deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
16 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
17 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
18 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
18 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
18 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
18 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
19 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
19 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
19 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
21 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
21 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
21 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
22 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
22 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
SVIZZERA
11.09.2019 - 18:230
Aggiornamento : 20:51

Sì al congedo paternità di 2 settimane

Questo progetto, definito "minimalista" dalla sinistra e sfasato rispetto all'evoluzione della società, si è imposto su tutte le altre proposte che prevedevano periodi di congedo più lunghi

BERNA - Timoroso di inimicarsi gli ambienti imprenditoriali e di sovraccaricare le assicurazioni sociali, il Consiglio nazionale ha approvato oggi, dopo un lungo dibattito che ha visto salire alla tribuna poco meno di 60 parlamentari, l'idea di un congedo parentale di "sole" due settimane che i neo papà potranno far valere nei primi sei mesi dalla nascita di un figlio.

Il progetto accolto con 129 voti contro 62, concepito in risposta all'iniziativa popolare per un congedo parentale di quattro settimane, comporterà costi annuali che l'amministrazione stima - come precisato in aula dal consigliere federale Alain Berset - in 230 milioni di franchi finanziati mediante le Indennità per perdita di guadagno (IPG).

Il progetto, già ratificato dal Consiglio degli Stati, è pronto per le votazioni finali, ha ricordato al termine del dibattito (che ha riprodotto la classica dicotomia destra/sinistra) la presidente della Camera, Marina Carobbio (PS/TI), la quale ha diretto con mano sicura le numerose votazioni su tutte le proposte di minoranza del campo rosso-verde (e verde liberale) che propugnavano un congedo parentale, ossia per madri e padri, oscillante tra le 28 e 52 settimane.

Nessuna fortuna nemmeno per le proposte che preconizzavano un congedo paternità di quattro od otto settimane, ossia uguale a quello proposto dall'iniziativa oppure superiore. Infine, dopo aver spazzato via tutte le proposte «massimaliste» con chiare maggioranze grazie all'alleanza tra UDC, PLR e PPD, il plenum ha raccomandato con 120 voti a 67 la bocciature dell'iniziativa popolare, adeguandosi così all'opinione della commissione preparatoria e del Consiglio federale. Quest'ultimo era contrario anche a un controprogetto.

Attenti alle PMI - Nel corso del dibattito, deputati di tutte le forze politiche - con qualche eccezione - hanno riconosciuto la necessità di adeguare una legislazione non più al passo coi tempi, che prevede ancora un giorno solo quale minimo legale di congedo per i papà, quasi che avere un figlio fosse paragonabile ad organizzare il proprio trasloco.

Per i sostenitori del controprogetto, specie da ranghi del PPD e del PBD, un congedo paternità rappresenta un segnale positivo lanciato ai giovani padri, affinché anche loro s'impegnino nella cura dei figli. Oltre ad essere flessibile, dieci giorni di congedo per i neo padri sono anche sostenibili finanziariamente per la maggior parte delle piccole e medie imprese.

No proposte irrealiste - Soluzioni alternative, come un congedo parentale - ossia per madri e padri - di 38 o 52 settimane, sono irrealistiche, tenuto conto dei costi miliardari (da 1,6 miliardi a 3,4 miliardi) che ricadrebbero sulle imprese. In questo campo è meglio la politica dei piccoli passi.

I tempi sono maturi - Per il consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI), i tempi sono maturi per fissare una base minima a livello nazionale. La versione proposta dalla commissione è un compromesso ed è finanziariamente sostenibile. Spero, ha spiegato il ticinese, che un'accettazione ampia porti al ritiro dell'iniziativa, in vista di futuri ulteriori sviluppi nella politica famigliare.

In passato contrario al congedo paternità, il consigliere nazionale e imprenditore Fabio Regazzi (PPD/TI) ha dichiarato di aver cambiato idea col passare degli anni anche in seguito al confronto con i suoi dipendenti. «Sempre più ditte puntano sul welfare aziendale», ciò che le rende attrattive per la forza lavoro specializzata. Un miglior equilibrio tra vita lavorativa e famigliare ha ricadute positive anche per le aziende, ha sottolineato.

Paternità: una questione privata - In vari interventi, i democentristi hanno insistito invece sui costi di un ulteriore ampliamento della socialità, quando ancora non sono stati risolti i problemi con l'assicurazione vecchiaia.

Se proprio un futuro padre vuole concedersi una pausa per accudire il figlio, può sempre prendere vacanza mettendosi d'accordo col proprio datore di lavoro. Insomma, la paternità è questione di responsabilità individuale. La proposta democentrista di non entrata nel merito è stata tuttavia bocciata nettamente.

Situazione anacronistica - Per i fautori di soluzioni più ambiziose (Verdi liberali, Verdi e socialisti), la soluzione minimalista del controprogetto non fa che cementare la tradizionale ripartizione dei ruoli fra i sessi. La situazione attuale è anacronistica, ciò che fa della Svizzera un'eccezione tra i Paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo in Europa.

Nel suo intervento, Silva Semadeni (PS/GR) ha ricordato lo sciopero delle donne, quando mezzo milione di persone sono scese in piazza chiedendo a gran voce la realizzazione dell'uguaglianza tra i sessi, come prevede la Costituzione federale, anche in ambito famigliare.

Molti padri, ha sottolineato la deputata grigionese, vogliono assumersi più responsabilità nella cura e nell'educazione dei figli. La situazione attuale, che prevede un solo giorno di congedo legale per i neo padri, "è anacronistica". Siamo il fanalino di coda tra i Paesi europei, ha sottolineato.

Vantaggio per l'economia - Per diversi oratori favorevoli a una soluzione più generosa, un congedo parentale avrebbe il vantaggio di permettere alle donne di riprendere a lavorare in tempi brevi, con ricadute positive per tutta l'economia. Un congedo parentale non è un costo, bensì un investimento nel futuro, hanno precisato diversi deputati.

Per questo motivo, abbiamo bisogno finalmente di fare «qualcosa di rivoluzionario», ha affermato Isabelle Chevalley (Verdi liberali/VD). Non è giusto che siano sempre le donne a pagare lo scotto di una maternità, dovendo ridurre il tempo di lavoro, quando poi non vengono licenziate dopo la nascita di un figlio, ha sostenuto Lisa Mazzone (Verdi/GE).

Da ultimo ha preso la parola il consigliere federale Alain Berset, ricordando il "no" del governo sia all'iniziativa, come anche all'idea di un controprogetto. L'esecutivo privilegia soluzioni interne alle imprese o per settore economico, ha spiegato.

Tuttavia, il lungo dibattito odierno in aula, ha dichiarato, è sintomatico di quanto certi temi, come la conciliabilità tra famiglia e lavoro o il ruolo della donna nella società, interessino la società civile.

Il ministro socialista si è detto quindi persuaso della necessità di cercare una via che consenta di approfittare delle forze vive del Paese senza intaccare la competitività della piazza economica.

Commenti
 
Federica Brox 1 sett fa su fb
E questo il mondo moderno? E ci chiedete perché sempre più gente non vuole avere figli?? La nascita di un bebè deve essere un momento di gioia e sacrifici da entrambi mamma e papà non solo la mamma e un momento anche per il papà di conoscere e legarsi al bambino . Non si tratta di soldi fattori di lavoro MA DI UMANITA!
Tanja Šinko Pekar 1 sett fa su fb
E le donne come sempre rimangono penalizzate con soli 14/16 settimane di congedo 🧐?
matteo2006 1 sett fa su tio
Fin quando l'economia avrà la precedenza sulle necessità delle persone non avremo cambiamenti significanti per le nostre vite. Chi decide vuole farci pesare il proprio impegno personale quali imprenditori dimenticando che sua volta loro stessi sono padri e madri con delle necessità. Dimenticano da dove vengono, cosa li ha formati e cosa volevano per loro stessi quando non erano "nessuno" per il bene di qualcosa di superiore. Bisognerebbe iniziare a parlare realisticamente di riduzione della crescita della popolazione, limitare il numero di figli per fornire il meglio a quelli che la società può assorbire, è comunque innegabile che la crescita incontrollata sta creando problemi, non alle nostre latitudini in una misura così tangibile ma non per questo non lo possiamo definire un problema comune a tutti.
Bruna Bralla 1 sett fa su fb
Mi auguro che questi figli una volta svezzati non vengano messi a carico della comunità come succede già fin troppo spesso
Luana Jelmolini 1 sett fa su fb
Bruna Bralla cioè?
Enrico Ferrari 1 sett fa su fb
Le direttive del DECS per la scuola dell'infanzia in Ticino sono quanto meno "bislacche" 🤔🤔🤔 Mentre finalmente a Berna, dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha accolto favorevolmente il congedo paternità di due settimane, in Ticino (e solamente in Ticino) lo Stato "sottrae obbligatoriamente" a quegli stessi padri la possibilità di poter pranzare con i propri figli di 4 e 5 anni per un totale di 256 volte !!! … come se i padri, una volta svezzati i figli, non servissero più a niente 😡😡😡 Fortunatamente, grazie alla creazione dell'Associazione per il Rispetto di un'Infanzia Pedagogicamente Equa (ARIPE) ed al gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/425218938004468/, che conta oramai più di 1'300 membri sostenitori, la situazione in Ticino si sta "muovendo" per il tramite della politica e i nostri parlamentari dovranno votare prossimamente un’Iniziativa Parlamentare Elaborata" denominata “Libertà di stare a mensa o a casa per gli allievi della scuola dell’infanzia” che chiede di inserire all’art. 55 f della “Legge della scuola”, il diritto dei genitori “di scegliere se beneficiare o meno per i propri figli che frequentano le scuole dell’infanzia del servizio di refezione scolastica offerto dalla sede”. L’Associazione ARIPE, ha tuttavia già chiesto ai membri della Commissione Formazione e Cultura che, oltre alla possibilità di scelta per i propri figli di 4 e 5 anni, della refezione presso le scuole dell’infanzia, venga inserito pure nella legge il diritto di poter tenere a casa i bambini dell'"obbligatorio 1" (ossia ai 4 anni) durante il pomeriggio ... come accade già in tutti i cantoni svizzeri aderenti ad HarmoS; ed in tutti gli altri cantoni che hanno pure previsto una scolarizzazione obbligatoria già alla tenera età dei 4 anni. Ricordo infine che la legge ticinese (unicum svizzero ed europeo) prevede che i bambini di 4 e 5 anni debbano obbligatoriamente separarsi dagli “affetti familiari” per un periodo di almeno 7 ore consecutive giornaliere; senza alcuna possibilità di poter effettuare una “pausa con la propria famiglia !!! A titolo di “assurdo paragone” rammento che anche la Legge Federale sul Lavoro impone e prevede delle “pause di libera uscita” in ossequio all’ art. 15, cpv 2 che recita: “Le pause contano come lavoro, quando al lavoratore non è consentito di lasciare il posto di lavoro”
Ivan Carceo 1 sett fa su fb
d altronde Signor Ferrari siamo in Ticino un ombra grigia in Svizzera in tutto e per tutto , dal lavoro alle CM alla burocrazia alle scuole, ecc ecc in tutto e per tutto
Sara Mullis Bernardi 1 sett fa su fb
Si poteva fare meglio, soprattutto nell'ottica di non penalizzare le donne nei confronti del datore di lavoro in quanto "beneficiarie" di un congedo maternità di 14 settimane... Cmq meglio della misera giornata attualmente prevista...
Sarah Ninna 1 sett fa su fb
Sara Mullis Bernardi beneficiarie? 😂 14 settimane quando diventi madre, non sono niente, dato che la donna partorisce e allatta. Cmq da 3 gg a 2 settimane per i padri è già qualcosa. Almeno possono aiutare la moglie al rientro dall ospedale e stare un attimo con il neonato.. in 3 giorni, moglie e figlio manco tornano a casa..
SO2 1 sett fa su tio
La classica "svizzerata".... 2 settimane sono ridicole. 14 settimane facoltative pagate dallo stato sia a uomo che donna (si parlava di parita' alcuni mesi fa no?) da ripagare (tramite mancate deduzioni fiscali negli anni a seguire) e poi asilo nido gratuito e tutti e due di nuovo a lavorare...il PIL e l economia svizzera se ne fanno un baffo, basta isterie
Sarah Ninna 1 sett fa su fb
Sempre meglio di 3 giorni.. sono comunque poche 2 settimane, ma almeno è un inizio..
Vanessa De Oliveira Ganhão 1 sett fa su fb
Sarah Ninna io non la leggo nemmeno questa notizia.. perché mi viene solo il nervoso! É da molto tempo che si sa che il congedo in vigore oggi sulle madri sia inadeguato, bisognerebbe rivederlo da molto tempo, anche perché forse è il paese più indietro su un argomento così importante come “le nascite”. Ora pensare ai padri va bene, importantissimo anke questo, ma il problema rimane da troppo tempo.. e non verrà risolto con il congedo papà.. anzi! Grrrrrr
Sarah Ninna 1 sett fa su fb
Vanessa De Oliveira Ganhão Ma quì si parla dei papà, non delle mamme.. ci vuole un congedo anche per loro. Soprattutto per le mamme.. perché non è possibile che una partorisce, e si ritrova a casa completamente da sola. Mi sarebbe piaciuto avere mio marito a casa anche se per sole 2 settimane a darmi una mano.. che 14 settimane per una mamma siano poche è un dato di fatto. Almeno 6 mesi ci vorrebbero.
Vanessa De Oliveira Ganhão 1 sett fa su fb
Sarah Ninna si sì lo so che si parla dei papà.. e sarebbe bellissimo averli con noi le prime settimane! Ma x me il problema é molto più grande! Ed è quello che mi fa venire il nervoso!😤
Sarah Ninna 1 sett fa su fb
Vanessa De Oliveira Ganhão per tutti il problema è più grande di così.. ma è pur sempre un inizio.. avere a casa il papà le prime settimane è già qualcosa che avrei molto apprezzato.. sarebbe stato decisamente meglio 4 ma è pur sempre qualcosa.. all inizo hai i punti, ti ritrovi completamente sola con una cosa tutta nuova.. 3 giorni erano una presa per il culo. Cioè nemmeno si rientra a casa dall ospedale in 3 giorni..
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 09:36:59 | 91.208.130.89