura in cui si era proceduto durante la primavera 2020. «Questo perché ci sono diversi interventi necessari in arretrato».

La variante Mu - Masserey conclude rassicurando sulla variante colombiana: «Non sappiamo molto di Mu. Non è chiaro se possa davvero aggirare la protezione vaccinale. Al momento, però, nulla indica che questa variante possa prevalere su Delta. Anche per questo non la classifichiamo come preoccupante».

in aggiornamento...

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 07:58:41 | 91.208.130.85