Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
5 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
7 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
8 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
8 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
10 ore
Il dossier Svizzera nelle mani di Maros Sefcovic
Sarà lui l'interlocutore di Ignazio Cassis
SVIZZERA
10 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
11 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
11 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
12 ore
A caccia del certificato nelle farmacie di Costanza
Sei elvetici hanno presentato dei libretti di vaccinazione fasulli in due farmacie di Costanza venerdì e sabato scorso.
SVIZZERA
14 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
14 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
15 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
LOSANNA
11.06.2021 - 14:300

Respinto il ricorso degli attivisti del clima che occuparono il Credit Suisse

Si erano travestiti da Roger Federer e si erano introdotti nell'atrio della banca nel novembre del 2018.

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) respinge il ricorso dei 12 attivisti per il clima che avevano occupato una sede losannese del Credit Suisse nel 2018. Per l'alta corte la crisi climatica non consente loro di invocare uno stato di legittima necessità. I ricorrenti intendono ora appellarsi alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), con sede a Strasburgo.

Il 22 novembre 2018, una ventina di attivisti si erano introdotti per un'ora nell'atrio del Credit Suisse a Losanna. Travestiti da Roger Federer, ambasciatore dell'istituto finanziario, avevano giocato una partita di tennis per denunciare gli investimenti di Credit Suisse nei combustibili fossili.

Erano stati assolti in primo grado il 13 gennaio dal tribunale distrettuale di Losanna. Il Ministero pubblico vodese, tramite il procuratore generale Eric Cottier, aveva presentato ricorso e aveva vinto la causa il 24 settembre davanti al Tribunale cantonale.

Nella sua sentenza pubblicata oggi, il TF precisa che non ha preso in considerazione la questione dell'emergenza climatica. Si è limitato a considerare se le condizioni dello stato di legittima necessità, invocate dagli attivisti e dai loro avvocati, fossero soddisfatte.

Questa disposizione del Codice Penale (CP), che giustifica l'azione illegale in certe condizioni, non è applicabile in questo caso, hanno concluso i giudici di Mon Repos. Ritengono che non ci fosse un "pericolo imminente" al momento dell'azione compiuta dagli attivisti, ai sensi dell'articolo 17 del CP.

La Corte aggiunge che l'occupazione della banca non era destinata a proteggere un bene giuridico concreto: l'obiettivo dei ricorrenti era piuttosto la difesa di interessi collettivi, cioè l'ambiente, la salute o il benessere della popolazione. La legge esclude espressamente l'applicazione dello stato di necessità in queste situazioni.

Per i giudici losannesi, i ricorrenti non possono nemmeno invocare la "salvaguardia di interessi legittimi". Questo motivo, non previsto dalla legge, presuppone che la loro azione fosse l'unica possibile. Altri metodi legali erano a loro disposizione per allertare l'opinione pubblica, sottolinea invece la Corte.

Prossimo passo: Strasburgo - Non si è fatta attendere la reazione degli attivisti e dei 14 loro avvocati. In una nota accusano il TF di negare l'emergenza climatica e di non riconoscere "il ruolo determinante" di questi giovani nella sensibilizzazione.

Fanno notare che la partitella di tennis ha suscitato molta attenzione nei media e che Credit Suisse, in seguito a questa azione, ha annunciato diverse misure per riorientare i suoi investimenti.

A loro avviso, la decisione del TF equivale a "tollerare una posizione attendista che non tiene conto dell'urgenza di agire ora per conservare una possibilità di raggiungere gli obiettivi fissati dall'accordo di Parigi".

Accusano anche i giudici federali di essere "dalla parte sbagliata della Storia", riferendosi in particolare a recenti sentenze francesi e tedesche che hanno constatato l'inazione degli Stati in materia climatica.

I militanti di Lausanne Action Climat non intendono fermarsi qui e annunciano che porteranno il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) a Strasburgo, dove sperano di far valere i loro "diritti fondamentali", in particolare la libertà di espressione e di riunione.

Accolto un punto del ricorso - Va comunque sottolineato che il TF ha accolto un aspetto secondario del ricorso: dieci attivisti erano stati condannati anche per aver impedito di compiere un atto ufficiale perché non avevano obbedito all'ordine di evacuazione emesso della polizia. Queste condanne sono state ribaltate per motivi procedurali.

Il caso sarà pertanto rinviato al Tribunale cantonale, che dovrà riesaminare la questione e stabilire nuove sentenze. I giudici avevano inflitto a dieci attivisti - in gran parte studenti - pene pecuniarie sospese pari a 20 aliquote giornaliere da 20 franchi, mentre agli altri due - usciti dalla banca prima dell'evacuazione da parte della polizia - 10 aliquote giornaliere da 20 franchi con la condizionale. Tutti avevano poi ricevuto multe comprese tra i 100 e 150 franchi e l'assunzione dei costi procedurali.

La decisione del TF era molto attesa. Dopo il processo a questi 12 attivisti, il primo del genere in Svizzera, diversi altri casi sono stati portati davanti ai tribunali del Paese. Non esisteva finora una giurisprudenza del TF sulla questione della disobbedienza civile nella lotta contro il surriscaldamento globale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 05:39:41 | 91.208.130.86