keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
22 min
La Legge sull'asilo non cambia
Il Consiglio nazionale ha bocciato oggi una proposta degli Stati che richiedeva un giro di vite.
ZURIGO
44 min
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
SVIZZERA
1 ora
Stefan Kuster lascia, ma non del tutto
L'attuale "Mister Covid" continuerà a lavorare per l'UFSP su mandato.
SVIZZERA
1 ora
Agli svizzeri piace il salmone norvegese
Importazioni in aumento. Calano invece quelle di carne
VAUD
1 ora
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
2 ore
Lacune nella lotta al riciclaggio: Banca Syz nel mirino della Finma
Sotto la lente delle autorità sono i «depositi di considerevole entità relativi a un cliente proveniente dall'Angola».
SVIZZERA
3 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
3 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
4 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
ZURIGO
10 ore
«Non ho intenzione di mettere la mia bambina in quarantena»
Il maestro di scuola elementare della figlia è risultato positivo al Covid-19. Ma per il genitore è una regola «assurda»
FOTO
NIDVALDO
12 ore
Quella "fortezza" nidvaldese che vuole prendersi il WEF
Sulla via che conduce il WEF a Lugano incombe un moderna "fortezza medievale".
BERNA
13 ore
Quel video virale di un poliziotto che spinge un manifestante e poi tira un pugno
È stato fatto a Berna martedì e sta girando su WhatsApp e sui social, la polizia: «Solo un'istantanea, ma indagheremo»
SVIZZERA
16 ore
«Una rapina pianificata nei minimi dettagli»
I tre presunti membri dei "Pink Panther" avrebbero allestito un piano meticoloso, pronto a tutto
GRIGIONI
16 ore
Alvanova: scontro frontale fra due auto
Rimasta ferita e portata in ambulanza in ospedale una donna 71enne
SVIZZERA
16 ore
2'500 studenti in quarantena alla Scuola alberghiera di Losanna
Diversi focolai hanno colpito la Scuola alberghiera di Losanna (EHL), spingendo le autorità a una quarantena generale
SVIZZERA
16 ore
Il nuovo “Mister Corona” si è già dimesso
Stefan Kuster, successore di Daniel Koch, aveva iniziato ad aprile e lascia per «motivi personali»
SCIAFFUSA
17 ore
Alla guida del suo tir con un paio di birrette di troppo
Un conducente ceco è stato fermato a Sciaffusa con lo 0,7 permille e una montagna di vuoti nell'abitacolo
VAUD
17 ore
Un test online per la vista dei bambini piccoli
Le informazioni mediche sono attualmente disponibili in quattro lingue
ARGOVIA
18 ore
Cade dalla sedia a rotelle e si ferisce
Il ferimento della figurante si è verificato durante un'esercitazione di salvataggio nel nuovo tunnel di Eppenberg.
SVIZZERA
18 ore
Casse malati: rendere obbligatoria la restituzione delle riserve
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
ZURIGO
24.06.2020 - 06:430
Aggiornamento : 10:38

«I clienti che richiederanno un rimborso riceveranno i soldi»

Parla il direttore commerciale di Swiss, Tamur Goudarzi. Spiega perché non ci sarà l'obbligo della mascherina a bordo

di Redazione
D. Benz/S.F/R.K.

ZURIGO - Si torna dunque a volare. Lo fa anche la nostra compagnia di bandiera. Come si viaggerà sugli aerei Swiss? Come dovremo comportarci?  Ne parliamo con Tamur Goudarzi, direttore commerciale svizzero della compagnia aerea.

Indossa una mascherina quando è in volo?
Viaggio moltissimo, soprattutto tra Svizzera e Germania. Aderisco a tutte le raccomandazioni che si applicano ai passeggeri e ai dipendenti. Quindi ovviamente indosso una maschera.

Perché Swiss si limita a raccomandare d'indossare una maschera, ma non introduce un obbligo?
La maggior parte dei passeggeri aderisce alle raccomandazioni. Oltre il 95 percento indossa una maschera. I bambini piccoli e i passeggeri che per motivi medici non possono indossarla, possono tranquillamente evitare la mascherina. Quindi anche senza un obbligo, tutto funziona molto bene.

Cosa devo fare quando il passeggero vicino non intende indossare una maschera?
Come detto i passeggeri aderiscono alle nostre raccomandazioni. Bisogna dire che la capienza della maggior parte dei voli non è ancora così alta, quindi possiamo far spostare i passeggeri. Se si verifica una situazione del genere, il nostro personale di bordo consiglierà d'indossare una maschera. Finora abbiamo avuto ottime esperienze. 

La compagnia Delta lascia libero il posto centrale. Perché Swiss non fa altrettanto?
Ci atteniamo alle raccomandazioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica: se non è possibile aderire al distanziamento sociale, allora si deve indossare una maschera. Inoltre, l'aria sui nostri aerei viene pulita in modo ottimale.

Perchè Swiss è così sicura che l'aria non rappresenta alcun pericolo?
L'aria circola verticalmente, cioè dall'alto verso il basso. Inoltre nell’arco di pochi minuti l'aria nella cabina viene completamente pulita. L'aeromobile è equipaggiato dei cosiddetti filtri Hepa, che purificano l'aria come in una sala operatoria. Con la raccomandazione aggiuntiva sulla mascherina, il rischio d'infezione nell'aeromobile è molto basso. Finora non è noto alcun caso d'infezione su un aereo svizzero.

A causa del Covid-19 il servizio a bordo è ridotto al minimo. Nessun cibo è servito sui voli brevi. A cos’altro devono rinunciare i passeggeri?
Vista la situazione della pandemia abbiamo regolarizzato le zone di contatto per mangiare a terra, sia prima, che dopo il volo. Questo già a marzo. La gamma di servizi a bordo è ridotta nella classe economica, in particolare sui voli brevi. Per fare ciò, distribuiamo una salvietta disinfettante a ciascun passeggero a bordo. Abbiamo anche aumentato la pulizia del velivolo, in particolare nei punti critici come le cinture di sicurezza.

I cioccolatini Frey verranno offerti al cliente con una pinza oppure i passeggeri possono introdurre le mano nel cestino e prendere il cioccolato?
Naturalmente, i passeggeri riceveranno sempre il nostro cioccolatino svizzero. Al momento, tuttavia, i passeggeri non possono servirsi da soli, ma riceverlo direttamente dagli assistenti di volo.

In autunno avete intenzione di offrire l'85% delle destinazioni. Quanto è realistico questo obiettivo?
Attualmente stiamo incentivando ulteriormente le rotte, soprattutto in Europa. Siamo fiduciosi di riuscire a offrire di nuovo oltre l'85% delle destinazioni del nostro piano di volo inizialmente stabilito.

Ritiene che i voli torneranno a essere come erano prima della crisi del coronavirus?
Questa è un lungo percorso. Prevediamo di tornare ai livelli pre-crisi solo nel 2022/23.

Quanti voli Swiss è costretta ad annullare con breve preavviso?
A volte, le cancellazioni possono ancora verificarsi a causa di modifiche alle norme d'ingresso o a voli scarsamente utilizzati. Ma si tratta tuttavia di eccezioni, non è di certo la regola, e cerchiamo d'informare della cancellazione almeno con due settimane di anticipo, quando ci è possibile. La scorsa settimana abbiamo dovuto cancellare quasi il 10 percento dei voli.

E ciò rimarrà così per il momento?
Abbiamo una pianificazione sempre più affidabile. Nelle prossime settimane, oltre il 95% dei voli dovrebbe poter decollare. Con i prossimi adeguamenti previsti avremo una sicurezza di pianificazione ancora più alta entro l’autunno. Durante questo periodo caratterizzato dal coronavirus possono naturalmente esserci ancora degli imprevisti individuali. In questo senso, settimana scorsa abbiamo introdotto una garanzia per il volo di ritorno per tutti i clienti.

Come si stanno evolvendo le cifre relative alle prenotazioni?
Le persone stanno prenotando con un preavviso ancor più breve rispetto a prima. Comunque stiamo vedendo ottime prenotazioni per i voli all'interno dell'Europa, soprattutto per i mesi di giugno e luglio. Tenendo conto della significativa riduzione della capacità offerta, ci stiamo avvicinando al livello dello stesso periodo dell'anno scorso in termini di fattori di carico. Molte persone vogliono viaggiare di nuovo.

Cosa prenotano i clienti?
Da un lato, il desiderio di andare in vacanza è molto alto. D'altra parte, la gente vuole tornare a far visita alle proprie famiglie e ai propri amici dopo il lungo periodo d’isolamento. Le destinazioni in Portogallo, Spagna e Grecia sono molto richieste. A causa delle restrizioni di viaggio, invece, la domanda per le destinazioni più lontane è molto più contenuta. In ogni caso stiamo già offrendo, alle persone che possono viaggiare, destinazioni come New York, Tokyo o Hong Kong.

Molti passeggeri sono arrabbiati a causa della lunga attesa per avere indietro i soldi dei voli cancellati. Cosa dite a riguardo?
Li capisco molto bene. Vorrei scusarmi ancora per il ritardo. Comunque, qualsiasi cliente che richiede un rimborso riceverà indietro i propri soldi.

Perché il rimborso richiede così tanto tempo?
A causa delle numerose richieste, non è possibile effettuare i rimborsi nei tempi previsti normalmente. Tuttavia, continuiamo a lavorare per accorciare i tempi di attesa. Coloro che hanno richiesto il rimborso per primi saranno trattati per primi.

A quanti clienti avete già rimborsato i biglietti?
Abbiamo già rimborsato i clienti per un importo milionario a tre cifre. In media, rimborsiamo ogni settimana biglietti del valore di diversi milioni di franchi svizzeri.

Entro quando rimborserete tutti i biglietti?
Ci atterremo ai requisiti della Confederazione. Questi stabiliscono che entro la fine di settembre dovremo aver rimborsato agli operatori turistici tutti gli importi in sospeso. Per correttezza cercheremo di rimborsare il più rapidamente possibile anche tutti i clienti diretti.

Le compagnie aeree cercano ora di attirare i clienti con dei biglietti scontatissimi. È in arrivo una guerra dei prezzi?
La domanda è ancora ridotta, e nei prossimi mesi vedremo un aumento dell'offerta sul mercato. Con una situazione economica generale ancora tesa, nei prossimi mesi osserveremo quindi una diminuzione dei prezzi. A lungo termine riprenderanno a crescere, ma non è ancora chiaro quando torneranno ai livelli pre-crisi. Comunque per noi è chiaro che non parteciperemo a una possibile guerra dei prezzi. Consideriamo infatti le offerte di richiamo delle compagnie aeree low-cost come una follia sia a livello ecologico che economico.

Swiss
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 10:51:41 | 91.208.130.86