tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 ora
L'Alta Engadina nel mirino dei ladri
Dalla fine di agosto i malviventi hanno messo a segno tredici colpi
GINEVRA
2 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
2 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
4 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
6 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
7 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
7 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
8 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
8 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
8 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
10 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
11 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
11 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
SVIZZERA
1 gior
Code a non finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SVIZZERA
1 gior
Le donne del PPD hanno una nuova Presidente
Si tratta dell'argoviese Christina Bachmann-Roth
SAN GALLO
1 gior
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
BASILEA CAMPAGNA
1 gior
Perde il controllo del veicolo e finisce contro un lampione
Il 59enne alla guida, le cui condizioni non sono state rese note, è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
1 gior
Accudimento dei bambini: un servizio pubblico accessibile a tutti
«Per molte famiglie, specialmente per i genitori single, la cura dei bambini da parte di terzi è una necessità»
SVIZZERA
1 gior
Il capo dell'esercito ammette alcuni errori nei costi per l'informatica
Il budget è stato fissato a 100 milioni in meno di quanto poi risultato in un secondo tempo
BERNA
1 gior
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
1 gior
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
1 gior
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
SAN GALLO
1 gior
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
ZURIGO
23.06.2020 - 07:000

Crollano gli annunci di lavoro: «Abbiamo toccato il fondo»

Mercato del lavoro svizzero: 27% in meno di annunci dallo scoppio della crisi del coronavirus

Meno colpite le professioni dell’edilizia principale e secondaria e nel campo della tecnologia e delle scienze naturali

ZURIGO - Crollano gli annunci di lavoro. E alcuni settori sono più mal messi d'altri. A parlare sono i dati del secondo trimestre del 2020 raccolti da Adecco assieme all'Università di Zurigo.

Colpite tutte le categorie - Tutte le categorie professionali stanno vivendo un crollo delle offerte di lavoro, ma in misura diversa. Gli annunci di lavoro per le professioni nei settori della tecnologia e delle scienze naturali (-17%) e delle costruzioni primarie e secondarie (-18%) hanno subito una flessione inferiore, mentre quelli per le professioni nel settore alberghiero e della ristorazione e dei servizi alla persona (- 39%) hanno registrato il calo maggiore.

Più colpita la Svizzera latina - Tutte le principali regioni sono fortemente colpite dalla riduzione degli annunci di lavoro, con la Svizzera latina che registra un calo leggermente superiore a quello della Svizzera tedesca.

Quasi un terzo in meno di annunci - Il crollo del mercato del lavoro svizzero dopo il 16 marzo 2020, data di inizio della situazione straordinaria in Svizzera, si riflette chiaramente nell’andamento attuale dell’Adecco Group Swiss Job Market Index (Job Index): il numero di annunci di lavoro nel secondo trimestre del 2020 è diminuito ben del 27% rispetto al primo trimestre del 2020.

(Gli annunci di lavoro per il Job Index del 1° trimestre 2020 sono stati rilevati poco prima del 16 marzo 2020, così il confronto trimestrale mette in luce in modo ottimale la situazione prima e durante la pandemia).

«Abbiamo toccato il fondo» - «Il crollo rispetto al trimestre precedente è brusco e, per il momento, più grave rispetto alle crisi del passato, come ad esempio la crisi finanziaria, dove gli effetti sono stati meno improvvisi. Questo perché nella crisi attuale, praticamente tutti i settori della vita pubblica sociale, economica e culturale si sono dovuti fermare da un giorno all’altro, per prevenire la diffusione incontrollabile del COVID-19. Di conseguenza, sono particolarmente colpite le professioni in cui il contatto personale è di primaria importanza e viene gestito in modo molto tempestivo, come ad esempio nel settore dell’ospitalità e dei servizi alla persona», commenta Anna von Ow dell’Osservatorio del Servizio di monitoraggio del mercato del lavoro svizzero.

«L’aspetto positivo è che si è raggiunto il fondo. Il numero di annunci di lavoro si è stabilizzato a un livello basso dopo il brusco crollo delle prime tre settimane. Ma non possiamo ancora parlare di una chiara inversione di tendenza. Ciononostante, si spera in una ripresa relativamente rapida. Nel confronto internazionale, la risposta alla pandemia della Svizzera è ottima, grazie alle rapidissime misure di politica economica attuate, come mostra uno Studio di Adecco Group», illustra Monica Dell'Anna, CEO del Gruppo Adecco Svizzera.

Alberghi, ristoranti e servizi alla persona i più colpiti - Le misure di protezione hanno portato a un blocco quasi totale della vita pubblica sociale, economica e culturale. Ristoranti, parrucchieri e negozi di abbigliamento, ad esempio, sono rimasti completamente chiusi. Di conseguenza, il numero di annunci di lavoro per le professioni nel settore alberghiero e di ristorazione nonché in quello dei servizi alla persona è diminuito drasticamente (-39%). Questo gruppo professionale comprende, ad esempio, il personale di servizio e di cucina, le professioni di economia domestica o le professioni nel campo dell’igiene personale.

Male anche commercio e vendite - Il calo è massiccio anche nelle professioni del commercio e delle vendite (-35%). Questo gruppo professionale comprende, ad esempio, i dipendenti del commercio al dettaglio o il personale di cassa. Ciò significa che l’indice professionale del commercio e delle vendite, che aveva già valori relativamente bassi prima della pandemia, è attualmente al livello più basso dal 2012, anno di inizio della serie di rilevazioni.

Professioni d'ufficio ai minimi - Le professioni amministrative e d’ufficio sono attualmente a un minimo senza precedenti dall’inizio della serie di indici nel 2012. Le professioni amministrative e d’ufficio registrano da tempo un andamento sotto la media. Inoltre, il calo del -35% in questa categoria professionale è sorprendentemente forte a prima vista, poiché misure come l’home office o il distanziamento sociale sono solitamente più semplici da applicare a queste professioni rispetto, ad esempio, a quelle del settore alberghiero e della ristorazione. Questa categoria comprende le professioni commerciali e quelle nel campo della pubblicità e del marketing.

Crollo anche delle professioni manageriali - Un calo altrettanto massiccio del -35% è stato registrato nelle professioni manageriali e organizzative. Questa categoria professionale comprende, tra gli altri, direttori nel settore della ristorazione, imprenditori, alti funzionari e project manager, ma anche specialisti del personale e dell’organizzazione.

Gli altri - Gli annunci di lavoro per le professioni informatiche sono diminuiti del 26%. Questa categoria professionale comprende, ad esempio, programmatori o analisti.

Per le professioni nel settore sanitario, dell’istruzione e dei servizi pubblici, la diminuzione è del 22% ciascuno. Le professioni sanitarie comprendono, ad esempio, fisioterapisti o infermieri. Le professioni nel settore dell’istruzione e dei servizi pubblici comprendono, ad esempio, le professioni legali, assistenziali ed educative, gli insegnanti e i professionisti dei media.

Se guardiamo più da vicino le professioni dell’industria e dei trasporti, il numero di annunci di lavoro nel secondo trimestre del 2020 è inferiore di ben un quinto (-21%) rispetto a quello del primo trimestre del 2020. Il valore dell’indice di questa categoria professionale scende così al livello di fine 2015. Questa categoria professionale comprende, ad esempio, le professioni nei settori della trasformazione e lavorazione dei metalli, dell’ingegneria meccanica o della costruzione di veicoli e attrezzature.

I meno toccati - Meno colpite: le professioni dell’edilizia principale e secondaria (-18%) e della tecnologia e scienze naturali (-17%) A registrare la flessione minore nel confronto con il trimestre scorso, sono stati gli annunci di lavoro per le professioni della tecnologia e delle scienze naturali con -17%. Questa categoria professionale comprende, ad esempio, tecnici e progettisti di ingegneria civile e strutturale.

Anche le professioni nel campo dell’edilizia principale e secondaria (ad esempio muratori, elettricisti o progettisti sanitari), con un -18%, hanno subito una flessione meno forte rispetto agli altri settori.

Le professioni nel campo della finanza e dell’amministrazione fiduciaria (ad es. contabili, bancari e assicuratori) hanno registrato un calo pari a -19%, ovvero di poco inferiore a un quinto rispetto al primo trimestre del 2020.

Ridimensionamenti anche drastici - «Gli annunci di lavoro sono crollati in tutte le categorie professionali. Ciò riguarda anche le professioni che sembrano particolarmente adatte all’home office o che non richiedono un contatto diretto con altre persone (ad es. nell’informatica o, in una certa misura, nel campo tecnico- scientifico). Questi sviluppi mostrano come l’economia svizzera funzioni in modo interconnesso e come l’incertezza e le regole di comportamento abbiano notevolmente influito su un gran numero di professioni. A seconda della situazione dei partner commerciali (clienti e committenti), alcune aziende hanno dovuto essere ridimensionate, a volte in modo drastico, ad esempio perché il finanziamento dei progetti è stato messo in discussione o perché le catene di approvvigionamento sono state interrotte», commenta Anna von Ow dell’Osservatorio del Servizio di monitoraggio del mercato del lavoro svizzero.

Professioni in declino a rischio - «La situazione attuale potrebbe risultare difficile in particolare anche per le persone che esercitano professioni che secondo il nostro studio sono in declino da tempo. Come ad esempio per una parte delle professioni d’ufficio e di vendita. In questo contesto, sono utili le opportunità di formazione e riqualificazione professionale promosse attivamente da aziende e politica», commenta Anna von Ow dell’Osservatorio del Servizio di monitoraggio del mercato del lavoro svizzero.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 1 anno fa su tio
Sveglia politici. Continuate a tassare le aziende e la gente......tutte le spese aumentano annualmente e voi politici non fate niente. Per far girare l'economia..... devono girare i soldi. Continuiamo così e toccheremo sempre di più il fondo.
anndo76 1 anno fa su tio
tra le molte aziende che hanno chiuso o lasciato il ticino in particolare, internet, amazon etc che si aspettavano ?? qui si viveva con i servizi ( banche, fiduciarie etc ) e levando segreti bancari etc questo e' il risultato. Era molto scontato visto che da 10 anni o piu' non fanno nulla per attrarre investitori o altro, ma li scoraggiano con metodi "polizieschi e sospettosi".
pillola rossa 1 anno fa su tio
Grazie all'insinuante fobia del virus avete distrutto la vita di molti lavoratori. Siatene consapevoli!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 19:55:04 | 91.208.130.86