ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA
50 min
Gli hacker colpiscono ancora, questa volta il Gruppo MCH
Si tratta della società che organizza eventi come Art Basel e Basel World.
SVIZZERA
1 ora
Tempesta invernale Oltralpe: venti fino a 130 km/h
La depressione è stata ribattezzata "Aurore" da Météo-France e "Hendrik" dall'Università libera di Berlino
SVIZZERA
2 ore
Alcol al volante? «Tolleranza zero»
Ci sta pensando il Parlamento dell'Unione europea. Ma la proposta trova sostenitori anche nel nostro paese
SVIZZERA/AUSTRIA
10 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
14 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
14 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
15 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
16 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
17 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
17 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
18 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
18 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
19 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
ARGOVIA
05.06.2019 - 11:350
Aggiornamento : 12:19

Céline si è suicidata, ma chi la bullizzava non si è fermato

Spuntano nuove chat in cui una delle ragazze che prendeva di mira la 13enne di Spreitenbach insulta e spaventa nuove vittime. Focus: Morire di bullismo

Leggi il nostro speciale "Morire di bullismo"

SPREITENBACH - Veniva bullizzata da tempo su Instagram e Snapchat e il 28 agosto del 2017 ha scelto di togliersi la vita, suicidandosi a 13 anni. La storia di Céline, trovata senza vita dalla madre nella loro abitazione, nel canton Argovia, aveva sconvolto la Svizzera.

Due adolescenti di Dietikon (ZH) sono stati condannati a qualche giorno di lavori sociali per coercizione, tentativi di minaccia e insulti. Ma il Ministero pubblico dei minorenni non ha riconosciuto un nesso diretto tra il suicidio della ragazza e il bullismo subito.

Per la giustizia il caso è chiuso, ma non per i genitori di Céline. Che, dopo avere denunciato il trattamento riservato alle vittime di cyberbullismo non sufficientemente protette, sottolineano come una delle persone che ritengono responsabili della morte della figlia continui a prendere di mira delle ragazzine, bullizzandole.

Alcune chat sono state mostrate durante la trasmissione “Rundschau” della SRF. «Ti sfondo la f...a» e ancora «Ti distruggo, piccola puttana». Parole che feriscono i genitori di Céline e amplificano il loro dolore, mentre conducono una battaglia personale contro il cyberbullismo.

«Sappiamo che nostra figlia non tornerà - spiega la madre -. Ma le cose devono cambiare. Ora è la politica a dover intervenire».

Dopo la morte di Céline, la 17enne di Dietikon aveva mandato un video a un’altra ragazza, in cui le diceva: «Morirai anche tu come lei». Quando lo ha realizzato, si trovava in una clinica in cui era stata ricoverata - secondo i genitori - «in seguito ai forti sensi di colpa» per la morte della 13enne di Spreitenbach.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 2 anni fa su tio
Gira e rigirala, l'origine di queste problematiche, come tante altre, va cercata soprattutto nell'educazione che i giovani hanno avuto o non hanno avuto, purtroppo, in famiglia. Se i genitori non fanno il loro duro dovere già dall'inizio, tollerando tutto e di più, il rischio che certi soggetti prendano pieghe del genere è e resterà sempre alto.
moma 2 anni fa su tio
No alle pene violenti, ma per casi del genere ci vorrebbero. In certi paesi mussulmani questo genere di schifezze non capitano. Chissà perché.
sedelin 2 anni fa su tio
i genitori dovrebbero essere consapevoli dei rischi legati ai social e dovrebbero educare il figli al buon utilizzo dei mezzi informatici, anche la scuola può fare molto per educare i giovani. é da incoscienti lasciare completamente liberi i ragazzi per quanto riguarda telefonini e compagnia brutta!
curzio 2 anni fa su tio
@sedelin Vogliamo parlare di quei genitori che permettono ai propri figli di usare i social per bullizzare?
sedelin 2 anni fa su tio
@curzio leggi o interpreti secondo tue supposizioni?
Hardy 2 anni fa su tio
E niente, inveire sul prossimo in qualsiasi maniera è una cosa di cui il genere umano non si libererà mai. Poi come dovrebbe intervenire la politica? Con l'ennesima pena sospesa con la condizionale?
navy 2 anni fa su tio
Un genitore manderebbe consciamente un suo figlio/a fuori se c’è una bufera e la temperatura è di zero gradi con il solo pigiama? La risposta è NO! Stessa cosa (peggio come si nota) per i cosiddetti “social web”!!! I filtri dovrebbero esserci ma....non è così e quando sei adolescente non hai ancora la giusta armatura.
curzio 2 anni fa su tio
@navy Quindi, è colpa della vittima?
sedelin 2 anni fa su tio
@curzio ma noo, dei genitori che lasciano completa libertà di utilizzo a giovani sprovveduti e ignari del male che nascondono i social!
curzio 2 anni fa su tio
@sedelin Quindi la colpa è dei genitori della vittima, se ho capito il tuo ragionamento...
sedelin 2 anni fa su tio
@curzio di TUTTI i genitori che si comportano come se i social fossero un gioco.
demon631 2 anni fa su tio
Togliete tutte le possibilità di andare on-line. É una vergogna questi social
curzio 2 anni fa su tio
@demon631 Togliete il social a questa schifosa bulla!
negang 2 anni fa su tio
Bisogna rinverdire vecchi metodi. Calcioni nel posteriore al bullo fino a che non la pianta.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 09:36:14 | 91.208.130.86