Archivio Keystone
SVIZZERA
28.05.2020 - 22:040

Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati

Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori

Dipendenti sorpresi mentre facevano shopping o la grigliata dai vicini durante l'orario di lavoro

Fonte 20 Minuten/Simon Ulrich
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Shopping o grigliate al posto di lavorare da casa? Ora ci pensano i detective privati a scovare i dipendenti indisciplinati. Lo conferma Erich Wunderli, da trentacinque anni titolare di un'agenzia investigativa a Dübendorf, nel Canton Zurigo: dalla metà dello scorso aprile per i suoi collaboratori sono aumentate le richieste da parte di aziende che hanno introdotto il lavoro a distanza. Di cosa si tratta: di seguire i dipendenti che dovrebbero trovarsi a casa davanti al computer.

«Sinora abbiamo ricevuto undici incarichi di questo tipo, di cui nove sono già conclusi» afferma Wunderli. Tra i clienti si contano società di consulenza, un consorzio farmaceutico e uno studio d'architettura. In tre casi gli investigatori hanno potuto confermare i sospetti del datore di lavoro. Un dipendente, per esempio, trascorreva giornate intere in giro per negozi. Un'altra, invece, durante l'orario di lavoro si trovava nel giardino dei vicini per una grigliata. «Senza prendere mai in mano il portatile aziendale» racconta Wunderli. Alcuni dei dipendenti sospetti erano già finiti nel mirino dei vertici aziendali prima della crisi del coronavirus. In alcune situazioni c'erano anche stati dei litigi.

La caccia ai dipendenti indisciplinati rientra tra le attività anche dell'agenzia investigativa Basilisk di Reinach (BL). In quest'ambito ha sorpreso un collaboratore di un'azienda di contabilità mentre faceva acquisti durante l'orario di lavoro. «Un altro dipendente aveva in precedenza constatato la cattiva condotta del collaboratore e lo aveva riferito al capo» spiega il responsabile Max Steiner.

Ma quanto costa far sorvegliare un proprio dipendente? Si parla di mille franchi al giorno. E questi casi conto sale velocemente fino a tremila franchi.

Comunque l'occhio dei detective privati non arriva dappertutto: è consentito sorvegliare soltanto gli spazi visibili dalla strada, come balconi e giardini. È invece vietato guardare o addirittura filmare attraverso una finestra quanto accade all'interno, per esempio in soggiorno. «Fintanto che una persona si trova dentro la propria abitazione non possiamo stabilire se stia lavorando o meno» conclude Wunderli.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 17:12:17 | 91.208.130.85