Keystone
Rastatt (D), uno dei punti critici
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Viaggi all'estero: tutto quello che ora c'è da sapere
Da settimana prossima saltano ulteriori limitazioni per gli ingressi in Svizzera. Ecco cosa cambia per i viaggiatori
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Neve a giugno? No: un'autostrada di grandine
Oltre Gottardo continuano le precipitazioni e gli allagamenti. Dal Giura bernese a Basilea passando per Zurigo
SVIZZERA
12 ore
PLR, il dopo Petra Gössi partirà il 2 ottobre
L'elezione del nuovo presidente è stata fissata oggi. Le audizioni sono previste per settembre
SVIZZERA
12 ore
Trentadue domande (e risposte) sugli allentamenti
Da sabato prossimo il nostro Paese vivrà una nuova fase di (grandi) allentamenti.
SVIZZERA
13 ore
Ecco il nuovo Embraer E195-E2 di Helvetic
Il velivolo arriverà venerdì a Kloten. Entro la fine di luglio è prevista la consegna di altri tre apparecchi
SVIZZERA
13 ore
Allentamenti: reazioni positive, ma anche qualche interrogativo
Gli ambienti economici si rallegrano per le decisioni comunicate oggi dal Consiglio federale.
SVIZZERA
13 ore
Il mondo della notte festeggia il suo ritorno in pista
La Federazione svizzera per club e festival è soddisfatta degli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale.
SION
17 ore
Un ponte danneggiato desta preoccupazione, chiusa una corsia
I problemi strutturali sarebbero imputabili al sale usato per la rimozione della neve.
SVIZZERA
17 ore
La Svizzera toglie la mascherina e torna in ufficio
Ecco tutti gli allentamenti che entreranno in vigore il prossimo sabato 26 giugno
SVIZZERA
17 ore
Altri 154 contagi e due decessi in Svizzera
Sono sedici gli svizzeri che hanno necessitato di un ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP.
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
18 ore
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
VAUD
18 ore
Hanno fatto saltare in aria un altro bancomat
Questa volta il colpo è stato perpetrato presso un distributore di benzina a Savigny.
SVIZZERA
18 ore
L'uomo che commissionò l'assassinio della sua compagna resta in carcere
Il Tribunale federale ha respinto il suo ricorso per ottenere la libertà condizionale: «Il rischio di recidiva è alto».
SVIZZERA
19 ore
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
GERMANIA / SVIZZERA
22.05.2019 - 17:490
Aggiornamento : 19:16

Alptransit, la Germania farà la sua parte

Il ministro dei trasporti tedesco Andreas Scheuer ha assicurato a Simonetta Sommaruga che il suo Paese si impegnerà per migliorare le vie d'accesso

BERNA - La Germania promette alla Svizzera di impegnarsi per migliorare le sue vie d'accesso ad Alptransit, per le quali è stata più volte criticata: il ministro dei trasporti tedesco Andreas Scheuer ha firmato oggi a Lipsia con l'omologa elvetica Simonetta Sommaruga una "dichiarazione" che va in tal senso.

L'obiettivo - indica una nota del Dipartimento federale dei trasporti (DATEC) - è di assicurare maggiori capacità al traffico merci ferroviario, fino a quando non sarà quadruplicata la linea della valle del Reno tra Basilea e Karlsruhe (D). Questa era rimasta completamente bloccata dal 12 agosto al primo ottobre 2017 per sette settimane in seguito al cedimento, presso Rastatt (D), del terreno su cui poggiavano i binari, causando notevoli problemi al traffico merci nel centro Europa.

In attesa del 2041 - Già nel 1996 Germania e Svizzera avevano firmato una convenzione in cui era previsto il potenziamento delle tratte tedesche in direzione delle progettate gallerie di base del San Gottardo e del Lötschberg (BE/VS), e in particolare la realizzazione di «quattro linee sull'intero percorso tra Karlsruhe e Basilea». Secondo le attuali previsioni, tuttavia, l'opera non sarà completata prima del 2041, si legge nella dichiarazione ministeriale.

Nell'attesa, tra le misure concrete convenute tra i due ministri per ovviare almeno in parte ai ritardi oltre Reno figurano da un lato «lievi potenziamenti» dell'infrastruttura sulla tratta in questione, per esempio presso il nodo di Offenburg, dall'altro miglioramenti nella gestione del traffico merci, come per esempio nel cambio dei macchinisti. La capacità per il traffico merci tra Karlsruhe e Basilea dovrebbe così salire di circa 50 treni al giorno, dagli attuali 175 a 225 nei due sensi di marcia.

È inoltre previsto un ampliamento della tratta Stoccarda-Zurigo per consentirvi il trasporto di container e semirimorchi ad alto profilo, rendendola una "alternativa a pieno titolo" in caso di congestionamento o interruzione della tratta della valle del Reno. Germania e Svizzera vogliono pure coinvolgere la Francia, affinché anche la tratta nord-sud sull'altro versante del Reno (Metz-Basilea) sia ampliata.

Accesso da sud soddisfacente - La dichiarazione ministeriale accenna anche alle tratte di accesso da sud ad Alptransit, giudicate «sufficienti a medio e lungo termine, anche perché l'Italia dispone di ben tre assi di accesso Novara-Domodossola-Sempione, Luino-Bellinzona e Milano-Chiasso)». I lavori di potenziamento in corso consentiranno, nel 2020, l'entrata in funzione del cosiddetto "corridoio di 4 metri" e, di conseguenza, il trasporto di carichi ad alto profilo sulle tratte Luino-Bellinzona e Milano-Chiasso.

Sommaruga soddisfatta - «Sono molto soddisfatta. In questo modo rafforziamo la politica svizzera di trasferimento del traffico», afferma Simonetta Sommaruga citata nella nota. Dal canto suo, Scheuer ha assicurato che il traffico merci «è la colonna portante» del sistema di trasporto tedesco. Egli ha rilevato l'importanza ambientale (trasferimento dalla strada alla rotaia con riduzione delle emissioni di CO2) della Nuova ferrovia transalpina (NFTA) e ha aggiunto che la Germania investe ogni anno 5,6 miliardi di euro (6,3 miliardi di franchi) nel potenziamento e nell'ammodernamento della sua infrastruttura.

Sommaruga e Scheuer si sono incontrati a margine del Forum internazionale dei trasporti (ITF) tenutosi nella città dell'ex Germania orientale. Il traffico merci ferroviario è stato pure al centro di un successivo incontro tra i rappresentanti dei Paesi del corridoio ferroviario (Germania, Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo e Svizzera), della Commissione europea, delle imprese ferroviarie e dei gestori dell'infrastruttura, incentrato sulle misure da adottare per migliorare la qualità e la puntualità del traffico merci ferroviario.

La consigliera federale Sommaruga "ha ammonito che tutti gli attori - imprese ferroviarie, caricatori, gestori dei terminal e dell'infrastruttura - devono assumersi le proprie responsabilità", si legge nella nota del DATEC.

Progressi in diversi settori - Durante l'incontro si è pure discusso dell'attuazione delle misure decise a seguito dell'interruzione della tratta tedesca della valle del Reno nel 2017. Secondo la nota del DATEC sono stati compiuti progressi in diversi settori, come la definizione di piani di deviazione in caso di ulteriori perturbazioni a livello internazionale o i requisiti linguistici per i macchinisti.

Attualmente ci si sta inoltre adoperando per creare le condizioni affinché la circolazione dei treni merci sui corridoi nord-sud avvenga senza interruzioni di continuità, uniformando la lunghezza dei convogli, i sistemi di protezione dei treni e le locomotive. Infine, sono in corso lavori per uniformare a livello europeo l'omologazione del materiale rotabile.

Secondo l'Ufficio federale dei trasporti solo il 44% del traffico ferroviario combinato attraverso le Alpi svizzere arriva attualmente in orario. La quota dei treni con oltre tre ore di ritardo raggiunge il 29%, secondo le cifre del 2018.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 07:33:53 | 91.208.130.89