Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
11 min
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
SVIZZERA
29 min
Stefan Kuster lascia, ma non del tutto
L'attuale "Mister Covid" continuerà a lavorare per l'UFSP su mandato.
SVIZZERA
35 min
Agli svizzeri piace il salmone norvegese
Importazioni in aumento. Calano invece quelle di carne
VAUD
43 min
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
2 ore
Lacune nella lotta al riciclaggio: Banca Syz nel mirino della Finma
Sotto la lente delle autorità sono i «depositi di considerevole entità relativi a un cliente proveniente dall'Angola».
SVIZZERA
2 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
2 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
4 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
ZURIGO
10 ore
«Non ho intenzione di mettere la mia bambina in quarantena»
Il maestro di scuola elementare della figlia è risultato positivo al Covid-19. Ma per il genitore è una regola «assurda»
FOTO
NIDVALDO
11 ore
Quella "fortezza" nidvaldese che vuole prendersi il WEF
Sulla via che conduce il WEF a Lugano incombe un moderna "fortezza medievale".
BERNA
13 ore
Quel video virale di un poliziotto che spinge un manifestante e poi tira un pugno
È stato fatto a Berna martedì e sta girando su WhatsApp e sui social, la polizia: «Solo un'istantanea, ma indagheremo»
SVIZZERA
26.06.2020 - 18:180

Gli esperti propongono la quarantena per chi arriva dalla Serbia

L'appello dell’ambasciatore serbo in Svizzera: «Cancellate il viaggio nel paese d’origine»

BERNA - Lo scorso 22 maggio ha revocato le misure di restrizioni nel suo paese, aprendo le porte ai turisti. Chi si reca in Serbia deve essere messo al corrente delle disposizioni che vigilano nel paese. Ad esempio deve sapere che c’è l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici. La Svizzera a partire dal 6 luglio intende allentare le restrizioni per i viaggiatori provenienti da paesi terzi, e tra questi fa parte appunto la Serbia.

È evidente, da quanto emerso ieri, che il numero di casi in Svizzera è di nuovo in aumento a causa dell'apertura della frontiera. Stefan Kuster, capo del dipartimento malattie trasmissibili dell’Ufficio Federale della Salute Pubblica, ha dichiarato davanti ai media che c'è stato un aumento del numero di nuovi casi tra i viaggiatori provenienti dalla Serbia.

Il governo federale sta esaminando le misure - «La situazione epidemiologica in Serbia è attualmente difficile da definire. Le misure per prevenire i casi importati vengono costantemente esaminate» ha dichiarato Kuster. In alcune circostanze, il Consiglio federale potrebbe ordinare "misure sanitarie di frontiera" come ad esempio la quarantena o la misurazione della temperatura. I medici cantonali hanno già messo in guardia in diversi articoli su una possibile ondata del virus da parte dei rimpatriati o sei viaggiatori.

A inizio giugno la task force scientifica federale aveva chiesto che l'apertura delle frontiere fosse accompagnata da controlli generali della temperatura per i viaggiatori. Quelli che presentano sintomi dovrebbero andare subito in ospedale. Gli esperti distinguono quattro livelli di pericolo per i viaggiatori senza sintomi. Se provieni da un paese che mostra una crescita esponenziale del numero di casi (livello di sicurezza rosso), dovresti rimanere in quarantena per almeno due settimane ed eseguire immediatamente il test. Test che dovrebbe essere ripetuto due settimane dopo l’arrivo in Svizzera.

Richiesta una quarantena di due settimane - La Serbia dovrebbe rientrare nella categoria "Livello di sicurezza arancione". Si tratta di quei paesi dove è sì stato raggiunto il picco del casi, ma dove il virus - seppur ancora diffuso - sta diminuendo. La Task Force raccomanda una quarantena di almeno due settimane e un test per i viaggiatori che arrivano da questi paesi. Anche il Regno Unito, la Bosnia Erzegovina, la Croazia, il Kosovo e l'Albania rientrano in questa categoria. Attualmente la Svizzera richiede già controlli generali della temperatura per i viaggiatori provenienti dalla Svezia.

Nicola Low, epidemiologo all'Università di Berna, ha rinnovato le raccomandazioni in un opuscolo di prossima pubblicazione. «Secondo la nostra classificazione, le persone provenienti dalla Serbia verrebbero testate all'arrivo. Andrebbero anche in quarantena e verrebbero nuovamente testati circa dopo una settimana», ha spiegato Low. Lo scopo dei test è individuare le infezioni in anticipo, in modo che le persone di contatto possano essere identificate al più presto.

«Farsi testare» - «La situazione in Serbia è stabile, ma negli ultimi giorni c'è stato un aumento del numero di persone infette», ha dichiarato Goran Bradić, ambasciatore serbo in Svizzera. Questo è anche il motivo per cui la Serbia ha introdotto tre giorni fa l'obbligo di mascherine sui trasporti pubblici. Bradić attribuisce anche l'aumento a due partite di calcio e a un torneo di tennis con il pubblico. In quell’occasione anche la star del tennis, Novak Djokovic, è stato infettato. Inoltre, l'ambasciatore ha spiegato che le misure inizialmente rigorose come i controlli alle frontiere sono state allentate. 

L’ambasciatore serbo dal canto suo ha voluto dare degli avvertimenti a chi si reca in Serbia e poi intende tornare nella Confederazione: «Consiglio di sottoporsi subito al test dopo il ritorno in Svizzera per non mettere in pericolo le altre persone». Inoltre ha consigliato ai serbi che abitano qui di cancellare le loro vacanze nel paese di origine: «In generale, se possibile, tutti dovrebbero fare a meno del viaggio».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 10:18:34 | 91.208.130.89