Immobili
Veicoli

SVIZZERAAttenzione alle mountain bike elettriche, molti si sopravvalutano

01.07.20 - 12:28
Quasi tutti utilizzano il casco, ma non proteggono a sufficienza le altre parti del corpo
Deposit
Attenzione alle mountain bike elettriche, molti si sopravvalutano
Quasi tutti utilizzano il casco, ma non proteggono a sufficienza le altre parti del corpo

BERNA - Stando a Sport Svizzera 2020 i mountain biker sono aumentati del 20% rispetto al 2014. Gli infortuni hanno però superato di molto questa percentuale: nell'ultimo decennio è stato registrato un aumento del 66%. Ogni anno perdono la vita in media due persone in un incidente in mountain bike.

Il forte aumento degli infortuni non è dato unicamente da un incremento di appassionati e percorsi adibiti a questo sport, ma anche dall'avvento delle mountain bike elettriche. Secondo una rilevazione condotta dall'UPI (Ufficio prevenzione infortuni) su 40 piste e percorsi popolari in Svizzera, nel 2019 il 19% delle mountain bike erano dotate di un motore elettrico, contro solo il 6% nel 2017.

"Si può presumere che tra gli utenti di e-mbt vi siano anche persone poco sportive che rischiano di sopravvalutarsi e sono esposte al rischio di farsi male", spiega Christoph Müller, esperto di mountain bike dell'UPI, e afferma: "È quindi fondamentale che scelgano piste e percorsi adatti alle loro capacità".

Secondo l'UPI il casco non basta. Con il giusto equipaggiamento è possibile proteggersi in modo efficace da gravi lesioni. La maggior parte dei mountain biker su pista indossa il casco (97%), occhiali di protezione (83%) e guanti (77%). Sono invece pochi quelli che usano protezioni per le spalle (29%) e i gomiti (32%), nonostante circa un quarto degli infortuni riguardi proprio queste parti del corpo. 

L'UPI suggerisce, oltre a indossare le protezioni e a scegliere percorsi adatti, di mantenere la concentrazione, rendersi visibile nel traffico e far eseguire la manutenzione della mountain bike da uno specialista.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA