Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 min
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
SVIZZERA
28 min
Lascia il capogruppo dei Verdi in Parlamento
Lo zurighese Balthasar Glättli aspira a prendere il posto della presidente Regula Rytz
GRIGIONI
1 ora
Bimbo di quattro anni investito
Un bambino di soli quattro anni è rimasto ferito in un incidente avvenuto ieri sera a Malans.
BERNA
2 ore
Covid in Svizzera, 20 nuovi positivi e 6 morti
Il totale dei positivi sale così a quota 30'796, mentre quello delle vittime a 1'655
SVIZZERA
3 ore
Ecco quanti saremo nel 2050
Nei prossimi trent'anni ci sarà una crescita demografica marcata nel nostro Paese.
SVIZZERA
4 ore
«Recessione di proporzioni storiche»
Il capo economista di Raiffeisen Martin Neff prevede un periodo molto duro per l'economia elvetica con il crollo del PIL
SVIZZERA
4 ore
Scorte della Confederazione intatte nonostante l'assalto ai supermercati
La Svizzera rimarrà comunque dipendente dall'estero anche nel settore agroalimentare
SVIZZERA
5 ore
Il Consiglio federale non vuole correre ciber-rischi
Il Governo ha deciso di istituire un centro di competenze per la protezione della Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Quando i ristoratori applicano un "supplemento corona"
C'è chi preferisce aggiungere al conto due franchi per coprire i costi aggiuntivi, e chi aumenta i prezzi sul menù.
SVIZZERA
6 ore
Ambiente e comunicazioni, due importanti nomine a Berna
I rispettivi Uffici federali avranno due nuovi direttori.
SVIZZERA
6 ore
Coronavirus, «Non ci sarà una seconda ondata in Svizzera»
Solo ripetuti focolai di infezione, secondo Marcel Tanner, della task force della Confederazione sull'epidemia
SVIZZERA
16 ore
Si dimette il presidente della Chiesa evangelica riformata
Ci sarebbero seri indizi di violazioni delle sue competenze in un affare del Consiglio della CERS
GINEVRA
20 ore
Un aiuto svizzero per l'OMS
Una fondazione elvetica intende raccogliere fondi per supplire al mancato contributo americano.
SVIZZERA
20 ore
Più soldi per promuovere distribuzione mattutina dei giornali
La Commissione delle telecomunicazioni propone lo stanziamento di altri 40 milioni a sostegno della stampa
URI
21 ore
Venerdì si torna a circolare (anche) sul Furka
Si tratta del quarto passo urano a riaprire dopo Klausen, Oberalp e San Gottardo.
BERNA
21 ore
Daniel Koch può (finalmente) andare in pensione
L'esperto per le malattie trasmissibili dell'UFSP aveva rimandato per offrire il suo contributo quale esperto Covid-19
CANTONE
21 ore
«La stagione dei campeggi può finalmente iniziare»
Il TCS si rallegra per gli allentamenti dal 6 giugno: «La domanda è molto forte. Con oltre due mesi di ritardo si parte»
SVIZZERA
21 ore
«Una seconda ondata potrebbe provocare 5'000 morti»
Secondo un calcolo matematico elaborato dai ricercatori del Poli i principali vettori potrebbero essere i giovani.
CIPRO
22 ore
Se vuoi andare a Ayia Napa prima devi farti il test
Nessun obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti da 19 nazioni europee.
BERNA
22 ore
«I bambini hanno bisogno di spazi di gioco»
Pro Juventute chiede ai comuni la creazione di più zone adatte allo scopo
SVIZZERA
23 ore
Frenata da Berna sulla riapertura con l'Italia
Secondo il Consiglio federale la data del 3 giugno è troppo vicina. Dall'8 saranno però possibili i ricongiungimenti.
SVIZZERA
23 ore
Greenpeace contro Credit Suisse e UBS sulla protezione del clima: «Solo parole»
L'accusa dell'associazione ambientale riguarda i continui investimenti nell'industria fossile
SVIZZERA
23 ore
Tutto quello che potremo fare dal 6 giugno
Assembramenti fino a 30 persone (dal 30 maggio) e manifestazioni fino a 300 persone saranno autorizzate.
SVIZZERA
1 gior
«Cerchiamo di rinunciare ai viaggi toccata e fuga in aereo»
Il settore turistico si prepara a ripartire. A tu per tu con Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo
SVIZZERA
01.04.2020 - 14:030
Aggiornamento : 15:55

«Dobbiamo lavorare ovunque sia possibile farlo»

Le misure istituite nella lotta al Covid-19 sono confermate.

Il Governo ha pure comunicato nuove regole riguardanti il settore dell'asilo. Il ministro dell'economia Guy Parmelin garantisce l'approvvigionamento di cibo.

BERNA - Il Consiglio federale va avanti per la sua strada. Sia nel modo di combattere il Covid-19. Sia in ambito economico. «Ogni proroga mirata o un'estensione delle prestazioni di sostegno - precisa l'Esecutivo - sarà valutata rapidamente. Questa strategia, ottimizzata con interventi mirati, permette di preservare l’occupazione, garantire i salari, aiutare i lavoratori indipendenti ed evitare casi d'insolvenza per mancanza di liquidità».

Il Ministro dell'economia Guy Parmelin ha precisato che il Consiglio federale sa che la situazione è complicata, soprattutto per quei 270'000 lavoratori indipendenti - tra cui i tassisti - per ora esclusi dagli aiuti. «Ci troviamo nel mezzo della peggiore crisi dai tempi dalla Seconda guerra mondiale. Gli aiuti stanno arrivando (Parmelin ha promesso una soluzione entro mercoledì prossimo, ndr). Aumenteremo la somma degli aiuti (oltre ai 40 miliardi già promessi, ndr). Siamo coscienti che molti lavoratori indipendenti incontrano difficoltà notevoli». Il Consigliere federale ha precisato che verrà aumentato il volume delle fideiussioni, ma che aiuti a fondo perso non sono attuabili: «Metterebbero in difficoltà l'economia svizzera nel caso la crisi si prolungasse». 

Guy Parmelin ha poi chiesto di essere «creativi» per adattarsi alle direttive emanate dall'UFSP sul posto di lavoro: «Le prospettive dell'economia svizzera dipendono da questa creatività: dobbiamo cercare di lavorare ovunque sia possibile farlo».

«Maratona» - La priorità del Consiglio federale rimane comunque la sanità pubblica: «Stiamo affrontando una maratona. Non bisogna abbassare la guardia», ha ribadito Guy Parmelin precisando che anche durante le belle giornate di aprile «il popolo è invitato di rispettare le regole emanate dal Governo. So che è difficile stare in casa quando fuori splende il sole. Ma bisogna farlo. Per non buttare all'aria quanto fatto finora». Il Consigliere federale ha infine precisato che la maggior parte della popolazione si comporta bene e rispetta le direttive. 

Misure nel settore dell'asilo - Oltre alle misure economiche, il Consiglio federale si è chinato pure sul problema riguardante gli asilanti. «Le persone coinvolte nelle procedure di asilo - precisa il Governo - devono essere meglio protette dal coronavirus». Per questo motivo oggi sono state adottate una serie di misure che riguardano anche l'esecuzione degli allontanamenti. «Nel dettaglio è stato ridotto il numero di persone presenti nella stessa stanza durante le audizioni di richiedenti».  Inoltre, il termine per il ricorso contro la decisione d'asilo della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) nella procedura celere è prolungato da sette a trenta giorni. 

Termini prorogati - I termini validi per la partenza volontaria di richiedenti asilo respinti possono essere invece prorogati a 30 giorni, in particolare a causa delle limitazioni d'entrata attualmente vigenti in molti Paesi e del traffico aereo notevolmente ridotto. «Nella situazione straordinaria in cui si trova attualmente la Svizzera - precisa la responsabile del Dipartimento di Giustizia Karin Keller-Sutter - vi sarebbe la possibilità di prolungare ulteriormente i termini di partenza».

600 posti in più - Per quanto riguarda gli alloggi, le strutture militari e civili possono essere allestite più rapidamente per il settore dell'asilo. Ciò consente di mettere a disposizione ulteriori posti in casi di emergenza e di rispettare senza restrizioni in tutte le strutture federali le raccomandazioni dell'Ufficio federale della sanità (UFSP). «Al momento abbiamo meno richieste di asilo» - precisa Keller-Sutter. «Questo per i controlli alle frontiere e per i pochi voli rimasti. Abbiamo comunque deciso di mettere a disposizione 600 posti in più per gli asilanti, e questo per rispettare la distanza sociale». La metà dei posti (attualmente 4'800) saranno infatti lasciati liberi. 

Pandemia first - Interpellata da un giornalista sull'attuale situazione dei migranti in Grecia, Keller-Sutter ha precisato che il Governo vuole concentrarsi sulla situazione Svizzera. «Ho detto a suo tempo che siamo disposti ad accogliere bambini, ma vista l'attuale pandemia dobbiamo pensare prima alla nostra situazione».

Berna sta pure attuando altre misure per proteggere gli asilanti: «Stiamo studiando altri modi. Un esempio è quello di utilizzare vetri di plexiglass per separare le persone», ha precisato il direttore della SEM Mario Gattiker. «In questo ambito la collaborazione con i Cantoni è fondamentale». Il Vicepresidente della Conferenza dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia Baschi Dürr ha da parte sua sottolineato che il settore dell'asilo non è per ora in difficoltà: «Siamo al 70% della capacità delle strutture. Il problema principale è far passare il messaggio delle norme che gli asilanti devono seguire a causa di lingue e culture diverse».

Approvvigionamento garantito - Nel frattempo, il Consiglio federale ha preso dei provvedimenti precauzionali per stabilizzare il mercato agroalimentare e assicurare l'approvvigionamento del Paese, che comunque «non è assolutamente minacciato», ha precisato Parmelin. L'obiettivo è anche di scongiurare un crollo dei prezzi, con ricadute sull'intera catena di creazione del valore. Il settore della carne viene sostenuto prorogando le scadenze per i pagamenti e allentando provvisoriamente le disposizioni relative a determinate attività di controllo. Soprattutto la vendita di vitello, capretto e parti pregiate del manzo è comprensibilmente crollata con la chiusura dei ristoranti.

Tre milioni sul piatto -  Il Governo ha sbloccato oltre tre milioni di franchi per sovvenzionare le operazioni di stoccaggio di questi tipi di carne e vuole rendere flessibili le possibilità di importazione, in modo da poter reagire repentinamente a ipotetiche situazioni di penuria. Questi fondi aggiuntivi sostengono sia la filiera agricola che i macelli, dove si vogliono preservare posti di lavoro.

Infine, per soddisfare la domanda nel commercio al dettaglio, è stato deciso di aumentare il contingente doganale parziale per le uova da consumo. Anche per il burro nostrano, per la per la prima volta dopo anni, si registrano provviste insufficienti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 1 mese fa su tio
I fatti sono: il corona virus infetta circa il 10/15% della popolazione, se venisse fatto a tutta la popolazione avremo circa un milione di contaminati in Svizzera. Attualmente 120'000 tamponi fatti e 16'000 positivi, di questi solo una minima parte è minacciato da un decorso grave compreso la morte (età media 80 anni e da due a cinque patologie). In Svizzera ci sono circa 700'000 anziani sopra i 75 anni e altri 800'000 nel range tra 65 e 75 anni. Queste persone non lavorano più, tenetele chiuse in casa e fatte lavorare gli altri (senza patologie a rischio) per i quali è più facile morire sulle strisce pedonali che da CV19. Il 90% della popolazione nemmeno si rende conto delle conseguenze catastrofiche a cui va incontro l'intera economia. Se non riprendiamo il lavoro tra qualche mese il CV19 sembrerà una barzelletta in confronto alla mancanza di lavoro e soldi per far fronte ai bisogni quotidiani. I miliardi versati all'economia sono solo una goccia nell'oceano della disperazione.
francox 1 mese fa su tio
Se non ci fossero Cina e Korea a dimostrare il contrario, ci direbbero che la quarantena non è solo inutile ma anche dannosa...
Mag 1 mese fa su tio
@francox La quarantena è entrambe le cose: utile e dannosa. Per questo ci vogliono persone intelligenti a gestire la cosa pubblica.
Don Quijote 1 mese fa su tio
@francox Se non ci fosse la Cina non avremmo nemmeno il CV19
francox 1 mese fa su tio
@Don Quijote Sarà ma orami c'è, inutile guardare indietro. Loro hanno una crescita quasi a zero. Preferisco andare a piedi e avere i genitori vivi.
francox 1 mese fa su tio
@Mag La quarantena permette di non crepare, è utile. Diamo retta a chi è del mestiere e non ai vari Blocher.
Ben8 1 mese fa su tio
Lavorare con tutte le misure di sicurezza necessarie
Mag 1 mese fa su tio
@Ben8 Come sempre si dovrebbe fare.
Zico 1 mese fa su tio
Armiamoci e partite: questo il motto!
VECCHIOTTO 1 mese fa su tio
Devono decidere come i generali in guerra. Al fronte non ci sono loro.
Bandito976 1 mese fa su tio
Con le mascherine e soprattutto fornite dai datori di lavoro!
Mag 1 mese fa su tio
@Bandito976 Nei cantieri le mascherine andrebbero usate quasi sempre, visto le polveri che girano, tutte dannose per i polmoni.
sheva 1 mese fa su tio
Certo per Berna son più importanti gli asilanti delle nostre guardie die confine al fronte costrette a lavorare senza mascherine : complimenti !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 14:36:19 | 91.208.130.86