Keystone
Si fa sempre più concreta l'idea di un piano segreto nell'hotel Intercontinental di Davos
+ 27
GRIGIONI
22.01.2020 - 10:460
Aggiornamento : 14:39

Il segreto dell'hotel di Trump al WEF

Alcune fonti hanno riferito di un piano segreto, con accesso privato

di Redazione
fee/AF

DAVOS - Come spesso accade in queste occasioni, è impossibile trovare conferme. Ma qualche indizio c’è.

Quest’anno il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è tornato a Davos per il WEF, come aveva già fatto nel 2018. E anche in questo caso, stando ad alcune informazioni, avrebbe soggiornato all’Hotel Intercontinental di Davos. L’albergo a 5 stelle, noto anche come “uovo d’oro” è piuttosto distante dalla sede del WEF, ma la sua posizione sulla collina e un’architettura particolare fa sì che non passi inosservato. 

Il piano segreto - Quando Trump vi soggiornò per la prima volta nel 2018, si cominciò a diffondere l’idea di un piano segreto all’interno dell’hotel di lusso. Stando ad alcune indiscrezioni raccolte dal Blick, si troverebbe nella parte superiore dell’edificio, e sarebbe indipendente «per motivi di sicurezza». Avrebbe infatti un ingresso separato e un parcheggio sotterraneo privato. 

Voci di corridoio affermano che l’FBI abbia addirittura contribuito alla costruzione. Solo il desiderio di inserire dei vetri antiproiettile non sarebbe stato realizzato. 

Ma non ci sono conferme da fonti ufficiali, e gli addetti ai lavori hanno la bocca cucita. 

Keystone
Guarda tutte le 31 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 01:55:54 | 91.208.130.87