Keystone
NEUCHÂTEL
07.12.2020 - 08:530
Aggiornamento : 10:07

Turismo: un'estate nera, nonostante gli ospiti svizzeri

Pernottamenti a -41% a livello nazionale. Il Ticino presenta il calo più contenuto. Grigioni unici in controtendenza.

NEUCHÂTEL - Nonostante l'aumento della clientela svizzera, la stagione estiva 2020 è stata da dimenticare per il turismo: nel periodo da inizio maggio a fine ottobre i pernottamenti si sono attestati a 13,4 milioni, con un crollo del 41% rispetto agli stessi mesi del 2019.

Stando alle cifre diffuse oggi dall'Ufficio federale di statistica, a pesare è stata l'assenza di stranieri, che hanno totalizzato solo 3,2 milioni di notti, con un arretramento del 75% (pari a -9,6 milioni). Il numero di svizzeri è per contro salito del 3,9% a 10,2 milioni (+0,4 milioni).

Tra le tredici regioni turistiche, i Grigioni (+0,9%) sono gli unici a segnare un aumento, seppur lieve, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il Ticino presenta da parte sua il calo più contenuto (-6,7%), mentre tutte le altre zone mostrano diminuzioni a due cifre, che raggiungono valori notevoli negli agglomerati come Ginevra (-78%), Zurigo (-73%) e Basilea (-63%).

L'UST ha pubblicato anche dati per quanto riguarda il solo mese di ottobre, che a livello nazionale si mostra pure fortemente negativo: le notti censite sono state 3,1 milioni, il 33% in meno del decimo anno del 2019. La crescita degli ospiti indigeni, pari al 15%, non ha potuto far dimenticare l'assenza in massa della clientela straniera (-77%). La dipendenza da queste due tipologie di turisti spiega anche le marcate discrepanze regionali: in ottobre hanno così brillato Ticino (+18%) e Grigioni (+17%), mentre hanno sofferto in particolare Ginevra (-75%) e Zurigo (-67%).

Spostando l'attenzione sull'intero 2020, si può già sin d'ora dire che l'annata turistica elvetica sarà dimenticare. Eppure l'anno era partito bene, con il +6% di pernottamenti in gennaio, confermato in febbraio. Lo scoppio della pandemia ha poi provocato il -62% in marzo, il -92% in aprile, il -79% in maggio e il -62% in giugno. Luglio (-26%), agosto (-28%) e settembre (pure -28%) hanno mostrato un certo recupero, ma ben lungi dal poter sperare di tornare alla situazione ante-Covid. Notizia ancora più sconfortante per gli albergatori: con ottobre (-33%) il ritmo di flessione è tornato sensibilmente ad aumentare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:09:44 | 91.208.130.86