Immobili
Veicoli

HCAPL’Ambrì rifila sei schiaffi al Davos: doppietta di Nättinen

04.12.20 - 22:31
Vittoria ampiamente meritata per i biancoblù, che piegano 6-4 i grigionesi di Wohlwend. Altre due reti di Nättinen.
keystone-sda.ch (GIAN EHRENZELLER)
L’Ambrì rifila sei schiaffi al Davos: doppietta di Nättinen
Vittoria ampiamente meritata per i biancoblù, che piegano 6-4 i grigionesi di Wohlwend. Altre due reti di Nättinen.
Sfida divertente e movimentata all’Eisstadion, dove la squadra di Cereda ha condotto le danze portandosi fin sul 4-0. In classifica i leventinesi salgono al settimo posto con 17 punti.

di Alex Isenburg

DAVOS - Dopo la discussa sconfitta contro il Friborgo in Coppa Svizzera, l’Ambrì ha avuto modo di rifarsi appieno in campionato, sconfiggendo il Davos per 4-6. La compagine ticinese è riuscita ad accaparrarsi la posta piena al termine di una prestazione corale di spessore, giocando in maniera propositiva e solida allo stesso tempo.

La partita, cominciata con venti minuti di ritardo a causa delle copiose nevicate, ha subito proposto un’occasione per parte in avvio. Dapprima è stato il rientrante Horansky a mettersi in luce e, successivamente, Ciaccio ha ben risposto all’incursione di Turunen. Dopo la penalità per sgambetto comminata a Müller, i leventinesi hanno mostrato una maggiore intraprendenza rispetto ai rivali, mantenendo con costanza il pallino del gioco. L’Ambrì, pur non creandosi grandissime occasioni da rete, ha tuttavia esercitato una pressione costante su Mayer. Non a caso, al termine dei primi 20’, il computo dei tiri in porta indicava ben 14 conclusioni biancoblù, al fronte delle 9 di marca grigionese.

Nel periodo centrale i padroni di casa hanno provato ad alzare il proprio baricentro, tuttavia il più pericoloso in avvio di tempo è stato Kostner, che per poco non ha approfittato di un intervento non impeccabile dell’estremo difensore gialloblù. Si è dovuto aspettare ancora qualche minuto, sino al 31’, per assistere alla meritatissima prima rete leventinese. È stato, manco a dirlo, il solito Nättinen a timbrare il cartellino: il Top Scorer ha sfruttato l’assist di Zwerger, concludendo in maniera tanto secca quanto precisa. Poco dopo, gli uomini di Cereda hanno stoicamente resistito a ben 84” in doppia inferiorità numerica. In seguito all’ottimo box play, l’Ambrì è poi anche riuscito a raddoppiare grazie a Grassi. Il verzaschese, beneficiando del lavoro propiziatorio e caparbio di Rohrbach, ha beffato un colpevole Mayer sul primo palo. Sul finire di tempo, invece, è stato Hischier a cogliere il montante esterno, in occasione dell’ennesima chance in powerplay avuta dai suoi.

In entrata di terzo finale, il Davos ha provato a dimezzare lo svantaggio, tuttavia a trovare il gol sono stati nuovamente gli ospiti. Infatti, a colpire è ancora stata la prima linea: assist illuminante di Zwerger e rete di Müller per il provvisorio 0-3. Appena 2’ dopo è poi arrivata la quarta segnatura di serata, con Flynn, che ha dato la parvenza di chiudere il confronto. Tuttavia, da quel momento è cominciato lo show di capitan Ambühl, che ha provato in tutti i modi a riaprire la contesa. L’attaccante della nazionale ha dapprima capitalizzato una veloce ripartenza e poi ha sfruttato il rigore guadagnato da Turunen. 

Nel primo vero momento di difficoltà per i suoi, Cereda ha quindi prontamente chiamato il timeout. La sua mossa si è rivelata azzeccata, poiché poco dopo Nättinen (chi se non lui?) ha trovato il punto del 2-5. Lo spettacolare periodo conclusivo ha poi regalato altre tre emozioni. Prima c’è stato il terzo gol di serata del Davos, poi Zwerger ha trovato il gol a porta vuota e infine è arrivato anche il conclusivo 4-6 di Baumgartner.

Per l’Ambrì, dunque, il cinismo che era venuto a mancare nei primi 20’ è poi emerso nel resto della partita. Nel terzo tempo, a causa di una retroguardia meno accorta e della pressione rivale, Ciaccio ha perso la sua imbattibilità, ma i tre punti sono comunque stati messi in cassaforte. In classifica i leventinesi salgono a quota 17 in 15 impegni, sinonimo di settimo posto.

DAVOS - AMBRÌ PIOTTA 4-6 (0-0, 0-2, 4-4)

Reti: 31’00” Nättinen (Zwerger) 0-1; 36’31” Grassi (Rohrbach) 0-2; 45’06” Müller (Zwerger) 0-3; 47’12” Flynn (Hächler, Fohrler) 0-4; 50’44” Ambühl (Paschoud) 1-4; 51’58 Ambühl 2-4; 53’40” Nättinen 2-5; 56’15” Baumgartner (Jung, Ambühl) 3-5; 58’32” Zwerger (Nättinen) 3-6; 59’59” Baumgartner 4-6.

AMBRÌ-PIOTTA: Conz; Ngoy, Fora; Fischer, Hächler; Pezzullo, Fohrler; Dotti. Horansky, Flynn, Kneubühler; Zwerger, Müller, Nättinen; Dal Pian, Novotny, Rohrbach; Grassi, Kostner, Trisconi; Goi.

Penalità: 1x2’ Davos; 7x2’Ambrì.

Note: Eisstadion Davos, 50 spettatori. Arbitri: Piechaczek, Borga; Gnemmi, Pitton.

COMMENTI
 
cle72 1 anno fa su tio
Grade Ambri? Grandi tutti!
Evry 1 anno fa su tio
Finalmente ma "modestia" ! grazie e auguri
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT