Ti-Press
SVIZZERA
02.08.2021 - 09:380

Ex quadro della SECO alla sbarra

L'imputato dovrà rispondere davanti al Tribunale penale di corruzione passiva nell'acquisto di materiale informatico.

Sul banco sederanno anche i direttori di tre aziende che lo avrebbero corrotto.

BERNA - Un ex capo di servizio alla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) compare oggi davanti al Tribunale penale federale (TPF). È accusato di corruzione passiva nell'acquisto di materiale informatico. Sul banco degli imputati siedono anche i direttori di tre aziende che lo avrebbero corrotto. Il processo durerà due settimane.

I fatti si sono svolti su un periodo di dieci anni, tra il 2004 e il 2014. Responsabile delle acquisizioni per il centro dei dati dell'assicurazione contro la disoccupazione, l'ex alto funzionario avrebbe favorito tre società. In cambio, dai coaccusati avrebbe ricevuto, per sé e per terzi, regali e inviti.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) accusa l'imputato principale di infedeltà nella gestione pubblica, falsità in documenti e corruzione passiva. I tre direttori sono accusati di corruzione attiva e, per qualcuno di loro, di amministrazione infedele e falsità in documenti o riciclaggio di denaro.

Offerte manipolate

Concretamente, l'ex quadro della SECO avrebbe manipolato le valutazioni delle offerte inviate dalle tre società per dare loro la preferenza. Così facendo, l'oggi 68enne avrebbe ostacolato la libera concorrenza e causato danni materiali e immateriali alla SECO e alla Confederazione.

In cambio, l'ex funzionario avrebbe ricevuto benefici per un totale di oltre 1,7 milioni di franchi. Questi includevano in particolare inviti, sponsorizzazioni per eventi, denaro e regali. Avrebbe ad esempio ricevuto biglietti d'ingresso per partite di calcio in diverse occasioni. Anche terzi avrebbero beneficiato della "generosità" delle aziende.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 07:51:43 | 91.208.130.87